Ecodidattica

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Diffusione del particolato in Italia
    Polveri sottili

    Diffusione del particolato in Italia

    Mappa georeferenziata realizzata durante il progetto Ecodidattica
    22 marzo 2018 - Antonio Matichecchia
  • Aristotele e Galileo divisi dal PM10
    Oggi il principio indiscusso e indiscutibile da cui parte il potere dogmatico che abbiamo di fronte - incarnato dal Governo - è che sotto i 40 microgrammi a metro cubo di PM10 non vi sarebbero effetti sanitari sulla popolazione

    Aristotele e Galileo divisi dal PM10

    A che serve insegnare a scuola Galileo Galilei se gli antigalileiani li abbiamo al governo? A Taranto si muore di più e tutti gli studi epidemiologici lo attestano, ma per il Governo il Sole continua a girare attorno alla Terra. E magari la Terra è anche piatta.
    1 febbraio 2018 - Alessandro Marescotti
  • La monografia 109 della IARC

    Il PM2.5 e il PM10 causano il cancro

    Alessandro Marescotti
  • Conferenza stampa sulla tossicità delle polveri a Taranto
    Dossier di PeaceLink

    Conferenza stampa sulla tossicità delle polveri a Taranto

    "Non toccate quelle polveri" è un dossier divulgativo in cui si chiede una valutazione dell'impatto sanitario di tutte le polveri a Taranto, anche di quelle che le centraline Arpa non riescono a "vedere" con gli stumenti di misurazione del Pm10 e del PM2,5. E nel frattempo si chiede alla ASL: quali precauzioni occorre prendere per proteggere chi ad esempio pulisce i balconi?
    14 settembre 2016 - Associazione PeaceLink
Polveri sottili

Cosa è il PM10?

9 maggio 2017 - Arpa Puglia

Il PM10 è l’insieme di particelle con diametro aerodinamico inferiore a 10 micrometri (µm).

Queste particelle, per via delle ridotte dimensioni, possono penetrare nell’apparato respiratorio generando impatti sanitari la cui gravità dipende, oltre che dalla quantità, dalla tipologia delle particelle.

Il PM10 si distingue in primario, generato direttamente da una fonte emissiva (antropica o naturale), e secondario, derivante cioè da altri inquinanti presenti in atmosfera attraverso reazioni chimiche.

Per il PM10 il D. Lgs 155/2010 fissa due valori limite: la media annua di 40 microgrammi/m3e la media giornalieradi 50 microgrammi/m3 da non superare più di 35 volte nell’anno solare.

Note:

Il micrometro è un'unità di misura della lunghezza corrispondente a un milionesimo di metro (cioè millesimo di millimetro).

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)