Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La vera storia della repubblica delle banane

    La vera storia della repubblica delle banane

    Recensione al libro di Francesco Serino (Mursia, 2017) dedicato al colpo di stato compiuto dalla Cia in Guatemala nel 1954 per rovesciare il presidente Árbenz
    18 giugno 2018 - David Lifodi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
  • Guatemala: l'incendio di  El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato
    La morte delle 42 giovani bruciate nel rogo si deve alla totale assenza delle politiche statali per i minori

    Guatemala: l'incendio di El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato

    Tutti erano a conoscenza dell'estremo degrado e delle violenze all'interno della casa-famiglia
    27 marzo 2017 - David Lifodi
  • Guatemala: le brutte facce della presidenza di Jimmy Morales
    Arrestati i suoi uomini più vicini con l’accusa di aver commesso crimini contro l’umanità

    Guatemala: le brutte facce della presidenza di Jimmy Morales

    Negli anni ’80 Cabrera Mejía e Edgar Ovalle Maldonado parteciparono alla repressione imposta dal regime militare
    3 febbraio 2016 - David Lifodi
Il dvd dell'Associazione Amici del Guatemala Onlus ripercorre i 36 anni del conflitto armato

Guatemala: Il Canto del Quetzal

Nel video interviste agli attivisti della società civile
24 febbraio 2008 - David Lifodi

"Faccio fatica a raccontare queste cose, che non sono scritte in nessun libro, ma abbiamo il dovere di tramandarle", spiega Doña Maria Teresa, portavoce dei rifugiati guatemaltechi in Messico. La sofferenza del racconto è però resa necessaria affinché nessuno dimentichi il genocidio praticato dai governi dittatoriali del generale Lucas García prima e di Rios Montt poi: 445 villaggi indigeni scomparsi, l'operazione "terra bruciata", la tortura ampiamente praticata contro qualsiasi aderente a gruppi di opposizione, dalla Pastorale Sociale ai guerriglieri dell'Urng.
Proprio per non dimenticare il genocidio, che in tanti vorrebbero seppellire nel dimenticatoio, e tenere viva la memoria, l'associazione senese Amici del Guatemala Onlus ha realizzato un video in cui, grazie al suo autore Lorenzo Grimaldi, si ripercorre la storia politica e sociale del paese centroamericano attraverso i volti, le voci e le interviste ai rappresentanti della società civile.
Ci sono gli attivisti del Cuc (Comité Unidad Campesina), che raccontano i danni di cui è stato vittima il loro paese, sottoposto agli aggiustamenti strutturali imposti dal Fondo Monetario e ad una politica di privatizzazione selvaggia che ha coinvolto tutti i servizi pubblici (ferrovie, energia, telefonia ecc..) e in cui si sono distinte per rapacità e sete di profitto le varie Shell, Texano, Cargill e Monsanto, solo per citare le multinazionali più note, desiderose di spartirsi le ricchezze del paese con l'assenso dei governanti di turno.
La comunità degli ex-guerriglieri di Nuevo Horizonte, tramite il suo portavoce Rony, denuncia il saccheggio della terra perpetrato ai danni degli indigeni, tasto su cui batte anche il missionario Padre Ottavio Sassu, arrivato nella missione di Dolores (nel Petén, dove l’Associazione Amici del Guatemala Onlus ha i suoi progetti di solidarietà) pochi mesi dopo l'uccisione di Monsignor Juan Gerardi, reo di aver pubblicato "Guatemala Nunca Mas", una dettagliata denuncia dei crimini commessi dallo stato guatemalteco contro gli indigeni maya e i campesinos.
Il video non si limita soltanto a raccontare i 36 anni del "conflicto armado" che ha messo in ginocchio il paese, ma guarda al futuro: scoperchia letteralmente i piani di multinazionali e Stati Uniti ansiosi di saccheggiare l'intero Centro-America (un esempio evidente è il Plan Puebla-Panamà e la firma di accordi bilaterali con ciascun stato, il Cafta, dopo il fallimento dell'Alca) e racconta con un pizzico di ottimismo dell'esperienza del neonato movimento Alleanza per la Vita e la Pace, sorto insieme alle prime iniziative di economia solidale.
"Non c'è la volontà politica di giungere alla democrazia", spiega sconsolata Doña Maria Teresa ricordando gli anni duri dell'esilio e della repressione indiscriminata, e i mancati effetti della riforma agraria sono tuttora evidenti nelle compagnie che sfruttano liberamente campesinos e bananeros con paghe da fame negando loro i diritti sindacali fondamentali, ma questo dvd vuol sostenere il percorso del popolo guatemalteco nella sua lotta, affinché la guerra sociale attualmente strisciante e l'ingiustizia lascino finalmente il posto alla pace.

Note:

Per richiedere il dvd scrivere a amiciguatemala@yahoo.it , oppure telefonare al 328-4097118
1 DVD costa 8 euro
1DVD spedito costa 11 euro
5 DVD spediti costano 46 euro

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)