Latina

8 Marzo

Donne diverse, la stessa utopia

Giornata Internazionale della Donna
8 marzo 2007
Giorgio Trucchi

Donne del Nicaragua (Foto G. Trucchi) Magari si potrà mettere in dubbio che la storia le scrivono i vincitori…quello che non si può mettere in dubbio è che le compagne morte quasi cento anni fa, mentre protestavano per i bassi salari e le infami condizioni di lavoro, non l'hanno potuta scrivere: non sono sopravvissute per raccontarla.

Nella storiografia c'è chi ricollega l'origine di questa commemorazione al 8 marzo del 1908 e all'incendio di una fabbrica tessile di New York, dove le lavoratrici tessili stavano protestando spontaneamente. Altre fonti la vincolano ad uno sciopero di impiegati ed impiegate tessili nel 1909 ed esistono anche altre teorie.
Posteriormente, il 1975 venne proclamato dalla ONU "Anno Internazionale della Donna" e da allora è rimasta la data del 8 Marzo come Giornata Internazionale della Donna. Quello che nessuno può mettere in discussione, quindi, è che questo giorno è intimamente legato alle donne lavoratrici.

Il prossimo anno si compieranno cento anni dagli avvenimenti del 1908 e se quelle lavoratrici potessero vedere le condizioni di vita e di lavoro di oggi, probabilmente potrebbero rendersi conto dei numerosi risultati ottenuti, risultati che vanno più in là delle loro utopie di quei tempi. Si sorprenderebbero però, nel constatare che in alcuni posti continuano ad esistere pessime condizioni di lavoro.

Esistono anche altre situazioni di ingiustizia -antiche o nuove- come la disuguaglianza di salari tra uomini e donne, la disparità di opportunità, l'ulteriore peso che ricade sulle donne per adempiere ai compiti domestici e familiari, la loro maggiore vulnerabilità di fronte a malattie come il VIH/AIDS, l'aumento delle lesioni per sforzi ripetitivi (LSR) e la violenza contro bambine, adolescenti e donne. Questo problema continua ad essere proprio di una realtà devastatrice, esercitata a volte dallo Stato, da estranei o dai datori di lavoro, da altri lavoratori e anche dagli stessi membri della famiglia.
Su questi punti, la ONU afferma che "la violenza contro la donna non ha ricevuto la giusta attenzione, la priorità e le risorse che si richiedono a tutti i livelli per affrontarla con la serietà e la visibilità necessaria" ed lo scorso anno ha proposto il motto "Porre fine all'impunità della violenza contro le donne e le bambine".

Le compagne decedute nel 1908 avevano tre caratteristiche che le rendevano vittime della discriminazione e della violenza: erano donne, giovani ed immigrate, caratteristiche più che sufficienti per provocare la violenza dei padroni e della polizia. Oggi le donne continuano ad essere vittime della violenza: violenza domestica, della povertà, della disoccupazione, dell'incertezza economica, della discriminazione e della malattia.
Per questo motivo, questa celebrazione non ha NULLA a che vedere con "esigere per le donne gli stessi diritti degli uomini", si tratta dell'utopia di un mondo che rispetti le diverse modalità e permetta che le donne siano protagoniste della propria vita, dove l'uomo non sia il modello a cui equipararsi, dove gli esseri umani possano essere ciò che vogliono essere e possano vivere come vogliono vivere, senza un destino marcato dal luogo in cui sono nati o dal sesso con cui sono nati.

Ad un anno dal centenario degli avvenimenti del 1908, manteniamo l'utopia di una società più dignitosa, più giusta, più libera e più pacifica per tutti e per tutte.

Messaggio della Rel-UITA per l'8 marzo

© (Traduzione e Foto Giorgio Trucchi - Ass. Italia-Nicaragua gtrucchi@itanica.org )

Articoli correlati

  • Grave regressione dei diritti delle donne
    Latina
    Honduras

    Grave regressione dei diritti delle donne

    Proibizione dell’aborto e del matrimonio egualitario scolpita nella pietra
    22 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura
    Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Liuba, le altre e i figli da buttare via
    Sociale
    Donne che non hanno paura

    Liuba, le altre e i figli da buttare via

    A volte la discriminazione è più sottile, e non è meno grave. Ma ascoltare quello che Liuba è costretta a subire, con altre donne dipendenti della multinazionale dell'abbigliamento Yoox, fa accaponare la pelle
    10 dicembre 2020 - Lidia Giannotti
  • EquAgenda per la Pace e la Solidarietà
    Cultura
    Ecco la tua EquAgenda 2021!

    EquAgenda per la Pace e la Solidarietà

    Una produzione dell’associazione Ita-Nica e della cooperativa EquAzione della Comunità di base “le Piagge”
    28 novembre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)