Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Porto Alegre, l'appello dei movimenti sociali

Appello dei movimenti sociali alla mobilitazione contro la guerra, il neoliberismo, lo sfruttamento e l'esclusione per un altro mondo possibile
Fonte: www.carta.org - 31 gennaio 2005

Siamo movimenti sociali riuniti nell'ambito del V Forum sociale. Il grande successo di partecipazione, plurale e di massa, al Fsm ci da la possibilita' e la responsabilita' di fare piu' e meglio le nostre campagne e mobilitazioni per estendere e rendere piu' forti le nostre lotte.

Quattro anni fa il grido collettivo e globale che "Un altro mondo e' posssibile" ha svelato la menzogna che il dominio neoliberista e' inevitabile cosi' come la "normalita'" della guerra, della disuglianza sociale, del razzismo, delle caste, del patriarcato, dell'imperialismo e della distruzione dell'ambiente. Cosi' come i popoli si appropriano di questa verita', la loro forza si fa incontenibile e si va materializzando in azioni concrete di resistenza, rivendicazione e proposta.

Per questo la novita' della nostra epoca e' il consolidamento e l'estensione dei movimenti sociali in tutti i continenti e la loro capacita' di costruire nella diversita' nuove convergenze e azioni comuni a scala mondiale.

In questo ambito, decine di milioni di uomini e di donne si sono mobilitati in ogni angolo del mondo per la pace, contro la guerra e l'invasione capeggiata da Bush contro l'Iraq. I Vertici come il G8 e l'Omc, il Fmi e la Bm, nei quali pochi pochi pretendono di decidere per tutti e tutte, sono stati messi sotto accusa e delegittimati dalle azioni dei movimenti sociali. Le lotte popolari in difesa della natura, dei diritti dei popoli e dei beni comuni, contro la loro privatizzazione, come quelle della Bolivia, dell'Uruguay e di altri popoli, dimostrano la possibilita' di mettere in crisi il dominio neoliberista. Ci si aprono nuovi spazi di lotta politica e sociale.

Il neoliberismo e' incapace di offrire un futuro degno e democratico all'umanita'. Tuttavia, oggi riprende l'iniziativa rispondendo alla sua crisi di legittimita' con la forza, la militarizzazione, la repressione, la criminalizzazione delle lotte sociali, l'autoritarismo politico e l'ideologia reazionaria. Milioni di uomini e di donne soffrono ogni giorno. Vogliamo ricordare la guerra nel Congo che ha gia' causato 4 milioni di vittime. Per tutto questo, un altro mondo non e' solamente possibile ma necessario e urgente.

Coscienti che il nostro cammino e' lungo, chiamiamo tutti i movimenti del mondo a lottare per la pace, i diritti umani, sociali e democratici, il diritto dei popoli a decidere il loro destino e la cancellazione immediata del debito estero dei paesi del sud, a partire dall'Agenda che condividiamo nel V Fsm.

Agenda di Lotta

Chiamiamo tutte le organizzazioni e i movimenti sociali che hanno partecipato al Fsm e a quelle che non sono potute venire a Porto Alegre a lavorare uniti ad una campagna per la Immediata e incondizionata cancellazione del debito estero e illegittimo de paesi del sud, cominciando con i paesi vittime dello Tsunami e gli altri che hanno sofferto terribili disastri e crisi nei mesi recenti.

Sosteniamo i movimenti sociali del sud che si dichiarano creditori del debito storico, sociale ed ecologico. Esigiamo il riconoscimento internazionale di questi debiti per arrestare il loro incremento, ed esigiamo il recupero dei nostri ecosistemi e il risarcimento ai popoli. Esigiamo che vengano sospesi i progetti e gli accordi di "integrazione" che favoriscono il saccheggio delle risorse naturali dei paesi del sud.

Appoggiamo l'esigenza dei movimenti sociali di contadini e pescatori delle aree colpite dallo Tsunami perche' i fondi per l'emergenza e la riabilitazione siano amministrati direttamente dalle comunita' locali in modo da evitare nuovi debiti, colonizzazione e militarizzazione.

A due anni dall'invasione dell'Iraq, l'opposizione mondiale alla guerra e' piu' grande che mai. Per il movimento contro la guerra e' tempo di aumentare le azioni e di non fare retromarcia. Esigiamo la fine dell'occupazione dell'Iraq. Esigiamo che gli Stati uniti smettano di minacciare l'Iran, il Venezuela e altri paesi. Ci impegnamo a stabilire piu' contatti con le forze contro l'occupazione in Iraq e nel Medio Oriente. Rinforzeremo le nostre campagne contro le imprese transnazionali compromesse con l'occupazione, sosteniamo i soldati che rifiutano la partecipazione alla guerra e difendiamo gli attivisti perseguitati perche' le si oppongono. Chiamiamo i movimenti a mobilitarsi il 19 di marzo in una grande giornata di azione globale per esigere il ritiro delle truppe di occupazione dall'Iraq. Non piu' guerra.
Appoggiamo tutte le campagne per il disarmo e la demilitarizzazione, compresa la campagna contro le basi Usa nel mondo, quella per il disarmo nucleare, quella per il controllo del commercio delle armi e per tagliare le spese militari.
Con la scusa del "libero commercio", il capitalismo neoliberista avanza nello smantellamento degli stati, nella deregulation delle economie e nella "legalizzazione" dei privilegi per le imprese transnazionali attraverso i trattati del libero commercio. Scofitto l'Alca dalla pressione popolare, adesso si vorrebbe obbligare il Centroamerica e altri paesi a sottoscrivere trattati di libero commercio bilaterali che i popoli rifiutano. In Europa la Direttiva Bolchestein dell'Unione europea vuole imporre la privatizzazione completa dei servizi pubblici. In questo ambito chiamiamo tutte e tutti a mobilitarsi durante le Giornate di Azione Globale dal 10 al 17 aprile, nel vertice dei paesi delle Americhe, nel Mar de la Plata, Argentina, nel novembre 2005; e di fronte alla sesta riunione ministeriale della Omc ad Hong Kong nel dicembre 2005.

Appoggiamo la Marcia mondiale delle donne, che realizzano una nuova campagna di azioni femministe globali, percorrendo il mondo, partendo mda San Paolo l'8 marzo, e terminando il 17 ottobre in Burkina Faso, per riaffermare il nostro impegno nella lotta contro il neoliberismo, il patriarcato, l'esclusione e la dominazione. Convochiamo tutti i movimenti a costruire in questo periodo azioni femministe contro il libero commercio, il traffico sessuale, la militarizzazione e per la sovranita' alimentare.

- Appoggiamo gli sforzi dei movimenti sociali e delle organizzazioni che promuovono la lotta per la dignita', la giustizia, l'eguaglianza e i diritti umani, specialmente quelli dei Dalit, dei discendenti di africani schiavi, dei popoli indigeni, dei Rom, dei burakumins e i piu' oppressi settori della societa'.

- Chiamiamo alla mobilitazione di massa contro il vertice del G8 in Scozia, dal 2 all'8 luglio. Andremo per le strade e parteciperemo al contro-vertice ad Edimburgo e a Gloneagles. Esigiamo: Che la poverta' sia cancellata dalla storia; che si fermi la guerra; che si cancelli ild ebito; che si imponga una tassa globale sulle trasazioni finanziarie per finanziare lo sviluppo.

- Protestiamo contro le politiche neoliberiste e l'appoggio militare dell'Unione europea nei confronti dell'America latina. Convochiamo una mobilitazione della solidarieta' tra popoli in occasione del vertice dei presidenti dell'America latina e della Ue nel maggio 2006 a Vienna, Austria.

- Lottiamo per il diritto universale a una alimentazione sana e sufficiente. Lottiamo per il diritto dei popoli, delle nazioni, dei contadini, a produrre i loro alimenti. Manifestiamo contro i sussidi all'esportazione, che distorcono le economie e le comunita' rurali. Eviteremo il dumping alimentare. Rifiutiamo gli alimenti transgenici, perche', oltre a mettere a rischio la nostra salute e l'ambiente sono strumenti per il controllo dei mercati da parte di cinque imprese trannazionali. Rifiutiamo i brevetti su qualunque forma di vita e specialmente sui semi e contro chi pretende di appropriarsi dei nostri mezzi e della conoscenza ad essi associati.

Esigiamo la riforma agraria come strategia che permette di garantire l'accesso dei contadini alla terra, che sia la garanzia di una alimentazione sana e sufficiente, e che non si concetri nelle mani delle transnazionali e dei latifondisti.

Esigiamo che si annullino le azioni contro i contadini di tutto il mondo, la liberazione immediata dei contadini e dei prigionieri politici nel mondo, la sospensione della militarizzazione delel zone rurali.

Appoggiamo la produzione sostenibile basata sulla difesa delle risorse naturali: sottosuolo, acqua, boschi, aria, biodiversita', patrimonio ittico, ecc. Appoggiamo la spinta alla produzione organica e agroecologica.

Chiamiamo alla mobilitazione nel giorno mondiale dei contadini il 17 aprile; e nell'anniversario della morte di Lee il 10 settembre contro l'Omc.

- Appoggiamo le campagne e le lotte in difesa dell'acqua come bene pubblico, contro la sua privatizzaizone e per il riconoscimento dell'accesso all'acqua come diritto umano, come la campagna "No alla Suez in America latina". Invitiamo a partecipare al Forum internazionale del 18-20 marzo a Ginevra.

Condividiamo l'esigenza di costruire un'alleanza tra movimenti sociali e reti per un "contratto mondiale per il clima: un mondo solare e' possibile". L'energia e' un diritto alla vita e un bene comune. La lotta contro la poverta' e il cambiamento climatico esigono che l'energia sostenibile sia tra le priorita' delle iniziative e delle campagne del movimento sociale. Sosteniamo la marcia internazionale sul clima di novembre.

La "responsabilita' sociale delle transnazionali" non e' riuscita ad eliminare gli abusi e i crimini delle multinazionali. Per questo deve essere seriamente sfiduciata. I movimenti lavoreranno insieme per togliere potere alle multinazionali, per fermare i loro abusi e i loro crimini. Le comunita' devono avere la liberta' di proteggersi da sole, di proteggere il loro ambiente e la societa' dal dominio delle multinazionali.

Sosteniamo le campagne contro le transnazionali che violano i diritti umani, sociali e sindacali, come quelle contro Nestle' e Coca Cola in Colombia; e, Pepsi Cola in India.

Sosteniamo la lotta del popolo palestinese per i suoi diritti fondamentali e nazionali, compreso il diritto al ritorno, basato sul diritto internazionale e le risoluzioni dell'Onu.

Chiediamo alla comunita' internazionale e ai governi di imporre sanzioni politiche ed economiche a Israele, compreso l'embargo sulle armi. Chiamiamo i movimenti sociali a mobilitarsi anche per il boicottaggio e la fine degli investimenti. Questi sforzi hanno l'obiettivo di fare pressione su Israele per sviluppare le risoluzioni internazionali e rispettare il parere della Corte internazionale di giustizia sulla fine della costruzione e la distruzione del Muro illegale dell'apartheid e di farla finita con l'occupazione.

Sosteniamo le attivita' di attivisti israeliani per la pace e i refusenik nella loro lotta contro l'occupazione.

Condanniamo l'ingiusto embargo contro Cuba e chiediamo un processo giusto per i cinque cubani arrestati negli Usa. Allo stesso modo, esigiamo il ritiro immediato delle truppe militari straniere ad Haiti.

Riconosciamo la diversita' di opzioni sessuali come un'espressione di un mondo alternativo e condanniamo la loro mercificazione. I movimenti si impegnano a condividere la lotta contro le esclusioni in nome delle identita', del genere e dell'omofobia. Uniremo le nostre voci contro tutte le forme di mercificazione del corpo, delle donen e delle persone Glbt.

Appoggiamo il processo di costruzione di una rete globale di movimenti sociali impegnati nella difesa dei migranti, dei rifugiati e desplazados. Il neoliberismo e le politiche della "guerra contro il terrore" hanno prodotto una crescita della criminalizzazione dei migranti, della militarizzazione delle frontiere, della clandestinita' e della disponibilita' di forza lavoro sottopagata. Appoggiamo la campagna per la ratifica della Convenzione delle Nazioni unite per i diritti dei migranti, che nessun governod el nord vuole accettare. Appoggiamo la campagna per costituire un organismo indipendente che emetta sanzioni contro i governi che nonr ispettano la Coinvenzione di Ginevra per i rifugiati e i diritti dei migranti e delle migranti.

Appoggiamo le campagne e le lotte per i diritti dei bambini e delle bambine, contro lo sfruttamento del lavoro e sessuale, contro il traffico dei bambinie il turismo sessuale.

Appoggiamo il grido degli esclusi, dei senza voce, per sviluppare una campagna di solidarieta' attiva e dare forza alla marcia mondiale in cui gli oppressi e le oppresse, gli esclusi e le escluse del pianeta possano alzare la loro voce per conquistare il diritto a una vita degna.

Dal 14 fino al 16 settembre, nell'assemblea generale dell'Onum i capi di governo di tutto il mondo prenderanno decisioni sulla riforma delle Nazioni unite e revisioneranno i loro impegni per combattere la poverta'. Sono solo i principali responsabili dell'attuale situazione critica dell'umanita'. Appoggiamo l'appello delle reti internazionali che invitano alla mobilitazione globale il 10 settembre, per un nuovo ordine mondiale denmocratico e contro la poverta' e la guerra.
Appoggiamo l'appello per una mobilitazione il 17 novembre, giornata internazionale degli studenti, in difesa dell'educazione pubblica, la privatizzazione e la transnazionalizazzione dell'educazione.

In solidarieta' con il Venezuela, la gioventu' del mondo e' chiamata a partecipare al sedicesimo Festival mondiale della gioventu' e degli studenmti, dal 7 al 15 agosto.
La comunicazione e' un diritto umano fondamentale.

Sosteniamo l'appello per le mobilitazioni nell'ambito del Vertice mondiale della societa' della comunicazione a Tunisi il 16-18 novembre. Appoggiamo l'appello per una forte convenzione internazionale sulla diversita' culturale e ci opponiamo alla mercificazione dell'informazione e della comunicazione della Omc.

Sosteniamo l'economia sociale come espressione concreta di una alternativa di sviluppo giusto, solidale, democratico ed equo.

In difesa della salute pubblica e contro la sua privatizzazione, chiamiamo tutti i popoli del mondo a una lotta permanente.

Chiamiamo alla mobilitazione nell'ambito dell'assemblea generale della difesa della salute dei popoli a Cuenca, in Peru', nel 2005 e al Forum mondiale della salute nell'ambito del Fsm in Africa del 2007.

Questa e' una piccola rassegna dei movimento sociali in lotta.

Globalizziamo la lotta, globalizziamo la speranza.

movsoc@uol.com.br www.movsoc.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)