“Questo è il tempo di creare un grande movimento mondiale a sostegno dell’Onu e di un nuovo ordine internazionale giusto, pacifico e democratico.”

Padova, 18-20 novembre - Riprendiamoci l'Onu

Seminario internazionale sul futuro dell'Onu e delle istituzioni internazionali
in preparazione del V Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre
8 novembre 2004
Fonte: Tavola della Pace

Padova 18-20 novembre 2004 Riprendiamoci l'Onu

Comune di Padova – Università di Padova

Programma
(struttura del programma)

Giovedì 18 novembre 2004
Sala Anziani - Palazzo Moroni (sede del Comune), via del Municipio 1
Ore 15.30 –18.30

Riunione congiunta del Comitato nazionale per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'Onu e del Comitato italiano per l'Onu dei Popoli

Venerdì 19 novembre 2004
Salone del Palazzo della Ragione, via del Municipio 1
Ore 9.30 –13.00: Prima Sessione plenaria

Sessione dedicata alla presentazione del seminario, degli obiettivi e del metodo di lavoro, delle principali proposte e iniziative avviate nel mondo.

“Suoni di Pace”, intervento al pianoforte del maestro Luciano Basso

Ore 15.30 –18.30

1° Gruppo di lavoro (Sala Anziani- Palazzo Moroni)

Per la sicurezza e lo sviluppo umano. L'ordine internazionale che vogliamo costruire è…

Dibattito sull'ordine internazionale che vogliamo costruire e sui suoi elementi portanti. Un ordine mondiale pacifico, giusto, equo e democratico basato sui diritti umani contro un ordine mondiale gerarchico e diseguale orientato alla guerra e alla competizione del mercato. Quale futuro per l'Onu, la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale, l'Organizzazione mondiale per il Commercio…

2° Gruppo di lavoro (Aula Nievo – Università di Padova, Palazzo del Bò, via VIII Febbraio 2)

Le sfide e le opportunità. Proposte per una strategia comune
Dibattito sulle sfide che siamo chiamati a fronteggiare e le risposte che intendiamo mettere al centro del nostro impegno comune.

Sabato 20 novembre 2004
Ore 9.30 –13.00

3° Gruppo di lavoro (Sala Anziani- Palazzo Moroni)

Le proposte, gli obiettivi e le priorità di una mobilitazione mondiale
Dibattito teso a verificare quali proposte comuni possono essere messe oggi al centro di una mobilitazione mondiale

4° Gruppo di lavoro (Aula Nievo – Università di Padova)

Agenda 2005: elementi per un piano d'azione della società civile mondiale
Dibattito teso a definire un piano d'azione globale e nazionale da presentare e proporre al FSM di Porto Alegre 2005

Ore 15.30 –18.30: Sessione plenaria conclusiva
Aula Magna – Università di Padova, Palazzo del Bò, via VIII Febbraio 2

Sessione dedicata alla presentazione dei rapporti dei quattro gruppi di lavoro, alla illustrazione del documento finale e al dibattito conclusivo

-----------------------------

La segreteria del Seminario è presso la Sala Nuova Giunta di Palazzo Moroni (sede del Comune) via del Municipio 1

Il Seminario di Padova vuole essere l'occasione per:

 definire una strategia comune per democratizzare e rafforzare l'Onu e ridurre lo strapotere della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale;

 decidere di lanciare –con tutti gli interessati- una campagna mondiale per il rafforzamento e la democratizzazione dell'Onu e avviare la sua definizione;

 avviare il dibattito su una strategia comune che potrebbe promuovere un analogo processo di democratizzazione nella Banca Mondiale, nel Fondo Monetario Internazionale e nell'Organizzazione Mondiale del Commercio;

 impostare un piano d'azione e di comunicazione globale e nazionale per il 2005

 decidere cosa fare insieme su questi temi nell'ambito del Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre 2005

Il Seminario è promosso da: Tavola della pace, Comune di Padova, Centro Diritti Umani dell'Università di Padova, Coordinamento nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani, Campagna per la riforma della Banca Mondiale e da alcune organizzazioni e reti del Consiglio Internazionale del Forum Sociale Mondiale: Assemblea dell'Onu dei Popoli, Ibase, InterPressService, Euralat, Cives, Attac Brasile, Conseu, Cadtm, Ubuntu, Social Watch

Per informazioni e adesioni: Tavola della Pace, via della viola 1 (06100) Perugia - Tel. 075/5736890 - fax 075/5739337 - email: segreteria@perlapace.itwww.tavoladellapace.it

Allegati

  • Riprendiamoci l'Onu

    13 Kb - Formato rtf
    programma del seminario organizzato dalla Tavola della Pace a Padova dal 18 al 20 novembre 2004

Articoli correlati

  • Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici
    Ecologia
    ONU, 2021-2030 dedicato al ripristino degli ecosistemi

    Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici

    La situazione è grave, il nostro pianeta sempre più inquinato, in forte crescita l’uso di plastica, prodotti chimici e pesticidi. La pandemia ha intensificato il rilascio di rifiuti nell’ambiente.
    29 giugno 2021 - Maria Pastore
  • Un'agenda per il disarmo
    Disarmo
    Garantire il nostro futuro comune

    Un'agenda per il disarmo

    Il portoghese António Guterres, nono Segretario Generale delle Nazioni Unite, ha assunto l'incarico il 1º gennaio 2017 e ha scritto un importante documento, l'Agenda ONU per il disarmo, di cui qui riassumiamo alcuni punti salienti.
    2 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Agenda ONU per il disarmo nucleare
    Disarmo
    Una speranza di cambiamento mondiale

    Agenda ONU per il disarmo nucleare

    Le armi nucleari sono le armi più pericolose sulla terra. Una piccola ogiva può distruggere un'intera città, ma qui parliamo di arsenali che possono sterminare centinaia di milioni di persone, mettendo a repentaglio l'ambiente naturale e la vita delle generazioni future
    14 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare
    Pace
    Lo studio A/57/124 è stato richiesto con risoluzione 55/33 dell'Assemblea Generale ONU 20/11/2000

    Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare

    Questo studio è stato presentato al primo comitato dell'Assemblea generale dell'ONU nella sua 57a sessione il 9 ottobre 2002. Nello studio si prevede che l'educazione al disarmo proietti a tutti i livelli i valori della pace, della tolleranza, della nonviolenza e del dialogo fra i popoli.
    23 marzo 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)