La dichiarazione di Berlino: Noi, popoli d'Europa

Pubblichiamo la bozza della "Dichiarazione di Berlino" che la presidenza tedesca ha sottoposto al vaglio dei governi europei.

22 Marzo 2007

Bandiera dell'Europa Noi, popoli d'Europa, siamo uniti nella nostra buona fortuna come Stati Membri dell'Unione Europea. Il nostro Continente è stato devastato dalla guerra, la sua economia era in rovina ed era diviso da fossati ideologici. L'integrazione europea ci ha portato pace e prosperità. Ogni Stato Membro ha contribuito ad unire l'Europa e a rafforzare la democrazia e la legalità. È grazie al desiderio di libertà dei popoli dell'Europa Centrale e Orientale che anche la divisione dell'Europa è stata ora superata».

«Nell'Unione Europea noi, popoli d'Europa, viviamo e lavoriamo insieme in maniera unica. L'Unione Europea è basata su eguaglianza e diritto, tolleranza e solidarietà reciproche. L'integrazione consente all'Europa di preservare le particolarità e le molteplici tradizioni dei suoi membri. I confini aperti e una vibrante varietà ci arricchiscono. Molti obiettivi non possono essere raggiunti
individualmente ma solo insieme. Per questa ragione noi suddividiamo i compiti tra Unione Europea, Stati Membri, regioni e autorità locali. Noi assicuriamo un equilibrio di interessi tra gli Stati Membri. L'Unione Europea continuerà a trarre beneficio dalla sua apertura e dalla cooperazione degli Stati Membri nel consolidare lo sviluppo interno dell'Ue».

«Noi, popoli d'Europa, siamo di fronte a grandi sfide. La nostra risposta ad esse è l'Unione Europea. Solo insieme possiamo preservare il nostro modello sociale europeo per il futuro. Questo modello combina successo economico e responsabilità sociale a beneficio di tutti i cittadini dell'Unione Europea. Il mercato unico e l'euro ci rendono tanto forti da modellare crescente interconnessione economica e concorrenza secondo i nostri valori. La ricchezza dell'Europa risiede nella conoscenza e nelle competenze dei suoi cittadini - questa è la chiave per la crescita, l'occupazione e la coesione sociale».

«Per fare questo dobbiamo costantemente rinnovare la forma politica dell'Europa. Per questa ragione oggi, cinquant'anni dopo la firma dei Trattati di Roma, siamo uniti nell'obiettivo comune di rinnovare, in tempo per le elezioni del Parlamento Europeo del 2009, le fondamenta comuni sulle quali l'Europa è costruita.
Noi, popoli d'Europa, siamo consapevoli che l'Europa è la nostra buona fortuna!».

Articoli correlati

  • Missionari in piazza
    Alex Zanotelli
    Roma, piazza Montecitorio, 24 luglio 2019

    Missionari in piazza

    Contro l'approvazione del decreto sicurezza bis che criminalizza ulteriormente chi soccorre i migranti in mare
    23 luglio 2019
  • L'Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli chiede aiuto
    Sociale
    Cittadinanza Attiva

    L'Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli chiede aiuto

    L'AIASP ONLUS (Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli), ha una lunga storia di iniziative sociali e culturali dalla parte dei popoli, dei più deboli, contro le ingiustizie e per i diritti, contro l'esclusione culturale
    17 aprile 2019 - Laura Tussi
  • “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”
    Disarmo

    “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”

    Un'associazione pacifista sarda denuncia, presso le Procure di Roma e di Cagliari, cinque Ministri dell'attuale Governo gialloverde. Ipotesi di reato: traffico d'armi verso l'Arabia Saudita e concorso nelle stragi commesse dai sauditi nello Yemen.
    28 febbraio 2019 - Redazione
  • L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano
    Pace
    Nonostante i concreti rischi di una insurrezione o di una invasione militare...

    L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano

    Eppure sarebbe stato possibile votare una risoluzione che esiga il pieno rispetto della legalità, sia all'interno del paese, sia sul piano internazionale. Come ha già fatto il Consiglio di Sicurezza dell'ONU, quando ha rifiutato di riconoscere l'usurpatore Guaidò (notizia taciuta dai mass media)
    14 febbraio 2019 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)