Latina

Con oltre il 51,29% dei consensi Mauricio Funes diventa presidente del paese

El Salvador: la prima volta degli "efemelistas"

Dopo venti anni di Arena, il Frente Farabundo Martí para la Liberación Nacional si aggiudica le presidenziali
18 marzo 2009
David Lifodi

La "guerra sucia" stavolta non ha funzionato, al pari delle intimidazioni, degli omicidi a sfondo politico e di una campagna di stampa organizzata su misura: dopo tre sconfitte consecutive subite tra il 1994 e il 2004, per la prima volta la sinistra si aggiudica le presidenziali svoltesi in El Salvador domenica 15 marzo. E' un risultato storico per il Frente Farabundo Martí para la Liberación Nacional (Fmln), significa il riscatto per una generazione di salvadoregni che era stata costretta da tempo immemore a subire una democrazia formale (in realtà una vera e propria dittatura) dell'estrema destra di Arena, quell'Alianza Repubblicana Nacionalista che ha rappresentato uno dei volti più feroci in tutto il CentroAmerica, si pensi solo alle squadre della morte dirette dal maggiore D'Aubuisson, mandante anche dell'assassinio di Monsignor Romero. La notte del 15 marzo ha riscattato la memoria delle migliaia di desaparecidos, del comandante guerrigliero Shafik Handal (figura storica della sinistra salvadoregna recentemente scomparso), battuto nelle precedenti presidenziali dall'arenero Tony Saca con un distacco enorme, ha restituito quel coraggio smarrito dagli "efemelistas", che durante la notte hanno fatto festa sotto le case di alcuni dirigenti areneros, finalmente sconfitti e costretti a riconoscere il verdetto uscito dalle urne.
Mauricio Funes, il nuovo presidente del paese, ha ottenuto il 51,29% dei consensi contro il 48,70% raggiunto dal candidato di Arena Rodrigo Avila, un personaggio che non si è fatto scrupoli pur di evitare qualsiasi opportunità di dibattito o di confronto con il rivale, grazie soprattutto al controllo quasi assoluto che ha potuto esercitare sui media. "El Salvador deve ancora percorrere molta strada prima di raggiungere i requisiti di democraticità", aveva dichiarato in un'intervista ad Ipsnoticias pochi giorni prima del voto il peruviano Rafael Roncagliolo, fondatore dell'Asociación Civil Transparencia e giunto a San Salvador come osservatore del processo elettorale. Funes era ampiamente favorito, ma la campagna del terrore lanciata volutamente contro il Fmln è stata terribile. Nonostante tutto Funes, ex giornalista e, tra le altre cose, corrispondente della Cnn (quindi non esattamente il sovversivo che ha tentato di dipingere Arena), ha dichiarato di voler lavorare per la riconciliazione nazionale, e per questo potrà contare anche su quella parte di elettorato non necessariamente in accordo con la radicalità espressa dal Frente, ma stufa di venti anni di governo trascorsi sotto il pugno di ferro di Arena. Funes ha dichiarato di voler costruire un governo di unità nazionale che innanzitutto permetta ai salvadoregni di vivere in condizioni più dignitose (poco meno della metà della popolazione si arrangia con poco più di quel dollaro al giorno che condanna buona parte degli abitanti dei paesi del sud del mondo), ma ha raccolto ampi consensi anche per la sua volontà di far compiere a El Salvador un salto in avanti in relazione ai diritti umani. Altro impegno assunto da Funes in campagna elettorale quello di migliorare le precarie condizioni in cui versa l'istruzione nazionale.
Il neo-presidente entrerà ufficialmente in carica il prossimo 1 Giugno, ma la moltitudine di persone che ha assistito al suo discorso non appena ricevuta la ratifica ufficiale della vittoria dal Tribunale Supremo Elettorale (anche quello ampiamente controllato dai funzionari di Arena), la commozione di tanti militanti del Frente e le grandi attese della gente riposte in lui lo metteranno subito alla prova: sarà probabilmente la politica economica il suo primo vero banco di prova, anche se Funes ha dichiarato per il momento di non avere pregiudizi nemmeno nei confronti dei settori imprenditoriali del paese. Altro aspetto interessante, aldilà delle dichiarazioni di fair-play nell'ora della vittoria, sarà il rapporto che intenderà tenere con gli areneros: nonostante Funes abbia sostenuto ripetutamente di voler lavorare per uno stato dove non esistano più divisioni, le provocazioni della destra non si sono esaurite nemmeno dopo la bruciante sconfitta. "Patria si, comunismo no" è la frase più ricorrente dei dirigenti di Arena dopo le congratulazioni di rito al vincitore: il 48% di elettori rappresenta comunque per l'Alianza un bacino considerevole, e nella stessa società salvadoregna il loro potere continua ad essere pervasivo e temibile, ma il voto del 15 marzo resterà comunque un risultato storico per il Frente e per tutta la società civile che crede nella democrazia, nella convivenza civile e nel rispetto dei diritti umani.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • El Salvador, tra elezioni e crisi economica e istituzionale
    Latina
    Un anno dopo il tentativo (fallito) di golpe, Bukele si prepara a fagocitare il Parlamento

    El Salvador, tra elezioni e crisi economica e istituzionale

    Secondo i principali sondaggi effettuati dopo l'inizio della campagna elettorale, il partito del presidente Nayib Bukele, Nuove Idee (Ni), non solo starebbe per stravincere le elezioni, ma si appresterebbe addirittura a ottenere la maggioranza qualificata dei due terzi (56 seggi).
    23 febbraio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Honduras, uno scenario complicato
    Latina
    Due consultazioni elettorali in nove mesi

    Honduras, uno scenario complicato

    Attualmente l’Honduras si colloca tra i peggiori paesi latinoamericani per disuguaglianza economica, con il 62% della popolazione che vive in condizioni di povertà e quasi il 40% in miseria. L'impatto della pandemia e degli uragani acuirà ulteriormente le disuguaglianze.
    16 febbraio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Mi voti? Ma quanto mi voti?
    CyberCultura
    Kazakistan: le nuove misure di sicurezza online incrementano i timori tra l'opposizione

    Mi voti? Ma quanto mi voti?

    Kazakistan: introdotto un certificato internet che consente allo Stato di monitorare e deviare il traffico della rete, a un mese dalle elezioni. Si ricorda che il Kazakistan è un regime de facto
    15 dicembre 2020 - Mariam Kiparoidze
  • USA e... getta una nuova luce!
    Sociale
    Elezioni oltreoceano

    USA e... getta una nuova luce!

    Non trascurabile, inoltre, il numero di donne elette. Chissà se siamo finalmente in presenza della svolta buona per una politica più giusta per uomini e donne, per le etnie e comunità che rappresentano, per le fedi vive che professano.
    10 novembre 2020 - Virginia Mariani
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)