Latina

Colombia: attentato contro il leader paramilitare Carlos Castaño

19 aprile 2004
Christian Benna
Fonte: war news

Cinque guardie del corpo sono rimaste uccise falciate dalla raffiche di mitra di ignoti aggressori. Lui, Carlos Castaño, il 38enne capo delle milizie di destra colombiane (AUC), è riuscito a sfuggire all'attacco che avrebbe dovuto mettere fine a suoi giorni.

La notizia, rilanciata dall'agenzia Reuters, scuote i già traballanti negoziati di pace tra paramilitari e governo. C'è ancora molta confusione sulla dinamica dell'attentato: alcuni paramilitari giurano che si tratta di una faida tra bodyguards, altri sostengono la tesi del regolamento di conti per questioni di narcotraffico e qualcuno crede che il leader delle Auc sia negli Usa per curare la figlia malata.

Resta il fatto che Castaño, considerato dagli Stati Uniti a capo di un gruppo terrotistico sul cui capo pende un mandato di estradizione per traffici illeciti, ha disertato venerdì 16 aprile il tavolo dei colloqui con il governo.

E seduti a negoziare, venerdì c'erano proprio tutti. Tutti tranne Castaño. A mediare le trattative fra i capi delle Auc (comandanti del Magdalena Medio, Central Bolivar, Los Llanos, Casanare), rappresentanti del governo c'erano monsignor Julio César Vidal Ortiz, vescovo di Monteria, Sergio Caramagna, delegato dell'OEA e Luis Carlos Restrepo, l'alto commissario per il processo di pace in Colombia.

Carlos Castaño e suo fratello Fidel fondarono le Auc negli anni 80 in funzione anti-Farc. Secondo le organizzazione dei diritti umani i paramilitari di destra sarebbero i maggiori responsabili degli abusi sui civili (Foto: Selvas.org)

Come riferisce El Tiempo è stata la prima volta dall'inizio dei contatti per accordi di pace tra governo Uribe e Auc (giugno 2003) che tutti - o quasi - gli attori del conflitto si trovavano a discutere. Oltre alla vistosa assenza di Castaño, spicca l'ennesimo fallimento nel trovare una zona di smobilitazione delle Auc, che invece (come nel sud Bolivar) continuare a reclutare miliziani e a combattere i guerriglieri delle Farc.

Un caos sul terreno che riflette la tempesta giudiziaria che si sta abbattendo sul governo e sull'esercito. In un dossier pubblicato dalla rivista Cambio si rendono note le accuse dell'ex generale Alberto Uscátegui, sotto processo per il massacro di Mapiripàn del 1997.

L'ex alto ufficiale denuncia connivenze tra esercito e paramilitari. Ma non solo. Infatti sembra spingersi ben oltre promettendo nuove rivelazioni documentate all'interno di un personal computer in suo possesso, sul quale l'intelligence colombiana avrebbe registrato i rapporti con i paramilitari, vero e proprio braccio operativo per i lavori "sporchi" di Bogotà.

Un brutto colpo per il presidente Uribe, che sul dialogo con le Auc e il pugno di ferro con i guerriglieri delle Farc, si sta giocando la rielezione. Anche se il governo ha rotto il silenzio pronunciandosi a favore di un secondo mandato dell'ex governatore di Antioquia ottenibile con alcuni emendamenti della costituzione, l'onda d'urto delle rivelazioni di Uscátegu potrebbero spaccare "gli uribisti".

Infatti la democrazia colombiana non prevede il doppio mandato presidenziale.

Gli Stati Uniti fecero già sapere, a febbraio, per bocca dell'ambasciatore Usa a Bogotà, di essere favorevoli alla rielezione di Uribe. "Le Farc combattono da 40anni, il presidente della colombia ha solo 4 anni di tempo per sconfiggerle. Troppo poco", così si espresse William Wood, la feluca americana a Bogotà, facendo saltare su tutte le furie anche qualche editorialista del Tiempo.

Note: http://www.warnews.it/index.php/content/view/611/33/

Articoli correlati

  • Colombia: un regime criminale e una oligarchia assassina
    Latina
    Sei omicidi di ex combattenti e di almeno 32 leader sociali

    Colombia: un regime criminale e una oligarchia assassina

    La Missione di Verifica dell'Organizzazione delle Nazioni Unite in Colombia (ONU) con un comunicato in data 9 maggio ha espresso preoccupazione per gli omicidi di ex membri delle forze armate rivoluzionarie dell'esercito popolare colombiano (FARC-EP), che in buona fede hanno deposto le armi.
    10 maggio 2020 - Francesco Cecchini
  • Nuove minacce contro il Venezuela bolivariano
    Latina
    Una taglia sul presidente Maduro e altri dirigenti chavisti

    Nuove minacce contro il Venezuela bolivariano

    La Colombia al fianco degli Stati uniti per destabilizzare il paese
    8 aprile 2020 - David Lifodi
  • America latina: dal corona virus al corona golpe
    Latina
    Provvedimenti repressivi in Uruguay, Bolivia, Colombia, Cile

    America latina: dal corona virus al corona golpe

    La pandemia utilizzata dai governi di destra per ristabilire l’ordine pubblico. E crescono gli omicidi contro i lottatori sociali
    3 aprile 2020 - David Lifodi
  • Le Ande rivendicano democrazia e giustizia sociale
    Latina
    In Bolivia, Cile e Colombia prosegue la protesta

    Le Ande rivendicano democrazia e giustizia sociale

    Duque, Piñera e Añez rappresentano solo gli interessi dell’oligarchia
    8 dicembre 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)