Latina

Colombia: il Governo criminalizza il movimento indigeno

15 leaders Kuankanamo arrestati per ribellione
22 luglio 2005
Fonte: associazione A Sud

La polizia colombiana ha emesso una accusa per il delitto di "ribellione"
contro 15 indigeni Kankuamos della Sierra Nevada di Santa Marta. Gli
accusati sono liders indigeni, alcune autorità tradizionali, donne madri di
famiglia e giovani, tutti colpevoli di aver denunciato in questi anni la
repressione portata avanti dall'Esercito Nazionale contro il loro popolo.

Le autorità giudiziarie e carcerarie hanno disconosciuto tutti i diritti
inerenti ai popoli indigeni, tra i quali, la cultura, tradizione e
giurisdizione speciale indigena; così come garanzie giudiziarie e il
diritto alla difesa riconosciuto in alcuni casi. Queste violazioni si sono
tradotte in detenzioni, nella rasatura dei capelli e nel sequestro degli
strumenti culturali tradizionali. Persino nel caso della detenzione delle
madri capo famiglia non sono state riconosciute le loro condizioni
adducendo l'argomento della "pericolosità".

Queste accuse evidenziano la doppia morale della Polizia: da un lato attiva
nei processi di criminalizzazione dei movimenti indigeni e dall'altro
inoperosa, mantenendo nell'impunità i 230 crimini di lesa umanità commessi
contro il popolo Kuankuamos negli ultimi anni, nei quali esistono prove
processuali inconfutabili per le azioni e le omissioni dell'Esercito
Nazionale, Battaglione di Artiglieria No. 2 La Popa, spesso connivente con
la strategia paramilitare.

Sollecitiamo la società civile italiana e le forze politiche domocratiche,
progressite ed ecologiste ad esigere alle autorità colombiane:

1. la libertà immediata per gli indigeni Kuankuamos ingiustamente detenuti
ed il pieno riconoscimento della giurisdizione speciale indigena;

2. pieno rispetto per le garanzie processuali degli indigeni Kuankuamos
detenuti, così come per i loro costumi, tradizioni e cultura;

3. una indagine effettiva, indipendente ed imparziale sugli oltre 230
crimini di lesa umanità commessi contro il popolo Kuankuamo.

Note: indirizzi :




- Álvaro Uribe Vélez, Presidente de la República de Colombia.

auribe@presidencia.gov.co



- Fernando Londoño Hoyos. Ministro de Justicia e Interior.

mininterior@myrealbox.com

ministro@minjusticia.gov.co



- Francisco Santos, Vicepresidente de la República de Colombia.

fsantos@presidencia.gov.co



- Programa Presidencial de Derechos Humanos.

ppdh@presidencia.gov.co





OFICINA DEL ALTO COMISIONADO DE NACIONES UNIDAS EN COLOMBIA.

Fax. (571) 6292190- 6292405

e-mail: oacnudh@hchr.org.com



LUIS CAMILO OSORIO

Fiscal General de la Nación

Diagonal 22B No. 52-01 Bogotá.

Telefax (571) 5702000 ext. 2034

E-mail: contacto@fiscalia.gov.co

Articoli correlati

  • Colombia: un regime criminale e una oligarchia assassina
    Latina
    Sei omicidi di ex combattenti e di almeno 32 leader sociali

    Colombia: un regime criminale e una oligarchia assassina

    La Missione di Verifica dell'Organizzazione delle Nazioni Unite in Colombia (ONU) con un comunicato in data 9 maggio ha espresso preoccupazione per gli omicidi di ex membri delle forze armate rivoluzionarie dell'esercito popolare colombiano (FARC-EP), che in buona fede hanno deposto le armi.
    10 maggio 2020 - Francesco Cecchini
  • Nuove minacce contro il Venezuela bolivariano
    Latina
    Una taglia sul presidente Maduro e altri dirigenti chavisti

    Nuove minacce contro il Venezuela bolivariano

    La Colombia al fianco degli Stati uniti per destabilizzare il paese
    8 aprile 2020 - David Lifodi
  • America latina: dal corona virus al corona golpe
    Latina
    Provvedimenti repressivi in Uruguay, Bolivia, Colombia, Cile

    America latina: dal corona virus al corona golpe

    La pandemia utilizzata dai governi di destra per ristabilire l’ordine pubblico. E crescono gli omicidi contro i lottatori sociali
    3 aprile 2020 - David Lifodi
  • Le Ande rivendicano democrazia e giustizia sociale
    Latina
    In Bolivia, Cile e Colombia prosegue la protesta

    Le Ande rivendicano democrazia e giustizia sociale

    Duque, Piñera e Añez rappresentano solo gli interessi dell’oligarchia
    8 dicembre 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)