Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Cile: prosegue lo sciopero della fame dei 4 detenuti Mapuche

Hanno parlato per giorni, settimane e mesi dello sciopero del giornalista cubano Guillermo Fariñas, cui sarebbe stato negato l'accesso ad Internet per la sua agenzia d'informazione. Eppure, non una riga per i quattro indigeni Mapuche in sciopero della fame da 60 giorni in Cile. Deve proprio essere un vizio antico quello dell'informazione a comando, calzante definizione che Gianni Minà ha usato per inquadrare la condotta dei "reporter senza frontiere morali"
12 maggio 2006 - Diego Brugnoni (http://webrebelde.blogosfere.it)


Nello specifico, i quattro attivisti Mapuche - Juan Henulao, Jaime Marileo, Juan Marileo e Patricia Troncoso - sono oggi al 60° giorno di sciopero della fame, dopo essere stati condannati a 10 anni di carcere per l'incendio al fondo Poluco Pidenco di proprietà della Forestal Mininco, avvenuto nel 1991. È notizia di oggi che, dopo il ricovero forzato di qualche giorno fa, uno dei fratelli Marileo (Juan) è stato sottoposto a nuovo ricovero per le allarmanti condizioni fisiche.
I quattro, secondo l'iniquo quanto razzista processo per "incendio terroristico" (con l'accusa che non ha mancato di utilizzare testimonianze anonime), dovranno anche pagare un risarcimento superiore a 600mila euro (400 milioni di pesos) ad una delle imprese più ricche del Cile.

È anche l'applicazione dell'anacronistica legge anti-terrorismo n°18.314 (ereditata dalla sanguinaria dittatura di Augusto Pinochet) a causare le proteste della comunità Mapuche, verso la quale il "progressista" governo cileno che piace tanto ad Omero Ciai - al di là delle promesse di una maggiore partecipazione dei popoli nativi alla vita politica, e al di là del senatore socialista Alejandro Navarro favorevole all'amnistia per i quattro indigeni - non sembra mostrare intenzione alcuna di riconoscere l'illegalità della distribuzione di terre Mapuche ai latifondisti cileni e alle multinazionali straniere (financo voluta dai governi neoliberali di centro-sinistra negli anni '90), evitando così di dar avvio ad un pieno processo di riconoscimento dei diritti civili per i quali tutto il popolo nativo continuerà a lottare. Nonostante le morti impunite. Con la dignità e la fierezza di sempre.

Note:

Petizione in "difesa dei Diritti Umani dei prigionieri politici mapuche": https://www.firmasonline.com/1Firmas/camp1.asp?C=209

Il sito del senatore cileno Alejandro Navarro: http://www.navarro.cl/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)