Latina

Nicaragua concede asilo a leader indigeno peruviano

Per lui mandato d'arresto dopo la violenta repressione contro la protesta in Amazzonia
10 giugno 2009
Giorgio Trucchi

Alberto Pizango (Foto flickr.com) L'ambasciatore del Nicaragua in Perù, comandante Tomás Borge, ha confermato che il suo governo ha concesso asilo politico al leader indigeno peruviano Alberto Pizango e che lo ha accolto nella sede diplomatica di Lima. La decisione sarebbe già stata notificata al presidente peruviano Alan García.

Borge, che attualmente si trova a Managua, ha affermato di aver girato istruzioni al personale dell'ambasciata a Lima per sollecitare al governo peruviano il salvacondotto per il leader indigeno, sul quale pende un mandato di cattura per i violenti scontri avvenuti nella provincia di Bagua, durante i quali hanno perso la vita varie decine di persone tra manifestanti e forze dell'ordine.
Secondo le dichiarazioni dell'ambasciatore nicaraguense e leader storico del Frente Sandinista, Pizango avrebbe scelto di chiedere asilo al Nicaragua in quanto, durante gli ultimi giorni, la sede diplomatica della Bolivia è stata messa sotto stretta vigilanza da parte dei militari peruviani.

Pur non volendo rilasciare dichiarazioni circa quanto accaduto tra le etnie indigene dell'Amazzonia ed il governo di García, il diplomatico nicaraguense ha informato che il presidente Daniel Ortega gli ha dato precise istruzioni per ciò che riguarda la concessione dell'asilo politico a Pizango. Tale decisione del governo nicaraguense è dovuta a "ragioni umanitarie, in quanto è evidente che si tratta di un perseguitato politico nel suo paese".
Secondo Borge dipenderà ora dal governo peruviano concedere o no il salvacondotto e permettere quindi che Pizango voli in Nicaragua. Nel frattempo resterà sotto la protezione dell'ambasciata nicaraguense come prevedono i trattati internazionali.

Intanto a Managua un folto gruppo di peruviani residenti nel paese e membri delle etnie indigene nicaraguensi hanno protestato davanti alla sede diplomatica del Perù, denunciando il "massacro" di Bagua e la politica repressiva del presidente García.

Repressione della protesta (flickr.com) La repressione a Bagua

Il dirigente indigeno peruviano Shapion Noningo ha denunciato che a causa della sospensione delle garanzie costituzionali a Bagua ed alle difficoltà di comunicazione con questa zona, è ancora difficile poter determinare il numero esatto delle persone decedute negli scontri di venerdì scorso tra le forze dell'ordine e membri delle popolazioni indigene amazzoniche che stavano protestando.
Le cifre ufficiali parlano di 33 morti, ma il numero potrebbe crescere fino a cento, mentre le organizzazioni indigene parlano già di corpi fatti sparire dalla polizia e di irruzioni negli ospedali per arrestare i manifestanti feriti

Dopo i violenti scontri, il presidente Alan García Pérez ha decretato lo stato d'emergenza e la sospensione delle garanzie costituzionali in questa regione dell'amazzonia peruviana. Ha inoltre accusato alcuni governi stranieri della regione di essere i principali ispiratori delle proteste e di cospirare contro il Perù (con chiari riferimenti al Venezuela e alla Bolivia).
Noningo ha invece confermato che la loro lotta è completamente indipendente ed ha chiesto il rispetto della Costituzione e dei diritti delle popolazioni originarie.

Il dirigente dell'Associazione interetnica per lo sviluppo della foresta peruviana, Aidesep, ha inoltre ricordato che la loro lotta è iniziata come risposta ai decreti legge emessi dal governo di Alan García che, secondo le popolazioni originarie della zona, ledono la sovranità del paese e permettono la privatizzazione delle terre dell'Amazzonia e delle loro risorse naturali
Tali decreti sono stati presentati dal governo peruviano per soddisfare gli interessi degli Stati Uniti e rendere compatibile la legislazione peruviana con i requisiti necessari per la firma di un trattato di libero commercio con questo paese.

Tratto da: Radio La Primerísima e YVKE Mundial

© (Testo e Foto Giorgio Trucchi - Lista Informativa "Nicaragua y más" di Associazione Italia-Nicaragua www.itanica.org )

Note: Video - Foto - Articoli:

http://www.kaosenlared.net/noticia/video-masacre-amazonia-afrenta-para-todos-todas-solidaridad-hermanas-i

Articoli correlati

  • Perù: l’estrema destra spinge per il golpe
    Latina
    Keiko Fujimori non si rassegna alla sconfitta

    Perù: l’estrema destra spinge per il golpe

    Prosegue la guerra sporca contro Pedro Castillo, il legittimo vincitore del ballottaggio
    28 giugno 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Perù: un voto a Pedro Castillo per cancellare il fujimorismo
    Latina
    Ballottaggio del 6 giugno: la sinistra ripone le proprie speranze sul maestro rurale

    Perù: un voto a Pedro Castillo per cancellare il fujimorismo

    Assemblea Costituente e nazionalizzazione dei settori strategici dell’economia tra i cavalli di battaglia del candidato di Perù Libre
    28 aprile 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)