Latina

Commercio Sud-Sud: il gas all'Argentina è il carburante della nuova Bolivia di Evo Morales

Un gigantesco accordo commerciale è stato firmato ieri a Santa Cruz de la Sierra dal presidente boliviano Evo Morales e dal suo omologo argentino Nestor Kirchner. Nei prossimi venti anni l'Argentina acquisterà 17 miliardi di dollari di gas boliviano, il quintuplo di quanto ne acquistava finora e pagandolo a un prezzo equo e solidale del 43% in più. E' un altro esempio di integrazione regionale latinoamericana e di come il commercio Sud-Sud cambia il mondo e sconfigge il colonialismo.
23 ottobre 2006
Gennaro Carotenuto

Per Evo Morales è un accordo strategico che lo leva dall'angolo nel quale si era trovato dopo gli scontri tra minatori statali e cooperativisti, ne rilancia immagine, azione politica e credibilità e allontana il golpismo strisciante dell'opposizione e delle multinazionali. Per Nestor Kirchner è un'alternativa di lungo periodo nella politica energetica del paese ed una scelta di campo nello schierarsi chiaramente a fianco di un governo amico in difficoltà e riconfermare la centralità delle imprese pubbliche latinoamericane in campo energetico.

Nei prossimi vent'anni la Bolivia arriverà a fornire 27,7 milioni di metri cubi di gas al giorno all'Argentina. Lo farà attraverso un accordo tra le imprese pubbliche dei due paesi, la YPFB boliviana e l'Enarsa argentina. Sono esattamente 20 milioni di metri cubi in più -oltre il quintuplo- rispetto a quanto l'Argentina acquistava finora dal paese vicino, 7.7 milioni al giorno. Del prezzo internazionale, l'Argentina pagherà la cifra più alta possibile, 5 dollari per BTU contro i 3,5 attuali, con la possibilità di rivedere la cifra ogni sei mesi da parte di una commissione bilaterale in base alle fluttuazioni del prezzo di mercato. In totale, di qui al 2026, lo stato argentino acquisterà da quello boliviano gas per la favolosa somma di 17 miliardi di dollari, che suppone un aumento di circa la metà di tutto l'export del paese andino. Di questi introiti una parte sarà reinvestita nello stesso settore energetico: 2,3 miliardi saranno spesi in esplorazione e sviluppo e 1,2 miliardi nell'estensione della rete di gasdotti boliviani che attualmente lavora al massimo delle possibilità.

L'accordo firmato si compone di cinque punti, il primo dei quali è l'acquisto del gas. Il secondo è l'assistenza tecnica e finanziaria argentina alla costruzione di un mega impianto petrolchimico boliviano per la separazione di gas liquido, petrolio, GPL e nafta che, secondo calcoli boliviani, una volta a regime permetterà alla Bolivia introiti ancora più importanti di quelli garantiti dall'attuale accordo. Il terzo punto è la costruzione di un gasdotto che serva capillarmente le province del Nord dell'Argentina che sarà gestito da un'impresa mista pubblica e privata con partecipazione della YPFB boliviana. Al quarto punto c'è la garanzia del ruolo dell'impresa pubblica argentina Enarsa nell'esplorazione del territorio boliviano finora lasciata a Petrobras e Repsol. Infatti si calcola che appena l'11% della ricchezza energetica boliviana è attualmente stata esplorata. Al quinto punto c'è la risoluzione di questioni connesse a debiti mai pagati alla Bolivia dal governo di Carlos Menem e al credito concesso alla Bolivia per l'acquisto di trattori di produzione argentina.

Con quest'accordo l'Argentina diviene per la Bolivia un partner tanto importante come il Brasile, che sta già importando 26 milioni di metri cubi di gas al giorno. Soprattutto, però l'accordo conferma e dà respiro all'aspirazione boliviana di piena nazionalizzazione, ribadita dal vicepresidente boliviano Álvaro García Linares, dei propri idrocarburi e far pressione sulle multinazionali attualmente impegnate in Bolivia, perché accettino le condizioni decise dalla democrazia boliviana e non imposte da queste ultime. Sono l'impresa pubblica brasiliana Petrobras la meglio disposta ad accettare le condizioni boliviane, e le multinazionali spagnola Repsol, francese Total, oltre alla British Gas -ne scrive oggi vivamente indispettito il Financial Times- che dovranno accettare le condizioni boliviane o lasciare il paese.

Note: http://www.gennarocarotenuto.it

Articoli correlati

  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Aborto: l’Argentina apre una breccia
    Latina
    Approvata la riforma che prevede l’interruzione della gravidanza fino a 14 settimane

    Aborto: l’Argentina apre una breccia

    “Oggi siamo una società migliore”, ha scritto su twitter il presidente Alberto Fernández
    30 dicembre 2020 - David Lifodi
  • Argentina: calpestato il diritto all'abitare
    Latina
    Sgomberata dalla polizia la comuna Guernica occupata da circa 2.000 famiglie povere

    Argentina: calpestato il diritto all'abitare

    Il governo della Provincia di Buenos Aires ha obbedito alle pressioni di proprietà privata e speculatori immobiliari
    4 novembre 2020 - David Lifodi
  • La Bolivia che verrà
    Latina
    Il Movimiento al Socialismo dovrà guardarsi dalle manovre di destabilizzazione della destra

    La Bolivia che verrà

    «Abbiamo recuperato la democrazia e la speranza» sono state le prime parole pronunciate da Luis Arce dopo la sua elezione
    25 ottobre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)