Latina

I ganaderos sparano contro i tecnici dell'Inra

Bolivia: il governo Morales denuncerà all'Onu le condizioni di schiavitù in cui vivono i guaranì

Intimidazioni e provocazioni contro indigeni e membri del governo sono all’ordine del giorno nei dipartimenti separatisti
13 aprile 2008
David Lifodi

Terza comunità indigena della Bolivia, con una popolazione che si aggira sulle 170mila persone (circa 800 famiglie che vivono perlopiù nella regione del Gran Chaco), quella guaranì è anche la più sottomessa di tutto il paese andino, oltre ad avere la sfortuna di vivere principalmente nei dipartimenti di Tarija e Santa Cruz, dove maggiore è l'insofferenza e il razzismo verso di loro e dove fortissime sono le richieste di autonomia da parte dei prefetti e della popolazione locale.
La forte ostilità cruceña nei confronti dei colla (il nome con cui vengono definiti con disprezzo gli indigeni boliviani) e le onnipresenti scritte sui muri che insultano Morales non sembrano fermare il governo boliviano, che il prossimo 22 aprile ha preso la decisione di denunciare le condizioni di schiavitù in cui vivono i guaranì di fronte all'Onu, secondo quanto ha dichiarato il viceministro di Justicia Comunitaria Valentin Ticona.
Nonostante l'impegno del governo boliviano, intenzionato a proseguire anche sulla strada della riforma agraria sulla base della Ley de Reconducción Comunitaria del 2006, i guaranì continuano per il momento a rimanere in ostaggio dei terratenientes di Santa Cruz e Tarija. Lo scorso 10 marzo, dopo l'invito dei rappresentanti del popolo guaranì e del governo boliviano alla Commissione Internazionale dei Diritti Umani dell'Osa (l'Organizzazione degli Stati Americani) a riflettere sulle condizioni di schiavitù in cui vive l'intera comunità, l'esecutivo Morales aveva deciso di procedere con la bonifica delle terre nel dipartimento di Santa Cruz allo scopo di concederle alle famiglie guaranì, ma l'intervento violento dei membri di Unión Juvenil Crucenista (Ujc, una delle organizzazioni separatiste più radicali aderenti al progetto apertamente razzista di Nacion Camba) lo ha impedito: membri del governo e dell'Inra (Istituto Nazionale di Riforma Agraria) sono stati dichiarati "persone non grate" dalla Federación de Ganaderos, che li ha cacciati tra le grida di "autonomia, autonomia" della popolazione. Alcuni giorni dopo nei pressi di Camiri, altri terratenientes organizzati dallo statunitense Ronald din Larsen hanno sparato contro i funzionari dell'Inra che stavano cercando di entrare nelle loro terre. Malgrado tutto, la ministra dello Sviluppo Rurale Susana Rivero intende proseguire nella realizzazione di un tavolo di discussione tra ganaderos e Apg (Asamblea del Pueblo Guaranì), anche se le posizioni restano distanti. Da un lato l'intolleranza cruceña, con gli attivisti dell'Ujc che agiscono al fine di intimidire campesinos, guaranì e governo, come dimostra il minaccioso accerchiamento dell'hotel dove alloggiava la stessa Susana Rivero, dall'altra contadini e guaranì (riuniti nella Federación Departamental de Campesinos de Tarija), che rifiutano lo statuto autonomo stilato dai dipartimenti separatisti e appoggiano la nuova Costituzione boliviana.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia
    Sociale
    La cerimonia si è svolta presso l'auditorium "De Franchis" nella sede di Alife - Caserta

    Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia

    I figli di Stefania Formicola, vittima di femminicidio, ricevono il "Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia". Agnese Ginocchio, ha presentato un proprio brano dal titolo "E' tempo di pensare...", dedicato alla prima “Giornata Internazionale delle coscienze” indetta dall’ONU
    17 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Il silenzio dei pacifisti
    Pace
    Un medesimo filo conduttore: i diritti umani.

    Il silenzio dei pacifisti

    Le campagne lanciate da PeaceLink mirano alla liberazione di persone innocenti e a garantire processi equi: Guantanamo, Assange, Hale. E' gravissimo che paghino col carcere i testimoni che hanno rivelato crimini di guerra.
    20 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Honduras e diritti umani, un cinismo strutturale
    Latina

    Honduras e diritti umani, un cinismo strutturale

    Stigmatizzazione, criminalizzazione, persecuzioni giudiziarie ed assassinio di attivisti fanno dell’Honduras uno dei paesi più letali per chi difende terra e beni comuni
    20 ottobre 2021 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)