Latina

Cile: prosegue lo sciopero della fame dei 4 detenuti Mapuche

Hanno parlato per giorni, settimane e mesi dello sciopero del giornalista cubano Guillermo Fariñas, cui sarebbe stato negato l'accesso ad Internet per la sua agenzia d'informazione. Eppure, non una riga per i quattro indigeni Mapuche in sciopero della fame da 60 giorni in Cile. Deve proprio essere un vizio antico quello dell'informazione a comando, calzante definizione che Gianni Minà ha usato per inquadrare la condotta dei "reporter senza frontiere morali"
12 maggio 2006
Diego Brugnoni (http://webrebelde.blogosfere.it)


Nello specifico, i quattro attivisti Mapuche - Juan Henulao, Jaime Marileo, Juan Marileo e Patricia Troncoso - sono oggi al 60° giorno di sciopero della fame, dopo essere stati condannati a 10 anni di carcere per l'incendio al fondo Poluco Pidenco di proprietà della Forestal Mininco, avvenuto nel 1991. È notizia di oggi che, dopo il ricovero forzato di qualche giorno fa, uno dei fratelli Marileo (Juan) è stato sottoposto a nuovo ricovero per le allarmanti condizioni fisiche.
I quattro, secondo l'iniquo quanto razzista processo per "incendio terroristico" (con l'accusa che non ha mancato di utilizzare testimonianze anonime), dovranno anche pagare un risarcimento superiore a 600mila euro (400 milioni di pesos) ad una delle imprese più ricche del Cile.

È anche l'applicazione dell'anacronistica legge anti-terrorismo n°18.314 (ereditata dalla sanguinaria dittatura di Augusto Pinochet) a causare le proteste della comunità Mapuche, verso la quale il "progressista" governo cileno che piace tanto ad Omero Ciai - al di là delle promesse di una maggiore partecipazione dei popoli nativi alla vita politica, e al di là del senatore socialista Alejandro Navarro favorevole all'amnistia per i quattro indigeni - non sembra mostrare intenzione alcuna di riconoscere l'illegalità della distribuzione di terre Mapuche ai latifondisti cileni e alle multinazionali straniere (financo voluta dai governi neoliberali di centro-sinistra negli anni '90), evitando così di dar avvio ad un pieno processo di riconoscimento dei diritti civili per i quali tutto il popolo nativo continuerà a lottare. Nonostante le morti impunite. Con la dignità e la fierezza di sempre.

Note: Petizione in "difesa dei Diritti Umani dei prigionieri politici mapuche": https://www.firmasonline.com/1Firmas/camp1.asp?C=209

Il sito del senatore cileno Alejandro Navarro: http://www.navarro.cl/

Articoli correlati

  • Argentina: repressione e grilletto facile
    Latina
    Tra il 17 e il 21 novembre 2021 la polizia ha ucciso due giovani, vittime di razzismo e pregiudizio

    Argentina: repressione e grilletto facile

    Il mapuche Elías Garay lottava per il diritto alla terra della sua comunità. Lucas González era un ragazzo delle periferie che sognava di fare il calciatore.
    4 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Il Cile volta pagina
    Latina
    Gabriel Boric stravince il ballottaggio contro il pinochettista Josè Antonio Kast

    Il Cile volta pagina

    A La Moneda andrà un governo “ambientalista e femminista”.
    20 dicembre 2021 - David Lifodi
  • Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile
    Latina
    Carabineros e Patria y Libertad dietro alla morte dei due italiani durante il golpe ad Allende

    Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile

    Estradizione per Rafael Francisco Ahumada Valderrama, Manuel Vasquez Chahuan e Orlando Moreno Basquez, tre militari della dittatura pinochettista. Sono accusati dalla Procura di Roma di essere i responsabili della morte di Montiglio e Venturelli, di origine italiana
    25 agosto 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)