Latina

I contadini lottano per la sovranità alimentare e l'autodeterminazione dei popoli latinoamericani

I contadini, gli indigeni e gli afrodiscendenti di Ecuador, Bolivia, Perú, Venezuela e Colombia, riuniti a Bogotá, hanno vigorosamente rifiutato la negoziazione del Trattato di Libero Scambio (TLC) con gli Stati Uniti.
18 maggio 2005
Foro andino campesino
Fonte: www.prensarural.org - 30 marzo 2005

I contadini, gli indigeni e gli afrodiscendenti di Ecuador, Bolivia, Perú, Venezuela e Colombia, riuniti a Bogotá, hanno vigorosamente rifiutato la negoziazione del Trattato di Libero Scambio (TLC) con gli Stati Uniti. Questa la dichiarazione finale del Foro Andino Contadino del Coordinamento Latinoamericano delle Organizzazioni della Terra (CLOC-Vía Campesina), che ha avuto luogo dal 15 al 18 di marzo scorso.

Le delegazioni dell'area andina hanno annunciato consulte popolari e mobilitazioni per affermare l'autodeterminazione dei popoli, contro il TLC che Colombia, Ecuador e Perù stanno negoziando con gli Stati Uniti. Hanno altresì denunciato come la firma di questi accordi commerciali significherebbe lo sterminio per più di 30 milioni di contadini, indigeni ed afrodiscendenti, che da migliaia di anni gestiscono la propria sovranità alimentare, proteggendo la biodiversità e la propria identità culturale e gestendo con successo lo sviluppo della propria gente.

Secondo queste organizzazioni - tra le quali spicca Fensuagro - negli ultimi decenni le politiche neoliberiste imposte ai paesi andini hanno lasciato quale eredità la distruzione delle economie locali, delle culture e delle abitudini di vita contadine.

I rappresentanti andini della CLOC hanno aggiunto che gli accordi bilaterali di libero scambio tra i loro paesi e gli Stati Uniti hanno quale scopo primario quello di ricollocare all'ordine del giorno il neoliberismo, dopo il clamoroso fiasco dell'ALCA.

Il Foro Andino ha proposto che ci si impegni, al contrario, su di un'integrazione tra e con i Paesi dell'America Latina e dei Caraibi, un accordo che porta il nome di ALBA e che prevede lo sviluppo del commercio dell'intera regione.
Alexi Monsalve, il delegato venezuelano, ha detto che l'ALBA si pone quale obiettivo lo sviluppo dell'intera America Latina a livello scientifico, tecnologico, delle telecomunicazioni, dell'energia, delle infrastrutture viarie, della migrazione in un'unità socio culturale di base.

I contadini, gli indigeni e gli afrodiscendenti dell'America Latina torneranno nuovamente a riunirsi ad ottobre, in Guatemala.

Tradotto da Vincenzo Puggioni per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le fonti, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos
    Latina
    Il presidente Duque militarizza il paese e utilizza il pugno di ferro

    Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos

    Eppure il levantamiento non si ferma, frutto di una protesta contro le disuguaglianze sociali figlie del duqueuribismo, ma non solo
    4 giugno 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Colombia: terrorismo di stato
    Latina
    Continua la violenta repressione contro le proteste che proseguono dal 28 aprile scorso

    Colombia: terrorismo di stato

    Il nuovo levantamiento era iniziato contro la riforma tributaria imposta, e poi ritirata, dal presidente Duque
    18 maggio 2021 - David Lifodi
  • Il  Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio
    Latina
    Gran parte degli omicidi commessi avviene per mano della polizia

    Il Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio

    Sotto la presidenza di Iván Duque sono stati uccisi 167 leader indigeni
    22 gennaio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)