Latina

scheda

L'infinita notte elettorale

8 luglio 2006
Roberto Zanini
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Il 2 luglio, al termine di una campagna elettorale avvelenata, il Messico vota per presidente e parlamento. Il candidato di centrosinistra Lopez Obrador è stato perennemente in testa su quello della destra Felipe Calderon in tutti i sondaggi. Alle sei del pomeriggio chiudono i seggi e si comincia a contare con un programma di proiezioni chiamato Prep, garantito da cinque scienziati statistici. Alle otto di sera il presidente dell'Istituto federale elettorale (Ife) Ugalde annuncia che il Prep non è in grado di dare un vincitore. Alle undici Ugalde concede però alle tv di cominciare a mandare in onda gli exit poll: miracolo, Calderon è in grande vantaggio. Per tutta la notte il vantaggio si assottiglia fino quasi a sparire, al mattino del 3 luglio è dell'1,5%. Lopez Obrador denuncia irregolarità e chiede spiegazioni su tre milioni di voti scomparsi. Ugalde si spiega con un nebuloso «c'erano anomalie», il 4 luglio i voti scomparsi riappaiono ma Calderon è ancora davanti per lo 0,6%. Mercoledì 5 luglio, registri e urne piene di schede partono da tutti i 130mila seggi del Messico e arrivano nei 300 distretti elettorali dove saranno contati. L'Ife comincia a addizionare i risultati seggio per seggio: altro miracolo ma al contrario, per tutto il giorno e tutta la notte è in vantaggio Lopez Obrador, che però annuncia ugualmente di voler impugnare il voto in tribunale. E' «la notte in cui il Messico non andò a letto». Alle cinque del mattino di giovedì 6 luglio, col 98% dei seggi scrutinati, il sorpasso: Calderon è di nuovo in testa, e alla fine vi rimane per lo 0,5%. Mentre il «vincitore» offre un posto nel governo allo «sconfitto», Lopez Obrador annuncia che farà ricorso al Tribunale federale elettorale (Trife) e se servirà alla Corte suprema, e convoca i sostenitori in piazza per sabato 8 luglio. La Confindustria e la chiesa protestano. Il tribunale, se accetterà i ricorsi, ha tempo fino al 6 settembre per emettere una sentenza. E' il Trife che nomina formalmente il presidente.

Articoli correlati

  • Il centrosinistra vince in Italia
    Europace
    Esito delle elezioni amministrative

    Il centrosinistra vince in Italia

    Alle elezioni amministrative italiane vince nettamente l’area di centrosinistra guidata dal Partito Democratico. La Lega (destra) e il Movimento 5 Stelle registrano grosse perdite.
    18 ottobre 2021 - Michael Braun
  • Gli zapatisti in viaggio verso l’Europa
    Latina
    Per la prima volta l’Ezln esce dal territorio messicano

    Gli zapatisti in viaggio verso l’Europa

    L’Escuadron 421 (4 donne, 2 uomini ed una donna trans) sbarcherà nel vecchio continente a metà giugno, presumibilmente sulle coste della Galizia. Gli zapatisti hanno fatto sapere che il loro viaggio servirà per parlare della loro resistenza.
    5 maggio 2021 - David Lifodi
  • El Salvador, tra elezioni e crisi economica e istituzionale
    Latina
    Un anno dopo il tentativo (fallito) di golpe, Bukele si prepara a fagocitare il Parlamento

    El Salvador, tra elezioni e crisi economica e istituzionale

    Secondo i principali sondaggi effettuati dopo l'inizio della campagna elettorale, il partito del presidente Nayib Bukele, Nuove Idee (Ni), non solo starebbe per stravincere le elezioni, ma si appresterebbe addirittura a ottenere la maggioranza qualificata dei due terzi (56 seggi).
    23 febbraio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Honduras, uno scenario complicato
    Latina
    Due consultazioni elettorali in nove mesi

    Honduras, uno scenario complicato

    Attualmente l’Honduras si colloca tra i peggiori paesi latinoamericani per disuguaglianza economica, con il 62% della popolazione che vive in condizioni di povertà e quasi il 40% in miseria. L'impatto della pandemia e degli uragani acuirà ulteriormente le disuguaglianze.
    16 febbraio 2021 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)