Latina

Radio Stereo Samalà si era sempre distinta per la promozione e la difesa dei diritti umani

Guatemala: il governo chiude una radio comunitaria

Proteste da parte della popolazione
8 dicembre 2005
David Lifodi

Nel giorno in cui in Guatemala si celebra "el dia del locutor" (istituito dallo stato nel dicembre 1978), una sorta di omaggio al ruolo degli speaker radiofonici che si dedicano a intrattenere e informare la popolazione del Guatemala, la Sovrintendenza delle Telecomunicazioni ha deciso di chiudere una radio comunitaria. Le radio comunitarie in America Latina sono divenute uno strumento di controinformazione di primaria importanza, tanto da avere una crescita e un aumento di ascolto in questi ultimi anni.
La chiusura di Radio Stereo Samalà, dietro la quale sembra nascondersi direttamente la regìa del governo Berger, è stata considerata dalla popolazione come un affronto e una provocazione, oltre che come una violazione del diritto di espressione e di informazione. Il direttore della radio Javier Solis, a cui è stato imposto inoltre il pagamento di una multa di diecimila dollari, ha sottolineato che sebbene Stereo Samalà non avesse tutti i requisiti legali per andare in onda, era comunque nella situazione tante altre radio guatemalteche non sanzionate da simili provvedimenti ad opera del governo.
La popolazione ritiene che la chiusura della radio sia dovuta principalmente alla sua vocazione sociale, non a caso Stereo Samalà si è sempre distinta per la promozione e la difesa dei diritti umani, oltre che essere stata una tra le poche emittenti radiofoniche ad informare i cittadini durante i giorni drammatici dell'uragano Stan. I guatemaltechi non si sono limitati alle semplici proteste, e si sono rivolti al Centro de Reportes Informativos sobre Guatemala (Cerigua) per chiedere alla Sit (Superintendencia de Telecomunicaciones) di riflettere sulla decisione presa e possibilmente tornare indietro proprio perché Stereo Samalà è una radio al servizio dei cittadini.
In questo stesso giorno sembra quanto mai appropriata la denuncia del presidente della Camara de Locutores Profesionales de Guatemala (Clpg) Eduardo Mendoza, che prima di cedere il suo incarico al successore Jaime Archila ha ricordato la difficile situazione in cui devono operare i giornalisti in America latina, spesso fatti oggetto di minacce e intimidazioni in quanto "colpevoli" di fare informazione in modo onesto e indipendente.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia
    Sociale
    La cerimonia si è svolta presso l'auditorium "De Franchis" nella sede di Alife - Caserta

    Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia

    I figli di Stefania Formicola, vittima di femminicidio, ricevono il "Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia". Agnese Ginocchio, ha presentato un proprio brano dal titolo "E' tempo di pensare...", dedicato alla prima “Giornata Internazionale delle coscienze” indetta dall’ONU
    17 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Guatemala: la resistenza di El Estor alla miniera di nickel
    Latina
    Il presidente Giammattei ha inviato l’esercito e imposto lo stato d’assedio

    Guatemala: la resistenza di El Estor alla miniera di nickel

    La miniera è di proprietà della svizzera Solway Investment Group, che il 7 dicembre 2021 ha replicato a questo articolo
    21 novembre 2021 - David Lifodi
  • Il silenzio dei pacifisti
    Pace
    Un medesimo filo conduttore: i diritti umani.

    Il silenzio dei pacifisti

    Le campagne lanciate da PeaceLink mirano alla liberazione di persone innocenti e a garantire processi equi: Guantanamo, Assange, Hale. E' gravissimo che paghino col carcere i testimoni che hanno rivelato crimini di guerra.
    20 novembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)