Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Presidenziali Colombia: ballottaggio tra l'uribista Duque e l'uomo di pace Gustavo Petro
    Al primo turno l'uomo di Uribe ha guadagnato il 39% dei consensi contro il 25% del leader della coalizione Colombia Humana

    Presidenziali Colombia: ballottaggio tra l'uribista Duque e l'uomo di pace Gustavo Petro

    L'ex sindaco di Bogotá è sostenuto da una coalizione progressista, Duque conta sull'appoggio dell'estrema destra e dell'estabilishment liberale-conservatore
    28 maggio 2018 - David Lifodi
  • Il Venezuela bolivariano non arretra
    Maduro confermato presidente grazie ad una base chavista ancora solida

    Il Venezuela bolivariano non arretra

    Il boicottaggio elettorale di gran parte dell'opposizione non ha pagato
    23 maggio 2018 - David Lifodi
  • Chávez presente!
    Alcune riflessioni sulle elezioni del 20 maggio in Venezuela a partire dal libro del professor Luciano Vasapollo dedicato alla rivoluzione bolivariana

    Chávez presente!

    Edizioni Efesto, 2018
    16 maggio 2018 - David Lifodi
  • Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro
    In vista delle presidenziali del 20 maggio si moltiplicano i tentativi per costringere il presidente bolivariano alla salida

    Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro

    Si teme di nuovo un intervento militare contro Caracas mascherato da ragioni umanitarie
    7 maggio 2018 - David Lifodi
Mascherato sotto le spoglie di un politico conservatore, Mario Abdo Benítez conquista la presidenza del paese con soltanto il 4% in più di Efraín Alegre

Paraguay: nelle urne ritorna lo stronismo

Mario Abdo Benítez è esponente dell’ala filostronista del Partido Colorado. Suo padre è stato il segretario di Alfredo Stroessner
23 aprile 2018 - David Lifodi

internet

La prima brutta notizia che arriva dal Paraguay è che i colorados sono riusciti a mantenersi alla guida del paese. La seconda è che il nuovo presidente, Mario Abdo Benítez, il quale si è aggiudicato il 46% delle preferenze contro il 42% di Efraín Alegre, non è una persona qualsiasi, ma erede politico dello stronismo, aldilà delle sue dichiarazioni di facciata: suo padre è stato infatti il segretario di Alfredo Stroessner, il più longevo dittatore dell’America latina, al potere per ben 35 anni.

La vittoria di Mario Abdo Benítez, già presidente del Senato, era comunque nell’aria, anche se non con un margine così risicato. I sondaggi assegnavano al leader dei colorados circa 20 punti percentuali in più rispetto al suo avversario. L’unica consolazione, per l’opposizione, è che lo scarso margine che ha permesso a Mario Abdo Benítez di guadagnare la presidenza del paese, lo costringerà comunque a negoziare con il centrosinistra, ma la sua campagna elettorale, che ha goduto del sostegno dell’oligarchia terrateniente, è stata all’insegna della criminalizzazione dei campesinos e dei movimenti sociali.

Pur essendo uno dei paesi più piccoli del Cono Sur, il Paraguay riveste da sempre un’importanza strategica fondamentale, tanto che l’agenzia di stampa Alainet ha scritto che il risultato delle presidenziali avrebbe interessato soprattutto i potenti e i più grandi paesi confinanti, l’Argentina e il Brasile, per via dei trattati stipulati rispettivamente sulla centrale idroelettrica di Yacyretá e Itaipú, entrambi a svantaggio di Asunción. Inoltre, preoccupano gli accordi sottoscritti all’epoca della presidenza Cartes, che di certo non saranno disconosciuti da Mario Abdo Benítez, sempre con Brasile e Argentina, per l’installazione di una base militare alla Tripla Frontiera, rilanciando così quella dottrina di sicurezza nazionale inaugurata dal regime stronista e che isolò il paese per oltre 30 anni. Considerando che alla guida di Brasile e Argentina ci sono Temer e Macri, l’alleanza con Mario Abdo Benítez non farà altro che consolidarsi ulteriormente.

Quanto ad Efraín Alegre, si è trattato di una sconfitta sotto certi aspetti annunciata, anche per via della discutibile strategia politica attuata dal centrosinistra. Ganar (Gran Alianza Nacional Renovada), questo il nome dell’alleanza che sosteneva Alegre, è sorta dall’unione tra liberali e sinistra, già andata in frantumi nel 2012, quando il vicepresidente dell’ex monsignore Fernando Lugo, Federico Franco, ordì un colpo di stato ai suoi danni che poi ha spalancato la strada a Cartes e ai colorados. Già nel 2013 Cartes aveva sconfitto Alegre. Il Frente Guasù, il partito di Fernando Lugo, aveva presentato come vice di Alegre Leo Rubin, per dimostrare che Ganar era realmente un’alleanza rappresentata da un tandem che condivideva il legame tra liberali e centrosinistra, ma tutto ciò non ha convinto fino in fondo gli elettori. Tra gli impegni assunti da Alegre in caso di vittoria, il recupero della sovranità energetica, un aspetto che aveva suscitato diverse discussioni con il Brasile anche in epoca lulista, la sanità pubblica gratuita e un maggior impegno per sconfiggere corruzione e crimine organizzato.

In quattro anni di presidenza Horacio Cartes, tra le altre cose molto chiacchierato per via dei suoi presunti legami con il narcotraffico, aveva spalancato le porte al capitale straniero e si era reso responsabile della violenta repressione scatenata più volte nei confronti dei movimenti sociali, a partire dalle proteste del 31 marzo 2017 contro il tentativo di introdurre un emendamento costituzionale affinché fosse rieletto. Inoltre, sotto Cartes, è cresciuta la corruzione, la povertà è raddoppiata ed il paese ha conosciuto più volte lo stato d’assedio, imposto per combattere la guerriglia dell’Ejército del Pueblo Paraguayo, incolpato a prescindere di qualsiasi crimine viene commesso nel paese.

La vittoria di Mario Abdo Benítez, secondo molti analisti politici, non fa che rafforzare la dittatura del Partido Colorado in Paraguay, che governerà all’insegna dei progetti conservatori-neoliberali promossi da Cartes, a partire dalla contestata Ley de Alianzas público-privadas e dalla legge che permette alle forze armate di intervenire in questioni di sicurezza interna. La primavera democratica del Paraguay, interrotta nel 2012 da un discusso colpo di stato parlamentare sfruttando un cavillo della Costituzione, non tornerà a breve.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)