Latina

Marcos attacca Madrazo e Lopez Obrador

Messico: "L'Altra Campagna" esclude il dialogo con i candidati presidenziali

Si è aperto un vivace dibattito tra gli intellettuali messicani sull'"Altra Campagna"

31 gennaio 2006
David Lifodi

E' arrivata in Tabasco "L'Altra Campagna" organizzata dagli zapatisti, e anche in questa circostanza Marcos ha attaccato duramente il candidato presidenziale del Pri, Madrazo, e quello del Prd, Lopez Obrador.
Il subcomandante, adesso autodenominatosi Delegado Zero, ha sostenuto che nessuno dei due vuol occuparsi realmente di risolvere i problemi della popolazione. Questi ultimi giorni sono stati probabilmente i più tesi da quando è iniziato il viaggio della Comandancia General dell'Ezln il 1 gennaio scorso. Marcos ha dapprima rifiutato l'appello rivoltogli dal Prd affinché le organizzazioni aderenti all'"Altra Campagna" si unissero all'"Alianza Por el Bien de Todos", e poi ha invitato apertamente tutti i perredisti intervenuti alle riunioni dell' "Altra Campagna" a non parteciparvi più perché non era il loro posto. Gli attacchi sistematici che l'Ezln rivolge a Lopez Obrador hanno suscitato un ampio dibattito anche su La Jornada, dove si è aperta una vivace discussione tra gli intellettuali. Uno degli ultimi commenti sull'"Altra Campagna", firmato da Guillermo Almeyra, avanza delle critiche verso l'Ezln. Lo scopo principale delle prossime elezioni dovrebbe essere quello di evitare il trionfo dei candidati della destra radicale, e il rischio dell'"Altra Campagna" potrebbe essere quello di un astensionismo che spalancherebbe le porte al male peggiore, il cosiddetto Prian (cioè la vittoria di uno dei candidati dei partiti della destra, il Pri, oppure il Pan).
D'altra parte, però, non si può nemmeno biasimare la legittima sfiducia di Marcos verso il Prd, sia per i famigerati fatti di Zinancantan (dove gli zapatisti furono attaccati dai perredisti), sia per la presenza nello staff di Lopez Obrador di Arturo Nuñez, corresponsabile della strage di Acteal del 1997 e adesso suo stretto collaboratore. Non a caso in questa circostanza l'Ezln ha colto l'occasione per ricordare che "nella trincea da questa parte (cioè dell'"Altra Campagna") ci sono i popoli indios, le donne, i contadini derubati, i lavoratori, i maestri, gli studenti. Nell'altra trincea ci sono i grandi proprietari, il Pri, il Pan, il Prd. E fino ad ora nella nostra trincea hanno gettato le acque sporche delle loro fogne, inquinamento, morte e distruzione. In questa trincea stiamo resistendo. Il Messico dal basso è l'unica possibilità che il paese ha di sopravvivere".
Inoltre la delegazione zapatista giunta in Tabasco ha denunciato la presenza di poliziotti in borghese e informatori del candidato del Pri Madrazo a scopo provocatorio. Anche al candidato del Pri (partito per settanta anni al potere in Messico prima della vittoria di Vicente Fox) non sono mancate pesanti accuse. In effetti è stato sotto il Pri di Zedillo prima e di Salinas de Gortari poi che le comunità zapatiste hanno dovuto subire il periodo più duro della loro esistenza, ed è in quel periodo che la corruzione, ha ricordato Marcos, ha toccato i massimi livelli, tanto da definire il Pri "un partito di ladri e di corrotti".
Le parole di Marcos hanno ottenuto l'appoggio e l'approvazione soprattutto da parte dei campesinos, che hanno sottolineato come non ci sia stato nessun cambiamento anche quando un municipio è passato dal governo del Pri a quello del Prd. Alla comunità tabasqueña Marcos ha descritto le principali peculiarità dell'autogoverno delle comunità zapatiste, proponendo inoltre una nuova legge secondo la quale "i governanti non percepiscano uno stipendio o guadagnino la metà di un contadino, e vediamo se imparano a preoccuparsi che ci siano fognature, buone scuole, ospedali". La carovana zapatista non ha risparmiato nemmeno il governo Fox (e non poteva essere diversamente visto che al momento del suo insediamento aveva promesso che avrebbe risolto la questione del Chiapas in quindici minuti) e il suo delfino Calderon, candidato presidenziale panista. L'Ezln ha escluso ogni possibilità di dialogo con l’attuale governo se non affronterà seriamente la questione dei prigionieri politici zapatisti (promessa disattesa all'inizio del mandato di Fox insieme alla mancata applicazione degli accordi di San Andres), in particolare dei tabasqueñi Perez vasquez e Perez Gutierrez, dietro alla cui detenzione stanno lo stesso Madrazo (ex governatore priista in Tabasco) e Ruiz Fierro, personaggio riconosciuto come mandante del massacro di Acteal.
Nel frattempo, parallela all'"Altra Campagna", prosegue anche la discussione dei messicani: il viaggio di Marcos per tutto il paese riuscirà a creare le condizioni favorevoli per "la nascita di una base organizzativa e politica per poter forzare la mano ad un eventuale candidato capitalista moderato (Lopez Obrador) eletto dalla maggioranza popolare, esigendo il rispetto delle promesse fatte?", si chiede La Jornada.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore

Articoli correlati

  • Messico: devastazione ambientale e assenza di diritti
    Latina
    In Chiapas attaccata dalla polizia la Caravana Sur en Busca de los 43

    Messico: devastazione ambientale e assenza di diritti

    E il Frayba denuncia che la vita dei lottatori sociali per la difesa del territorio continua ad essere a rischio
    26 febbraio 2020 - David Lifodi
  • La costruzione della barriera anti-migranti sugli antichi siti degli Indiani Apache
    Migranti
    Trump sfida l'UNESCO

    La costruzione della barriera anti-migranti sugli antichi siti degli Indiani Apache

    Sono iniziate le esplosioni controllate all’interno dell’Organ Pipe Cactus National Monument, al confine con lo stato messicano di Sonora, sito sacro per la cultura indiana e protetto dall’UNESCO
    13 febbraio 2020 - Fanpage
  • Messico: ancora una donna assassinata
    Latina
    Il 17 gennaio, a Ciudad Juarez, uccisa l'attivista femminista Isabel Cabanillas

    Messico: ancora una donna assassinata

    Si tratta della quarta donna assassinata nella città nel solo mese di gennaio. La giovane è stata uccisa per il suo attivismo politico a favore dei diritti delle donne di fronte all'indifferenza delle istituzioni
    27 gennaio 2020 - David Lifodi
  • Crisi diplomatica tra Bolivia e Messico
    Latina
    La polizia del governo golpista assedia l’ambasciata messicana a La Paz

    Crisi diplomatica tra Bolivia e Messico

    Sono rifugiati nell’ambasciata numerosi ministri del governo di Evo Morales
    8 gennaio 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)