Genova

Cofferati, perché sei venuto a piazza Alimonda?

Osservazioni al discorso del sindaco sul terrorismo
4 agosto 2006
Haidi Gaggio Giuliani
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

Il 20 luglio 2002 Sergio Cofferati è venuto in piazza Alimonda: ha portato dei fiori e si è chinato, il grande segretario della più grande confederazione sindacale, per depositarli davanti alla cancellata della chiesa di piazza Alimonda, per Carlo Giuliani, ragazzo. Per un ragazzo, cioè, che si era ribellato ad una repressione violenta e insensata, un ragazzo che aveva scelto di stare con gli ultimi, frequentatore di centri sociali, illegalmente occupati, un ex tossicodipendente, anche se anomalo, anche se per brevissimo tempo, che di tossicodipendenti ed emarginati si stava occupando, uno fermato perché aveva guardato male due agenti che stavano arrestando un extracomunitario (così è scritto tra i suoi "precedenti penali"); uno che aveva ben presente, e rispettava, la legge grande della nostra Carta Costituzionale ma che aveva infranto le piccole leggi e i codicilli pre e post fascisti, tanto utili a perseguire le nostre generose gioventù. Ieri ero a Bologna, come spesso mi accade ogni 2 agosto, come mi accadeva anche prima, da quando una bomba fascista ha fatto strage di vite e di democrazia. E ho ascoltato le parole del Sindaco e ho sentito dire che i ragazzi come Carlo, quelli che stanno dalla parte dei deboli e dei senza casa, costituiscono il "brodo di coltura del terrorismo". Da vecchia comunista ho sempre pensato che l'origine di tutti i mali fosse lo sfruttamento, degli esseri umani e dell'ambiente, fosse l'ingiustizia, fosse la guerra, che è la somma di tutte le violenze… Il giorno prima ero stata in piazza, alla tenda dei Rom che stanno protestando con grande dignità, e lo sciopero della fame, contro lo sgombero delle loro famiglie da uno stabile abbandonato, che costituisce comunque l'unica possibilità di riparo per donne e bambini. E prima ancora ero stata a salutare per l'ultima volta Agostino Lo Russo, padre di Francesco, morto senza giustizia, senza che un Tribunale avesse mai risposto alla sua disperata richiesta di Giustizia. Non c'era, il Sindaco, al funerale di Agostino, ma nella piazza della stazione ripete che vuole far rispettare la legalità; non la Legge Costituzionale, la legalità. Ma allora, perché è venuto in piazza Alimonda?!

Articoli correlati

  • La strage neofascista sul treno Italicus
    Storia della Pace
    La lista delle vittime

    La strage neofascista sul treno Italicus

    Tra la notte del 3 e 4 agosto 1974 un ordigno esplose sul treno Italicus proveniente da Roma e diretto a Monaco di Baviera via Brennero, uccidendo 12 persone.
    4 agosto 2021 - CNDDU
  • Moni Ovadia in Rai per la strage di Bologna
    Pace
    Moni Ovadia commemora la strage di Bologna

    Moni Ovadia in Rai per la strage di Bologna

    La Rai ha realizzato un filmato nel 2011 incentrato sullo straziante monologo di Moni Ovadia in ricordo delle vittime innocenti del terrorismo per la strage alla stazione di Bologna di comprovata matrice fascista
    4 agosto 2021 - Laura Tussi
  • La strage di Reggio Emilia
    Pace
    Dopo questi orribili fatti il governo Tambroni si dimise

    La strage di Reggio Emilia

    Partigiani e operai assassinati nella strage del 7 luglio 1960: fu un cortocircuito tra la società civile e antifascista e le istituzioni
    6 luglio 2020 - Laura Tussi
  • Left. Mai più, la vergogna italiana dei lager per immigrati
    Migranti

    Left. Mai più, la vergogna italiana dei lager per immigrati

    Un libro in edicola con Left sulla storia rimossa dei Cpt/Cie/Cpr dalla Turco-Napolitano ad oggi
    11 ottobre 2019 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)