Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Senza l'Unità d'Europa a rischio l'Unità d'Italia

4 maggio 2010 - Nicola Vallinoto (direzione nazionale del Movimento federalista europeo)

The Flag of Europe waving

Contrariamente a quanto ha affermato il presidente Giorgio Napolitano durante la visita genovese allo stabilimento di Ansaldo Energia, in occasione dei festeggiamenti per i 150 anni dell'Unità d'Italia, ovvero che "il nazionalismo con le sue degenerazioni è alle nostre spalle" credo che la possibilità di uno sgretolamento della costruzione europea sia più che mai attuale.

I risultati delle ultime elezioni europee con l'avanzata di partiti ultra-nazionalisti e xenofobi e i recenti moniti che provengono dalla Grecia ci mostrano come siano a rischio non solo la moneta unica ma anche l'intera costruzione comunitaria.

Se i cittadini europei e i loro leader politici non decidono, celermente, di completare il processo di unificazione con la federazione europea, obiettivo indicato sin dal 1950 nella dichiarazione Schuman di cui il 9 maggio ricorrono i 60 anni, il rischio di una implosione dell'Unione europea è reale e neanche tanto improbabile come hanno evidenziato diversi economisti.

I cittadini europei si trovano di fronte a una scelta: da un lato, la chiusura identitaria e nazionalista che porta alla inevitabile decadenza della civiltà europea; dall'altro, l'apertura cosmopolita e federalista che conduce al progetto di un'Europa "libera e unita" indicata nel Manifesto di Ventotene.

Nell'interesse di tutti speriamo che scelgano la seconda via, la più difficile e, anche, la sola che consentirà di offrire un futuro alle nuove generazioni.

Licenza: Pubblico Dominio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)