Latina

Alianza Pais si ferma al 23%, Pachakutik bloccato al 2%

Ecuador: Noboa costringe Correa al ballottaggio

Per vincere Correa dovrà stringere delle alleanze
22 ottobre 2006
David Lifodi
Fonte: www.misna.org
Il Manifesto: "Ecuador, in testa miliardario bananero"

Ancora un ballottaggio nella lunga serie di elezioni presidenziali che da qui a fine anno è in programma in America Latina: in Ecuador, con un risultato piuttosto inaspettato, non solo il candidato neoliberista Noboa è riuscito a costringere al secondo turno il favorito Rafael Correa del Movimento Alianza Pais, ma addirittura ha preso il 3,21% di voti in più dell'avversario, che adesso lo dovrà sfidare in un ballottaggio incertissimo il prossimo 26 novembre.
Sul modesto risultato elettorale di Correa ha pesato sia la sua scelta di non presentare in Parlamento alcun candidato di Alianza Pais, sia il mancato accordo con il movimento indigeno Pachakutik, che intendeva proporre un'alleanza in cui Luis Macas corresse per la presidenza con lo stesso Correa nel ruolo di vice. L'altra sorpresa negativa delle presidenziali viene proprio dal misero 2% raccolto da Macas, leader di quei movimenti indigeni che hanno avuto un ruolo di primo piano nella destituzione di ben tre presidenti nel giro di nove anni. Appena terminato lo scrutinio, Correa ha immediatamente denunciato i brogli contestando i dati espressi dal Tribunale Elettorale Supremo (Tse, in effetti controllato principalmente dalla destra), che aveva affidato lo scrutinio ad una società brasiliana il cui sistema di conteggio è andato in tilt quando mancava ancora il 30% dei voti da scrutinare, però resta il fatto che per il momento il miliardario dell'industria delle banane Noboa ha avuto buon gioco nell'approfittare della scarsa coesione tra le forze sociale ecuadoriane e nell'estrema personalizzazione della campagna elettorale da parte di Correa, a cui è nuociuto l'aver sventolato apertamente la sua amicizia con Chavez, come del resto era accaduto a Ollanta Humala in Perù.
Inoltre hanno guadagnato una buona percentuale, peraltro non sufficiente per guadagnarsi il ballottaggio, anche gli altri sfidanti. Gilmar Gutierrez, fratello dell'ex-presidente Lucio Gutierrez, ha raggiunto il 17% dei consensi, mentre la candidata del partito Social-Cristiano Cynthia Viteri il 10%, non male considerando che la loro campagna elettorale si era svolta all'insegna di dichiarazioni di una continuità con quelle politiche neoliberiste di Lucio Gutierrez che hanno condotto il paese nelle mani delle multinazionali.
Sarà interessante, al secondo turno, vedere se i due candidati riusciranno a stringere delle alleanze. Oltre a recuperare il rapporto con i movimenti indigeni (la cui popolazione rappresenta un quarto nel paese), potrebbero rappresentare un buon aiuto per Correa gli eventuali voti ottenuti domenica scorsa da Leon Roldos per Izquierda Democratica, circa il 14%, poiché il suo rifiuto di stringere alleanze con i partiti potrebbe costargli molto caro come è già emerso con evidenza in questo primo turno. Molto dipenderà inoltre dalla partecipazione al voto degli indigeni, ritenuta finora scarsa perché altrimenti non si spiegherebbe in altro modo il misero 2% ottenuto da Macas quando in realtà sono stati proprio Conaie e Pachakutik a giocare un ruolo decisivo nell'imporre al governo il rifiuto dell'Alca e a cacciare la multinazionale petrolifera Oxy.
Per quanto riguarda Noboa invece, potrà di sicuro contare sui voti degli elettori di Gilmar Gutierrez e Cynthia Viteri, oltre che di alcuni partiti minori e della destra religiosa, alla quale si è presentato come "inviato di Dio".

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto
    Latina
    Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

    Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

    Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
    8 ottobre 2018 - David Lifodi
  • Messico: le sfide che attendono Amlo
    Latina
    Andrés Manuel López Obrador, nuovo presidente del paese, entrerà ufficialmente in carica dal prossimo 1° dicembre

    Messico: le sfide che attendono Amlo

    Per la prima volta milioni di messicani si sentono rappresentati
    25 luglio 2018 - David Lifodi
  • Buenos días México!
    Latina
    Sconfitta l’interminabile alternanza panista-priista

    Buenos días México!

    Andrés Manuel López Obrador è il nuovo presidente del paese
    3 luglio 2018 - David Lifodi
  • Presidenziali Colombia: ballottaggio tra l'uribista Duque e l'uomo di pace Gustavo Petro
    Latina
    Al primo turno l'uomo di Uribe ha guadagnato il 39% dei consensi contro il 25% del leader della coalizione Colombia Humana

    Presidenziali Colombia: ballottaggio tra l'uribista Duque e l'uomo di pace Gustavo Petro

    L'ex sindaco di Bogotá è sostenuto da una coalizione progressista, Duque conta sull'appoggio dell'estrema destra e dell'estabilishment liberale-conservatore
    28 maggio 2018 - David Lifodi

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)