Latina

Ma nel Guerrero torture e sparizioni continuano a persistere

Il Senato messicano elimina la tortura e la pena di morte dalla Costituzione

L'Associazione dei Familiari dei Detenuti Desaparecidos mette in discussione il ruolo della Fiscalìa Specializzata per i Movimenti Sociali e Politici del Passato
16 aprile 2005
David Lifodi

Alcune settimane fa il Senato messicano aveva cancellato dalla Costituzione pena di morte e tortura, addirittura con 79 voti a favore e 2 contrari. Se la pena di morte era in realtà già sparita di fatto da tempo dall'ordinamento messicano (l'ultima esecuzione risale al 1961), le pratiche di tortura invece continuano a persistere, nonostante la decisione del Senato sia stata pubblicizzata come un atto che indicava una grande evoluzione dello Stato in materia di diritti umani.
In realtà si tratta soltanto della sacrosanta cancellazione di pratiche profondamente lesive del rispetto dei diritti della persona, che purtroppo però continuano a persistere in certi stati del Messico, è il caso del Guerrero, insieme alla sparizione forzata.
"La Jornada" ha denunciato che negli ultimi 15 anni sono stati almeno venti i casi di persone tratte in arresto dalla Polizia Giudiziaria e Preventiva e scomparsi nel nulla, nonostante l'impegno dell'Associazione dei Familiari dei Detenuti Desaparecidos e delle Vittime delle Violazioni dei Diritti Umani in Messico. A finire sotto accusa è stata la Fiscalìa Specializzata per i Movimenti Sociali e Politici del Passato, che secondo gli attivisti per i diritti umani non avrebbe risolto alcuno dei numerosi casi presentatisi durante gli ultimi tre anni.
"Tortura e sparizioni" – ha dichiarato il presidente del Centro dei Diritti Umani Abel Barrera Hernandez – "sono dovute a due ex direttori della Polizia Giudiziaria, Jaime Figueroa ed Edilberto Solìs Ramirez", ma le fazioni parlamentari si sono sempre rifiutate di occuparsi del problema, arrivando non solo a rifiutare la proposta di approvazione di una legge speciale sulla sparizione forzata, ma anche a classificare la desapariciòn come reato grave.
L'eliminazione della tortura dalla Costituzione si configura quindi come una decisione di facciata, ma è tutto il sistema giudiziari messicano a destare non poche perplessità. Basti pensare all'arresto arbitrario di cinque campesinos in occasione degli scontri avvenuti nel municipio di Tila (Chiapas) lo scorso 15 Febbraio. Con il pretesto di risolvere un conflitto post-elettorale a Tila la Polizia era intervenuta arrestando 49 indigeni, di cui 5 sono stati trattenuti per poco più di un mese nonostante non avessero commesso alcun reato. Appartenenti al Coordinamento Regionale Nord-Selva della Società Civile in Resistenza, i cinque contadini hanno trascorso il mese di detenzione in una "casa di sicurezza" ed ora hanno deciso di presentare una denuncia per "reati commessi da funzionari pubblici". "Credo che per il bene dello stato del Chiapas non possono continuare ad accadere fatti come questi: operazioni di polizia dove invece di arrestare uno, ne arrestano un altro che è innocente e lo danneggiano fisicamente e psicologicamente, oltre a fargli perdere un mese di lavoro. Per questo è giusto che ci sia una sanzione per quelli che hanno ordinato questo tipo di operazione e per quelli che l'hanno eseguita", ha denunciato il portavoce della Società Civile in Resistenza.
Il Senato messicano ha inteso cancellare definitivamente pratiche come la tortura dichiarate ufficialmente decadute, ma che in realtà continuano a mantenersi ben radicate soprattutto nei casi in cui vige di fatto l'impunità a livello giudiziario e le stesse autorità sono spesso coinvolte in episodi poco chiari, come dimostrano gli abusi di Tila e il ruolo ambiguo giocato dalla Fiscalìa Specializzata per i Movimenti Sociali e Politici del Passato in relazione alle sparizioni nel Guerrero.

Note: "Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando
la fonte e l'autore".

Articoli correlati

  • Messico: accordo capestro con gli Stati uniti
    Latina
    I negoziati commerciali usati da Trump come merce di scambio per risolvere la questione migratoria

    Messico: accordo capestro con gli Stati uniti

    Amlo ha accettato le condizioni di Trump trasformando il suo paese nel cortile di casa degli Usa
    13 giugno 2019 - David Lifodi
  • Messico: intervista con Mario Robles e Roberto Escorcia
    Latina
    I docenti messicani dell’Universidad Autónoma Metropolitana (Uam) parlano della presidenza di Amlo

    Messico: intervista con Mario Robles e Roberto Escorcia

    Andrés Manuel López Obrador rappresenta una reale speranza di cambiamento, ma al tempo stesso alcuni suoi modi di fare politica sono tipici del vecchio priismo.
    25 maggio 2019 - David Lifodi
  • Messico: le grandi opere della discordia
    Latina
    Il presidente Andrès Manuel López Obrador non ascolta la società civile

    Messico: le grandi opere della discordia

    Nuovi aeroporti, centrali termoelettriche e Tren Maya provocano la militarizzazione del paese e rendono più vulnerabili i lottatori sociali
    8 maggio 2019 - David Lifodi
  • Messico: terrorismo di Stato contro gli attivisti sociali
    Latina
    Cecilia López Pérez vittima di intimidazioni mafiose

    Messico: terrorismo di Stato contro gli attivisti sociali

    La militante del Frente Nacional de Lucha por el Socialismo denunciava le sparizioni forzate
    10 aprile 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)