Latina

Colombia: Ingrid Betancourt, spina nel fianco di Uribe

Il movimento per la liberazione dell'ex candidata, prigioniera da due anni insiste per il dialogo con le Farc.Ma il presidente è per la linea dura.
Mobilitazione internazionale per la franco-colombiana, cittadina onoraria di mille città del mondo.
6 marzo 2004
Guido Piccoli

COLOMBIA
Ingrid Betancourt, spina nel fianco di Uribe
Il movimento per la liberazione dell'ex candidata insiste per il dialogo con le Farc
Prigioniera da due anni Mobilitazione internazionale per la franco-colombiana, cittadina onoraria di mille città del mondo. Ma il presidente è per la linea dura
GUIDO PICCOLI
Ci sono voluti due anni di appelli per fare di Ingrid Betancourt un simbolo internazionale. Dal 23 febbraio 2002, giorno del suo sequestro ad opera dei guerriglieri delle Farc, la quarantaduenne candidata ecologista colombiana è diventata «cittadina onoraria» di più di mille città del mondo, ha ottenuto una decina di riconoscimenti prestigiosi ed è una seria candidata al Nobel per la pace. Una mobilitazione così imponente sorprende e imbarazza molti in Colombia, a tal punto che alcuni giornali, per sminuire la sua figura, l'hanno maliziosamente definita la «Rigoberta Menchù dei ricchi». Sono gli stessi che scelgono il silenzio per l'arresto, avvenuto il 18 febbraio scorso, per il reato di «ribellione» di Luz Perly Cordoba, responsabile dei diritti umani della federazione contadina del sindacato unitario Cut e dirigente dell'Associazione Contadina di Arauca, regione passata sotto giurisdizione militare per decisione del presidente Alvaro Uribe. La liberazione di Luz Perly è stata chiesta da Amnesty International, che con un comunicato da Londra, ha inquadrato il suo arresto «in una strategia coordinata e ben pianificata per far tacere il movimento dei diritti umani», attirandosi irritate accuse di faziosità da parte del governo di Bogotà e significativamente anche di Jorge Visbal, presidente della Fedegan (Federazione degli allevatori di bestiame), ammiratore dei capi e dei metodi paramilitari.

Ingrid e Luz Perly sono solo le vittime più conosciute di un conflitto quarantennale, nel quale le donne sono le più esposte a rappresaglie spesso contornate dalle violenze sessuali.

Secondo un rapporto del Dipartimento di stato nordamericano, nei mesi scorsi proprio in Arauca, alcuni soldati dei reparti di contro-guerriglia violentarono e uccisero varie indigene delle comunità locali, dopo avere indossato i braccialetti delle Autodefensas. In genere si usa separare, in occasione della gran parte dei massacri compiuti lista alla mano, le donne e i bambini dagli uomini da giustiziare. Ma non c'è distinzione di sesso negli omicidi selettivi o nei combattimenti campali, anche per la sempre maggiore presenza femminile nella guerra colombiana: sebbene nessuna sia entrata a far parte della Comandancia, le donne rappresentano ormai la metà dei guerriglieri delle Farc.

Le vicende di Ingrid e Luz Perly rivelano le miserie di una guerra civile per ora senza soluzione. Rapita dai ribelli, che approfittarono cinicamente di un suo ingenuo viaggio elettorale in una zona sotto il loro controllo, la Betancourt è diventata, col passare del tempo, un spina nel fianco del potere di Bogotà, per i suoi coraggiosi inviti al dialogo e ad una pace con giustizia sociale. Secondo i familiari di Ingrid, Uribe non solo auspica un'improbabile quanto dissennata operazione di riscatto ad una trattativa con la guerriglia, ma non sarebbe contento di vederla viva e libera, visto che lei si batterebbe con tutte le energie per la reintegrazione delle Farc alla vita civile.

Se il dramma della Betancourt ricorda al mondo la crudeltà della pratica dei sequestri da parte dell'organizzazione di Tirofijo, rivela anche il fanatismo di Uribe, sempre più irritato da una mobilitazione presa sotto tutela dalla Francia, seconda patria di Ingrid, che ha portato recentemente a Bogotà il sindaco di Roma Walter Veltroni.

E' augurabile che, allo stesso modo, la vicenda di Luz Perly faccia comprendere il degrado etico in cui è caduta la giustizia colombiana, diventata una fabbrica di montature ad uso e consumo dell'esercito e dei paramilitari, attraverso l'utilizzo spudorato di testimoni pagati, intimidatori arresti di massa, l'insabbiamento di ogni indagine scomoda e l'allontanamento dei giudici onesti. Uribe ha piazzato i suoi uomini nei posti chiave della magistratura, arrivando ad occupare perfino le istituzioni preposte alla protezione dei diritti umani. E, nonostante le ultime resistenze della Corte Costituzionale, sta abolendo del tutto il principio della divisione dei poteri propria degli Stati democratici.

Alcuni europarlamentari irlandesi che un mese fa vennero in Colombia per sollecitare l'inizio del processo per tre loro connazionali del Sinn Fein (in carcere da due anni con la paradossale accusa di avere tenuto un corso di esplosivi ai più che competenti guerriglieri delle Farc) non esitarono a definire la giustizia colombiana «una vergogna internazionale». Secondo il quotidiano El Tiempo del 27 febbraio scorso, anche il governo di Washington ne sarebbe così scandalizzato da imporre a Uribe la rimozione di alcuni giudici al soldo delle Autodefensas e dei narcos.

Tra i pochi che sembrano invece non accorgersene ci sono il governo e alcuni magistrati italiani, come il procuratore anti-mafia Pierluigi Vigna, che continuano a finanziare e accreditare la magistratura colombiana. Forse compiaciuti dalla recente decisione di Uribe di intitolare a Giovanni Falcone le nuove unità di polizia giudiziaria. O forse semplicemente e colpevolmente disinformati.

Articoli correlati

  • Colombia: un regime criminale e una oligarchia assassina
    Latina
    Sei omicidi di ex combattenti e di almeno 32 leader sociali

    Colombia: un regime criminale e una oligarchia assassina

    La Missione di Verifica dell'Organizzazione delle Nazioni Unite in Colombia (ONU) con un comunicato in data 9 maggio ha espresso preoccupazione per gli omicidi di ex membri delle forze armate rivoluzionarie dell'esercito popolare colombiano (FARC-EP), che in buona fede hanno deposto le armi.
    10 maggio 2020 - Francesco Cecchini
  • Nuove minacce contro il Venezuela bolivariano
    Latina
    Una taglia sul presidente Maduro e altri dirigenti chavisti

    Nuove minacce contro il Venezuela bolivariano

    La Colombia al fianco degli Stati uniti per destabilizzare il paese
    8 aprile 2020 - David Lifodi
  • America latina: dal corona virus al corona golpe
    Latina
    Provvedimenti repressivi in Uruguay, Bolivia, Colombia, Cile

    America latina: dal corona virus al corona golpe

    La pandemia utilizzata dai governi di destra per ristabilire l’ordine pubblico. E crescono gli omicidi contro i lottatori sociali
    3 aprile 2020 - David Lifodi
  • Le Ande rivendicano democrazia e giustizia sociale
    Latina
    In Bolivia, Cile e Colombia prosegue la protesta

    Le Ande rivendicano democrazia e giustizia sociale

    Duque, Piñera e Añez rappresentano solo gli interessi dell’oligarchia
    8 dicembre 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)