Latina

Cile: prosegue lo sciopero della fame dei 4 detenuti Mapuche

Hanno parlato per giorni, settimane e mesi dello sciopero del giornalista cubano Guillermo Fariñas, cui sarebbe stato negato l'accesso ad Internet per la sua agenzia d'informazione. Eppure, non una riga per i quattro indigeni Mapuche in sciopero della fame da 60 giorni in Cile. Deve proprio essere un vizio antico quello dell'informazione a comando, calzante definizione che Gianni Minà ha usato per inquadrare la condotta dei "reporter senza frontiere morali"
12 maggio 2006
Diego Brugnoni (http://webrebelde.blogosfere.it)


Nello specifico, i quattro attivisti Mapuche - Juan Henulao, Jaime Marileo, Juan Marileo e Patricia Troncoso - sono oggi al 60° giorno di sciopero della fame, dopo essere stati condannati a 10 anni di carcere per l'incendio al fondo Poluco Pidenco di proprietà della Forestal Mininco, avvenuto nel 1991. È notizia di oggi che, dopo il ricovero forzato di qualche giorno fa, uno dei fratelli Marileo (Juan) è stato sottoposto a nuovo ricovero per le allarmanti condizioni fisiche.
I quattro, secondo l'iniquo quanto razzista processo per "incendio terroristico" (con l'accusa che non ha mancato di utilizzare testimonianze anonime), dovranno anche pagare un risarcimento superiore a 600mila euro (400 milioni di pesos) ad una delle imprese più ricche del Cile.

È anche l'applicazione dell'anacronistica legge anti-terrorismo n°18.314 (ereditata dalla sanguinaria dittatura di Augusto Pinochet) a causare le proteste della comunità Mapuche, verso la quale il "progressista" governo cileno che piace tanto ad Omero Ciai - al di là delle promesse di una maggiore partecipazione dei popoli nativi alla vita politica, e al di là del senatore socialista Alejandro Navarro favorevole all'amnistia per i quattro indigeni - non sembra mostrare intenzione alcuna di riconoscere l'illegalità della distribuzione di terre Mapuche ai latifondisti cileni e alle multinazionali straniere (financo voluta dai governi neoliberali di centro-sinistra negli anni '90), evitando così di dar avvio ad un pieno processo di riconoscimento dei diritti civili per i quali tutto il popolo nativo continuerà a lottare. Nonostante le morti impunite. Con la dignità e la fierezza di sempre.

Note: Petizione in "difesa dei Diritti Umani dei prigionieri politici mapuche": https://www.firmasonline.com/1Firmas/camp1.asp?C=209

Il sito del senatore cileno Alejandro Navarro: http://www.navarro.cl/

Articoli correlati

  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta
    Latina
    Il 2 ottobre un militare ha fatto cadere dal Puente Pío Nono di Santiago un sedicenne

    Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta

    Non si contano più gli episodi di violenza di cui si sono resi protagonisti gli agenti
    12 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Argentina: per l’omicidio Maldonado indagato l’ex capo di gabinetto di Patricia Bullrich
    Latina
    Il 1° agosto 2017 il ragazzo fu ucciso a seguito dell’attacco poliziesco alla comunità mapuche

    Argentina: per l’omicidio Maldonado indagato l’ex capo di gabinetto di Patricia Bullrich

    Pablo Noceti, insieme alla ministra della Sicurezza macrista, avrebbe obbligato gli agenti a non rivelare quanto accaduto all’epoca dei fatti, ma l’inchiesta si è bloccata di nuovo e il caso è stato chiuso per la 2° volta
    11 agosto 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)