Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il tessitore dei diritti umani
    Iqbal Masih, tredici anni, è stato ucciso a Lahore il 16 aprile 1995

    Il tessitore dei diritti umani

    Iqbal Masih era colpevole: colpevole per essersi ribellato alla mafia dei tappeti, allo sfruttamento minorile ed aver istigato altre persone a seguire il suo esempio
    3 marzo 2018 - Giacomo Alessandroni
  • Stephane Hessel
    Nel quinto anniversario della scomparsa

    Stephane Hessel

    Stephane Hessel ha partecipato eroicamente alla Resistenza francese (catturato dai nazisti e deportato nel campo di sterminio di Buchenwald riusci' a evadere e continuare la lotta) e dopo la guerra ha lavorato al Segretariato generale dell'Onu ed e' stato uno dei principali redattori della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
    27 febbraio 2018 - Peppe Sini
  • Honduras scosso da una crisi terribile dei diritti umani

    Honduras scosso da una crisi terribile dei diritti umani

    Elezioni fraudolente e usurpazione presidenziale annunciano forte instabilità
    5 febbraio 2018 - Giorgio Trucchi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
Radio Stereo Samalà si era sempre distinta per la promozione e la difesa dei diritti umani

Guatemala: il governo chiude una radio comunitaria

Proteste da parte della popolazione
8 dicembre 2005 - David Lifodi

Nel giorno in cui in Guatemala si celebra "el dia del locutor" (istituito dallo stato nel dicembre 1978), una sorta di omaggio al ruolo degli speaker radiofonici che si dedicano a intrattenere e informare la popolazione del Guatemala, la Sovrintendenza delle Telecomunicazioni ha deciso di chiudere una radio comunitaria. Le radio comunitarie in America Latina sono divenute uno strumento di controinformazione di primaria importanza, tanto da avere una crescita e un aumento di ascolto in questi ultimi anni.
La chiusura di Radio Stereo Samalà, dietro la quale sembra nascondersi direttamente la regìa del governo Berger, è stata considerata dalla popolazione come un affronto e una provocazione, oltre che come una violazione del diritto di espressione e di informazione. Il direttore della radio Javier Solis, a cui è stato imposto inoltre il pagamento di una multa di diecimila dollari, ha sottolineato che sebbene Stereo Samalà non avesse tutti i requisiti legali per andare in onda, era comunque nella situazione tante altre radio guatemalteche non sanzionate da simili provvedimenti ad opera del governo.
La popolazione ritiene che la chiusura della radio sia dovuta principalmente alla sua vocazione sociale, non a caso Stereo Samalà si è sempre distinta per la promozione e la difesa dei diritti umani, oltre che essere stata una tra le poche emittenti radiofoniche ad informare i cittadini durante i giorni drammatici dell'uragano Stan. I guatemaltechi non si sono limitati alle semplici proteste, e si sono rivolti al Centro de Reportes Informativos sobre Guatemala (Cerigua) per chiedere alla Sit (Superintendencia de Telecomunicaciones) di riflettere sulla decisione presa e possibilmente tornare indietro proprio perché Stereo Samalà è una radio al servizio dei cittadini.
In questo stesso giorno sembra quanto mai appropriata la denuncia del presidente della Camara de Locutores Profesionales de Guatemala (Clpg) Eduardo Mendoza, che prima di cedere il suo incarico al successore Jaime Archila ha ricordato la difficile situazione in cui devono operare i giornalisti in America latina, spesso fatti oggetto di minacce e intimidazioni in quanto "colpevoli" di fare informazione in modo onesto e indipendente.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)