Una scelta di civiltà per resistere alla "deformazione" televisiva

Fatevi suggellare la Tv e non pagate il Canone Rai

Il potere-risorsa del dissenso come percorso alternativo e creativo per spezzare il dominio mediatico e protestare contro la scarsa qualità dei programmi.
30 gennaio 2005
Matteo Della Torre (Coordinatore Casa per la nonviolenza)

Mamma e bambino che leggono in alternativa a guardare la Tv

SUGGELLARE O SIGILLARE?
"Suggellare" è il termine tecnico usato dalla Rai per indicare l'operazione di cui si parla in questo articolo.
Dopo aver boicottato i prodotti pubblicizzati nei programmi mediocri, violenti o indecenti, e successivamente aver scelto di spegnere la Tv, la mia famiglia ha richiesto la via formale del sigillamento dell’apparecchio televisivo il 28.12.2000 per protestare contro la scarsa qualità dei programmi Tv, per denunciare la scandalosa manipolazione delle informazioni, per testimoniare che è possibile fare a meno dell’idolo TV, vivere meglio ed essere anche molto più correttamente informati dei tele-dipendenti.
http://italy.peacelink.org/pace/articles/art_6238.html
Lo abbiamo fatto richiedendo ufficialmente alla RAI di sigillare la Tv e per questo abbiamo versato Euro 5.16, a mezzo vaglia postale, intestato a S.A.T. – Sportello Abbonamenti TV - Casella postale 22 – 20121 Torino ed inviato l'apposita cartolina D (B se è recente) allegata nel libretto di abbonamento nella parte 2.
Cos’è il sigillamento della Tv? E’ un atto tecnico-amministrativo che comporta l'insaccamento del televisore in un telo di juta adeguatamente sigillato da parte della Guardia di Finanza. Con il sigillamento – e soltanto dopo averlo formalmente richiesto con apposito versamento alla RAI (mai prima) – non si ha più l’obbligo di pagamento del Canone RAI. Una precisazione si rende necessaria. L’obiezione fiscale non è l’opzione dei furbi. Chi non paga il canone non ha diritto di vedere la Tv. Solo con il sigillamento del proprio elettrodomestico si può eticamente e legalmente praticare questa forma di protesta.
Vi consigliamo di non guardare la televisione e conquistare la libertà di farne a meno. Ciò è possibile, ve lo confermiamo. In Italia, lo 0,2% delle famiglie ha scelto di non vedere la Tv e vive bene; è più informata degli utenti televisivi, perché investe i soldi risparmiati del canone televisivo nell’acquisto di libri e di abbonamenti a riviste di controinformazione.

Matteo Della Torre
sarvodaya@libero.it
www.uomoplanetario.org

Note: 1. "Diamo il blackout al rimbambimento televisivo, http://italy.peacelink.org/pace/articles/art_6238.html
2. http://www.abbonamenti.rai.it/ordinari/canone.asp#DisdettaAbbonamento
3. Se non si ha il libretto di abbonamento è possibile, dopo aver versato il Vaglia Postale, spedire una lettera in busta chiusa Raccomandata con Ricevuta di Ritorno, all'indirizzo:
S.A.T. - CASELLA POSTALE 22 - 20121 TORINO
con il seguente testo:
Spett. S.A.T. - CASELLA POSTALE 22 - 20121 TORINO
Il sottoscritto chiede la cessazione del Canone TV e chiede di far suggellare il televisore (N° di Ruolo .......................... ) a colori detenuto presso la propria abitazione. A tale scopo ha corrisposto l’importo di £ 10.000 a mezzo vaglia postale n° ....................... del ....../......./19...... sul quale ha indicato il numero di ruolo dell’abbonamento. Dichiara altresì di non essere più in possesso del libretto di abbonamento e chiede a norma degli art. 2 e 8 della L. 241/1990 quale procedimento amministrativo intende seguire la S.A.T. ai fini del completamento di quanto disposto dall’art. 10 del R.D. n. 246 del 21/02/1938.
Cognome ........................................................... Nome...........................................................
Via ..................................................... Città ..................................................... CAP .............
Data ..................................... Firma .....................................


Note sull'autore: http://db.peacelink.org/tools/author.php?l=sarvodaya
Note sulla Casa per la nonviolenza: http://db.peacelink.org/associaz/scheda.php?id=1155

Articoli correlati

  • Una lettera aperta alla capogruppo di "Liberi e Uguali" al Senato
    Migranti
    Alla Senatrice Loredana De Petris:

    Una lettera aperta alla capogruppo di "Liberi e Uguali" al Senato

    Abrogare le misure razziste e incostituzionali, criminali e criminogene, imposte dal governo della disumanita' particolarmente con i due cosiddetti "decreti sicurezza della razza"
    30 agosto 2019 - Peppe Sini
  • Simone Weil, una vita di generosita' e abnegazione
    Storia della Pace
    Attivista e donna di cultura

    Simone Weil, una vita di generosita' e abnegazione

    Ricorre il 24 agosto l'anniversario della scomparsa, nel 1943, di Simone Weil, pensatrice somma, testimone di pace, resistente antifascista, maestra di nonviolenza.
    24 agosto 2019 - Peppe Sini
  • Cosa e' l'antifascismo
    Sociale
    Tutte le vittime vanno salvate

    Cosa e' l'antifascismo

    L'antifascismo e' la nonviolenza, non altro che la nonviolenza. L'antifascismo e' l'affermazione che ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta' e che ogni persona bisognosa di aiuto tu devi soccorrerla, accoglierla, assisterla.
    18 agosto 2019 - Peppe Sini
  • Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino
    Pace
    Centro Studi Sereno Regis, PeaceLink, Disarmisti Esigenti:

    Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino

    La nonviolenza è il filo conduttore sia per il caso Ilva di Taranto sia per il modello Riace: razzismo ambientale, razzismo verso i migranti
    16 agosto 2019 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)