Latina

Messico: ONU condanna attentato contro donna indigena nel Guerrero

1 luglio 2009
Monica Mazzoleni (Coordinamento America Latina Amnesty International)

© AI - Prigione di Ayutla - Guerrero L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite, in un comunicato stampa del 26 giugno, condanna l’attentato contro Margarita Martín de las Nieves, vedova del difensore dei diritti umani Manuel Ponce dell’Organizzazione per il Futuro del Popolo Mixteco (OFPM) che è stato assassinato lo scorso febbraio e il cui omicidio rimane ad oggi impunito.

Nello Stato del Guerrero, a Sud del Messico, le intimidazioni e gli attentati contro i difensori dei diritti dei popoli indigeni sono all’ordine del giorno. Tale è l’aggravarsi e l’urgenza della situazione che il 9 aprile 2009 la Corte Interamericana dei Diritti Umani ha ordinato misure di protezione per 107 attivisti dei diritti umani, per la maggior parte indigeni, che corrono gravi pericoli.

Tra questi anche Margarita Martín de las Nieves che il 24 giugno, ad Ayutla de los Libres, ha partecipato ad una riunione presso il Centro dei Diritti Umani della Montagna Tlachinollan. Un’ONG che si occupa della tutela dei diritti umani e costituisce un importante punto di riferimento per le altre organizzazioni locali. A questa riunione ha partecipato anche un ufficiale della polizia preventiva statale per prendere accordi con Margarita Martínes riguardo le misure per la sua protezione (ronde a domicilio, cellulari etc.) che lo stato aveva promesso a partire dal 23 giugno.

Durante il tragitto verso la sua comunità una persona non identificata, che si trovava ai bordi della strada, ha sparato contro Margarita Martín de las Nieves e a due famigliari, anche loro membri di OFPM, che l’accompagnavano. Per fortuna nessuno è stato colpito. La polizia, nonostante gli accordi, non era presente a proteggerla, il cellulare che le aveva fornito il governo federale come mezzo di protezione non funzionava, e al numero di telefono che avrebbe dovuto fare in caso di emergenza non rispondeva nessuno.

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite richiama le autorità competenti perché stabiliscano come sono andati i fatti in maniera rapida ed efficace, e sollecita lo Stato Messicano perché attivi le misure dettate dalla Corte Interamericana dei Diritti Umani in forma effettiva e diligente per proteggere i difensori dei diritti umani e il loro lavoro.
Amnesty International ha lanciato un’azione urgente suo caso (www.amnesty.it).

Nel frattempo il Centro dei diritti Umani della Montagna Tlachinollan in collaborazione con altre organizzazioni locali e internazionali, continua a gran voce a chiedere la liberazione del prigioniero di coscienza Raúl Hernández dell’Organizzazione del Popolo indigeno Me’phaa (OPIM).

L’attivista è stato imprigionato il 17 aprile 2008 con l’accusa di omicidio in base a prove fabbricate ad arte per rappresaglia contro il suo legittimo lavoro di difesa dei diritti del popolo indigeno. Tutt’ora rimane recluso nella prigione di Ayutla de los Libres.

In tutto il Messico i difensori dei diritti umani continuano a subire minacce, aggressioni, incriminazioni penali politicamente motivate e detenzioni per aver guidato proteste o promosso il rispetto dei diritti umani.

Articoli correlati

  • Per una nuova cultura di pace
    Pace
    La cultura di pace del XXI secolo si riassume nel motto “Prima l’umanità, prima le persone”

    Per una nuova cultura di pace

    Noi tutti amici della nonviolenza e del disarmo ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza e famiglia umana come sostenevano Einstein e il pacifista nonviolento Vittorio Arrigoni, barbaramente assassinato a Gaza in Palestina
    14 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Gli zapatisti in viaggio verso l’Europa
    Latina
    Per la prima volta l’Ezln esce dal territorio messicano

    Gli zapatisti in viaggio verso l’Europa

    L’Escuadron 421 (4 donne, 2 uomini ed una donna trans) sbarcherà nel vecchio continente a metà giugno, presumibilmente sulle coste della Galizia. Gli zapatisti hanno fatto sapere che il loro viaggio servirà per parlare della loro resistenza.
    5 maggio 2021 - David Lifodi
  • Donna: l’impegno pacifista
    Pace
    La donna emancipata e pacifista nella cultura dell'Ottocento

    Donna: l’impegno pacifista

    L’asprezza del misoginismo ottocentesco si scontra con l’esperienza dei primi gruppi emancipazionisti. La donna emancipata e pacifista diviene allora il bersaglio da colpire, l’emblema di disordine e della sregolatezza morale.
    11 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele
    Palestina
    Mosaico di Pace

    Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele

    Embargo contro Israele, un dossier a cura di BDS Italia. Con il sostegno di PeaceLink e con la collaborazione del collettivo A Foras. Israele applica un regime di apartheid nei confronti della popolazione palestinese, violandone i diritti umani e politici.
    20 marzo 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)