Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
  • Marcia per la Scienza il 22 aprile, giorno della Terra
    Si marcia in oltre 500 città nel mondo

    Marcia per la Scienza il 22 aprile, giorno della Terra

    "La nostra diversità è la nostra forza più grande" dicono gli ideatori della March for science (in Italia iniziative a Roma, Caserta, Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Potenza, Rimini)
    22 aprile 2017 - Lidia Giannotti
  • Guatemala: l'incendio di  El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato
    La morte delle 42 giovani bruciate nel rogo si deve alla totale assenza delle politiche statali per i minori

    Guatemala: l'incendio di El Hogar Sicuro è un femminicidio di Stato

    Tutti erano a conoscenza dell'estremo degrado e delle violenze all'interno della casa-famiglia
    27 marzo 2017 - David Lifodi
  • Guatemala: le brutte facce della presidenza di Jimmy Morales
    Arrestati i suoi uomini più vicini con l’accusa di aver commesso crimini contro l’umanità

    Guatemala: le brutte facce della presidenza di Jimmy Morales

    Negli anni ’80 Cabrera Mejía e Edgar Ovalle Maldonado parteciparono alla repressione imposta dal regime militare
    3 febbraio 2016 - David Lifodi

Guatemala: Diritto alla terra negato

Due comunità indigene contadine cacciate dalle loro terre dai terratenientes che non vogliono pagare loro il dovuto salario.
31 gennaio 2004 - Simone Perini
Fonte: Simone Perini, Casco Bianco della Caritas Italiana in Guatemala
Sgomberate con una massiccia azione della polizia due comunità indigene nella regione di Quetzaltenango su pressione dei terratenientes loro debitori Giovedi 22 gennaio, nella zona di Gènova Costa Cuca, regione di Quetzaltenango (200 km a nord ovest dalla capitale) un contingente della Polizia Nazionale Civile di quasi 200 elementi proveniente da più dipartimenti, ha provveduto a sgomberare la hacienda “La Merced” da circa cinquanta famiglie di contadini coloni che vi risiedevano ormai da molti anni. I lavoratori, esasperati dal mancato riconosimento dei propri diritti, da pochi mesi impedivano l’ingresso al terreno al propietario Anibal Gramajo, il quale è loro debitore di 1.200.000 quetzales (150.000 euro circa) per il lavoro prestato fino al licenziamento avvenuto otto anni fa. Nonostante sia in corso un procedimento giudiziaio per la risoluzione del conflitto di lavoro, la situazione di stallo negava ai contadini il diritto ad una vita degna non potendo questi permettersi i più elementari servizi. A seguito di una denuncia del terrateniente, il giudice di pace di detta località Virgilio Monterroso Romero, ha emesso un ordine di sgombero per mettere fine all’ “usurpazione” ed “invasione” (così come citato nell’atto ufficiale) della proprietà costituita da 304 ettari di terreno. A nulla è servita la mediazione della Plataforma Agraria (alleanza politica nazionale che riunisce più soggetti allo scopo di provuovere riforme strutturali del sistema agrario e lo sviluppo in ambito rurale) e del parroco del posto affinchè i contadini non venissero privati della posibilita di continuare a vivere sulla terra in cui sono nati e che hanno lavorato per molti anni senza ancora ricevere la giusta remunerazione. In ogni caso i contadini hanno accetato di lasciare il fondo senza opporre resistenza, nonostante il numero delle forze dell’ordine al servizio del Ministero Pubblico, equipaggiate in assetto antisommossa con tanto di fucili lancialagrimogeni e scudi, lasciassero prevedere un attuazione violenta del procedimento giudiziario. Una quasi identica successione dei fatti avveniva poche ore dopo presso la finca “Maria Lourdes” di proprietà dell’Impresa Manifacacturera Cosmètica Industrial, poco distante dalla prima. In questo caso le 47 famiglie di contadini aspettano di vedere saldato il credito di 4 milioni di quetzales (circa 500 mila euro) dai datori di lavoro. La proprietà all’arrivo della polizia era già stata abbandonata dagli occupanti. Il problema dell’agro nel Paese, che vede l’enorme diseguaglianza nella concentrazione di terra, capitali ed entrate derivanti dalla produzione ed esportazione nelle mani dello 0.15% dei proprietari (dalle fonti di Plataforma Agraria), è la principale causa della povertà o estrema povertà di una gran parte della popolazione guatemalteca (il 70% di cui la maggioranza è indigena secondo l’Informe de Desarrollo Humano del Sistema de Naciones Unidas del 2002). Nei fatti accaduti viene tradita la speranza dei lavoratori agricoli e delle organizzazioni popolari che il nuovo governo potesse promuovere riforme sostanziali in ambito rurale e difendere così i diritti di chi vi abita e lavora. Simone Perini (casco bianco di Caritas Italia) Guatemala, 28 gennaio 2004
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)