I paesi africani e la riforma dell'ONU

12 aprile 2005
Fonte: China Radio International - 12 aprile 2005

Oggi nel corso della quarta conferenza ministeriale fra l'Unione Africana e l'Unione Europea, il presidente di turno dell'Unione Africana e ministro degli Esteri nigeriano Oluyemi Adeniji ha ribadito che nella futura riforma degli organismi dell'Onu, i paesi africani devono ottenere due seggi permanenti al Consiglio di Sicurezza, nel frattempo la riforma dell'Onu deve integrare il problema della sicurezza e quello dello sviluppo. La suddetta affermazione di Adenigi esprime l'aspirazione dei paesi africani di partecipare agli affari internazionali e di ricercare il proprio sviluppo.

Il continente africano, dalla lunga storia ed una delle culle della civiltà umana, comprende attualmente 53 paesi. Negli ultimi anni, di pari passo con la loro successiva liberazione dal dominio coloniale e realizzazione dell'autonomia e indipendenza, la loro speranza e richiesta di partecipare agli affari internazionali e di svolgere un maggiore ruolo sulla scena mondiale si sono fatte sempre più forti. Tuttavia fra i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza, non figura nessun paese africano. Perciò dopo che è stato avanzato il piano di riforma dell'Onu, nel febbraio scorso la conferenza dei ministri degli Esteri di 15 paesi africani ha raggiunto un accordo, decidendo di impegnarsi per cercare di ottenere due seggi permanenti al Consiglio di sicurezza, in modo da permettere all'Africa di svolgere un ruolo maggiore nella partecipazione agli affari globali. La suddetta richiesta avanzata dai paesi africani è appoggiata da alcuni paesi, fra cui la Cina. Il portavoce del Ministero degli Esteri Liu Jianchao ha rilevato che senza la stabilità e la prosperità africane, non sono possibili la pace e lo sviluppo mondiali. La Cina appoggia lo svolgimento da parte dei paesi africani di un maggiore ruolo nei vari organismi dell'Onu, ivi compreso il Consiglio di Sicurezza.

Nel mondo attuale l'economia si sta rapidamente sviluppando, con un sempre maggiore divario fra i paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo. Alcuni paesi africani affrontano addirittura il pericolo della marginalizzazione, quindi attualmente lo sviluppo è il più urgente problema per questi paesi. Tuttavia lo sviluppo africano ha di fronte numerose difficoltà e condizioni sfavorevoli come guerre e conflitti, il pesante fardello di debiti e le calamità naturali, mentre l' irragionevole vecchio ordine economico internazionale limita ad un certo livello lo sviluppo dell'economia africana. Quindi per realizzare lo sviluppo sostenibile dell'Africa, si rendono necessari sia l'impegno autonomo dei paesi africani che le iniziative concrete della comunità internazionale, in particolare dei paesi avanzati occidentali. Tuttavia negli ultimi anni, di pari passo con i nuovi cambimenti del quadro internazionale, il problema della sicurezza è diventato il centro dell'attenzione dei paesi occidentali. Addirittura alcuni paesi hanno avanzato la proposta che la riforma dell'Onu debba far perno sul problema della sicurezza. In tale situazione, il ministro degli Esteri nigeriano Adeniji ha lanciato un appello, sottolineando che la riforma dell'Onu deve prestare la stessa attenzione ai problemi della sicurezza e dello sviluppo. Questo non solo rappresenta la posizione dell'Unione Africana, ma riflette anche le aspirazioni di molti paesi in via di sviluppo.

Occorre dire che la riforma dell'Onu offre l'occasione ai paesi africani di ricercare lo sviluppo e la partecipazione agli affari internazionali. Come l'organizzazione internazionale più autorevole, l'Onu deve prestare la dovuta attenzione alle richieste dei paesi africani, permettendo all'antico continente africano di realizzare al più presto la sua rinascita. Solo così la riforma dell'Onu potrà essere applicata con successo e l' autorevolezza dell'organismo ulteriormente rafforzata.

Note: Fonte: http://it.chinabroadcast.cn/1/2005/04/12/64@31826.htm

Unione Africana:
http://www.africa-union.org/

Articoli correlati

  • Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero
    Europace
    Sull'aggressione militare russa in Ucraina

    Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero

    Di fronte a una possibile escalation che può far scoppiare una terza guerra mondiale l’UE deve chiedere l’immediato cessate il fuoco in Ucraina, la costituzione di corridoi umanitari e l’invio di Caschi blu dell’Onu come forza di interposizione e di aiuto umanitario.
    11 marzo 2022 - Nicola Vallinoto
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici
    Ecologia
    ONU, 2021-2030 dedicato al ripristino degli ecosistemi

    Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici

    La situazione è grave, il nostro pianeta sempre più inquinato, in forte crescita l’uso di plastica, prodotti chimici e pesticidi. La pandemia ha intensificato il rilascio di rifiuti nell’ambiente.
    29 giugno 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)