Latina

Colombia, la nave scuola spacciava droga

Decine di chili di cocaina ed eroina scoperti nella sala macchine di Gloria, fiore all'occhiello della Marina
19 aprile 2004
Guido Piccoli
Fonte: Il Manifesto

Triste destino quello del veliero «Gloria», fiore all'occhiello della Marina militare colombiana, rovinosamente decaduto a metafora della corruzione dilagante del narcotraffico nel paese sudamericano. Grazie ad un'improvvisa perquisizione realizzata giovedi scorso nel porto di Cartagena, in un serbatoio della sala macchine è stato scoperto un carico di 16 chili e mezzo di eroina e dieci di cocaina, pronto a essere smerciato nelle città costiere degli Usa e dell'Europa dove «Gloria» avrebbe dovuto approdare nella prevista prossima crociera di sei mesi. Irritato da questo ennesimo scandalo legato alla droga, Alvaro Uribe ha optato per la linea dura, sospendendo tutto l'equipaggio formato da 75 uomini, tra ufficiali, sottufficiali, marinai e personale civile. E ovviamente ordinando di mettere i sigilli alla «Gloria», fino alla conclusione dell'inchiesta giudiziaria.

Attraverso un comunicato ufficiale il governo ha fatto sapere di «preferire che il veliero marcisca in rada piuttosto che vedere marcire la dignità nazionale». Indirizzando i sospetti su tre sottufficiali della nave, dei quali non è stata ancora rivelata l'identità,il comandante della Marina, ammiraglio Mauricio Soto Gómez, ha cercato pateticamente di trovare del positivo nell'episodio, affermando che «se èvero che il narcotraffico si è infiltrato in molte istituzioni, come la nostra, è anche vero che è stato scoperto e che quindi le istituzioni sono sane».

Per non imbarazzare ulteriormente Alvaro Uribe, ieri il presidente peruviano Alejandro Toledo, in viaggio ufficiale in Colombia per concordare, guarda caso, la «comune attività contro il flagello della droga», ha disdetto la prevista visita a Cartagena, che si sarebbe dovuta concluderecon una cerimonia ufficiale proprio a bordo del veliero incriminato.

I vertici civili e militari colombiani, che da decenni fanno uno spregiudicato uso politico della droga assimilando soprattutto i ribelli delle Farc ai narcos, sono screditati da scandali ormai quotidiani. Mercoledi scorso, ad esempio, Jaime Londoño, il capo militare del Cartello del Nord del Valle (ormai l'unico gruppo mafioso con una struttura organizzata rimasto in Colombia), è statocatturato nella sede del Circolo Sottufficiali di Bogotà, dove risiedeva tranquillamente da tempo. La settimana prima, invece, un reparto militare del battaglione «Boyacà» aveva massacrato, con un'esecuzione spietata,undici tra poliziotti e informanti paramilitari, che trasportavano un carico di coca nella zona montagnosa di Guaitarilla, nella regione meridionale del Nariño. Un episodio di barbarie e corruzione sul quale le autorità statali, in lotta tra di loro, non sono ancora riuscite a fornire all'opinione pubblica una versione sufficientemente credibile. Secondo il deputato progressista Gustavo Petro, ex guerrigliero dell'M-19, il caso del «Gloria» conferma la decomposizione sociale e morale del paese: «E' un fatto simbolico, ma è anche la punta dell'iceberg di quanto i narcos e i paramilitari si siano impadroniti del potere».

Nonostante i sondaggi telecomandati, affidati a Gallupp e ad altre imprese del genere, continuino ad attribuirgli una grande popolarità, Uribe appare come un pugile frastornato, incapace di sconfiggere non solo la guerriglia,ma anche la corruzione, come si era impegnato a fare solennemente quando erastato eletto presidente. Manca solo che qualcuno gli giochi uno scherzo simile a quello organizzato al suo predecessore Ernesto Samper nel 1996, quando vennero scoperti quattro chili di eroina nel bagagliaio dell'aereo presidenziale pronto a decollare per New York, dove l'allora presidentedoveva parlare ad un'assemblea generale delle Nazioni Unite. Sbarcato negli Usa, Samper riuscì a fare dell'ironia sostenendo di «esserearrivato con qualche chilo di meno». Difficile immaginare che l'arrogante Uribe possa dimostrarsi, in un caso del genere, altrettanto spiritoso.

Note: www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/18-Aprile-2004/art41.html

Articoli correlati

  • Colombia: un regime criminale e una oligarchia assassina
    Latina
    Sei omicidi di ex combattenti e di almeno 32 leader sociali

    Colombia: un regime criminale e una oligarchia assassina

    La Missione di Verifica dell'Organizzazione delle Nazioni Unite in Colombia (ONU) con un comunicato in data 9 maggio ha espresso preoccupazione per gli omicidi di ex membri delle forze armate rivoluzionarie dell'esercito popolare colombiano (FARC-EP), che in buona fede hanno deposto le armi.
    10 maggio 2020 - Francesco Cecchini
  • Nuove minacce contro il Venezuela bolivariano
    Latina
    Una taglia sul presidente Maduro e altri dirigenti chavisti

    Nuove minacce contro il Venezuela bolivariano

    La Colombia al fianco degli Stati uniti per destabilizzare il paese
    8 aprile 2020 - David Lifodi
  • America latina: dal corona virus al corona golpe
    Latina
    Provvedimenti repressivi in Uruguay, Bolivia, Colombia, Cile

    America latina: dal corona virus al corona golpe

    La pandemia utilizzata dai governi di destra per ristabilire l’ordine pubblico. E crescono gli omicidi contro i lottatori sociali
    3 aprile 2020 - David Lifodi
  • Le Ande rivendicano democrazia e giustizia sociale
    Latina
    In Bolivia, Cile e Colombia prosegue la protesta

    Le Ande rivendicano democrazia e giustizia sociale

    Duque, Piñera e Añez rappresentano solo gli interessi dell’oligarchia
    8 dicembre 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)