Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Presidenziali Brasile: in gioco la democrazia del paese e dell'intera America latina
    I sondaggi indicano Jair Bolsonaro come sicuro partecipante ad un eventuale ballottaggio

    Presidenziali Brasile: in gioco la democrazia del paese e dell'intera America latina

    Se il 7 ottobre candidato dell'estrema destra raggiunge il Planalto il paese si troverebbe sull'orlo del baratro
    3 ottobre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: persecuzione giudiziaria contro le organizzazioni popolari
    Lo scorso luglio inflitte condanne tra i 5 e i 7 anni di carcere a 23 attivisti che avevano partecipato alle Jornadas de Junho del 2013 contro le grandi opere legate ai mondiali di calcio del 2014 e alle Olimpiadi del 2016

    Brasile: persecuzione giudiziaria contro le organizzazioni popolari

    Per condannare i militanti è stata utilizzata la “delazione premiata” e l’infiltrazione degli agenti all’interno dei movimenti sociali
    12 settembre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: Fernando Haddad al posto di Lula?
    A seguito della condanna dell'ex presidente confermata dal Tse il suo posto potrebbe essere preso dall'ex sindaco di San Paolo

    Brasile: Fernando Haddad al posto di Lula?

    Bolsonaro e Alckmin saranno i principali candidati delle destre nelle presidenziali del 7 ottobre
    3 settembre 2018 - David Lifodi
  • Presidenziali Brasile: un fronte comune contro Jair Bolsonaro
    La persecuzione giudiziaria contro Lula potrebbe spalancare le porte del Planalto ad uno dei politici più retrogradi del paese dal ritorno della democrazia

    Presidenziali Brasile: un fronte comune contro Jair Bolsonaro

    I sondaggi indicano Lula come favorito, ma a meno che la Corte suprema non gli permetta di candidarsi alle elezioni di ottobre resterà in carcere
    4 agosto 2018 - David Lifodi
Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
8 ottobre 2018 - David Lifodi

 

Bolsonaro-Haddad ballottaggio

Il prossimo 28 ottobre è assai probabile che Jair Bolsonaro diventi il nuovo presidente del Brasile. Con quasi il 47% dei consensi rispetto al petista Fernando Haddad, che ha raggiunto a fatica il 29%, per l'ex capitano dell'esercito la probabilità di conquistare il Planalto è molto alta. Ammesso che Haddad riesca a superarlo sul filo di lana, solo grazie ad una vasta rete di alleanze, per il delfino di Lula la vita da presidente non sarebbe comunque facile poiché il suo destino politico finirebbe per essere indissolubilmente legato ad una eterogenea quanto variegata coalizione in grado di condizionarlo e ricattarlo a proprio piacimento. Il risultato del primo turno delle presidenziali per Bolsonaro è andato ben oltre le più rosee aspettative e la bancada militare sogna di riconquistare il potere dopo il ventennio di dittatura tra la metà degli anni Sessanta e la metà degli anni Ottanta.

L'exploit di Bolsonaro non rappresenta una novità per l'America latina, nonostante sembri paradossale che un aperto simpatizzante del regime militare, noto per le sue posizioni politicamente scorrette, possa giungere alla guida di un paese che ha vissuto la dittatura sulla propria pelle. Pochi anni fa, in Guatemala, è accaduta la stessa cosa. Jimmy Morales, ex comico, tra proclami parafascisti, slogan all'insegna della pulizia sociale, il compiacimento di circoli di ex militari autori dell'operazione tierra arrasada, che ha provocato il genocidio maya nei primi anni Ottanta, e spacconate di ogni tipo ha conquistato la presidenza di un paese più volte messo in ginocchio da dittatori sanguinari e senza scrupoli.

Bolsonaro, con la stessa tecnica, fatta di frasi dirette ai peggiori istinti dell'elettore medio, la minimizzazione dei crimini del regime militare e un modo di fare tipico del buffone è riuscito a conquistare oltre 49 milioni di voti, provenienti in gran parte delle elites bianche, ma anche da una classe media desiderosa di cambiamento, certo animata da un viscerale antipetismo, ma non necessariamente tutta omofoba, razzista o fascista. È così che il serbatoio di voti del tucano Geraldo Alckmin è stato praticamente prosciugato, tanto da non raggiungere nemmeno il 5% dei consensi. Sarà forse l'ex governatore di San Paolo, con il suo elettorato, l'ago della bilancia, ammesso che Haddad riesca a rimontare una distanza così abissale.

Dal canto suo, se lo stesso Haddad vuol provare a prendersi il Planalto, dovrà promuovere una serie di alleanze a sinistra e, al massimo, al centro. Non è detto che basti per riprendere per i capelli la presidenza del paese, ma dar vita ad una coalizione unita solo dal "no" a Bolsonaro potrebbe essere controproducente. Il Partido Socialismo e Liberdade di Guilherme Boulos, molto attivo nelle strade e nei quartieri delle megalopoli brasiliane (ma ancora con un basso numero di consensi nonostante la presenza di consiglieri in un buon numero di municipi), ha già dichiarato che sosterrà Haddad, anche se per il braccio destro di Lula, catapultato nella campagna presidenziale all'ultimo tuffo, una volta preso atto dell'inarrestabile persecuzione politica contro l'ex presidente, sarà decisivo l'appoggio di Ciro Gomes, il quale ha fatto sapere che di fronte al pericolo fascista sosterrà il candidato petista. Esponente del Partido Democrático Trabalhista, definito da alcuni come una corrente del lulismo e fermo sostenitore degli ideali laburisti, Gomes ha ottenuto il 12,5% delle preferenze e, ad un certo punto, sembrava poter divenire anche l'anti-Bolsonaro per evitare quella polarizzazione del voto su cui aveva invece scommesso il Partido dos Trabalhadores, convinto che ciò sarebbe bastato per bloccare la crescente onda nera.

Bolsonaro-Haddad balottaggio

L'intellettuale e sociologo Emir Sader ha scritto che Lula confida in un ribaltamento dei risultati al ballottaggio e che rimane fiducioso, tuttavia la montagna da scalare resta impervia. Innanzitutto il sistema mediatico ha svolto un ruolo di primo piano nel favorire il successo di Bolsonaro, convincendo in ogni modo le elites a votare per un impresentabile pur di sbarazzarsi definitivamente di Lula, di Haddad e del petismo. Ad esempio, nell'ultimo dibattito televisivo tra candidati presidenziali, Bolsonaro ha scelto di disertare il confronto in onda sulla conservatrice Tv Globo per presentarsi a Tv Record, di proprietà di un pastore evangelico (Edir Macedo) che lo sostiene, e condurre un vero e proprio comizio elettorale senza contraddittorio e in barba alla legge.

Sostenuto da Paulo Guedes, il suo più stretto collaboratore, vicino ai think thank di estrema destra, Bolsonaro ha scommesso tutto sul refrain della classe media abbandonata e aggredita dalla sinistra, slogan amplificato dalle chiese evangeliche e dai fautori della sicurezza ad ogni costo, tema assai caro in un paese dove il tasso di omicidi è altissimo, spesso però a scapito di attivisti come Marielle Franco, dei favelados e dei militanti delle organizzazioni popolari. Ai grandi gruppi imprenditoriali, all'oligopolio mediatico e alla bancada ruralista non è parso vero di sostenerlo, mentre dai pulpiti delle chiese evangeliche si gridava contro l'aborto, il femminismo e più in generale si predicava quegli ideali di sinistra peraltro incarnati assai timidamente da Fernando Haddad. È così che, con una serie di dichiarazioni ad effetto, a partire dalla promessa di liberalizzare la vendita di armi fino alle dichiarazioni xenofobe, passando per le esternazioni del suo vice, il generale Hamilton Mourao, per il quale il ritorno alla democrazia, nel 1985, non ha portato nulla di buono, Bolsonaro punta ad instaurare una sorta di dittatura, pur avallata dal voto popolare.

Di fronte alla crescita di Bolsonaro e del suo piccolo partito (Partido Social Liberal), il Pt ha commesso numerosi errori, a partire da un tentativo di conciliazione di classe sia con Lula sia con Dilma Rousseff (che ha fallito l'elezione a senatrice nello stato del Minas Gerais), da cui sono derivate politiche alla fine insoddisfacenti sia per le classi popolari sia per l'agrobusiness, l'imprenditoria mineraria e le transnazionali legate alle centrali idroelettriche, peraltro lasciate libere di fare il bello e il cattivo tempo. Sulla stessa operazione Lava Jato, aldilà dell'evidente manovra politica per estromettere Lula dalle elezioni, il Pt non ha mai fatto autocritica, facendo inoltre da sponda a personaggi di dubbia moralità, ben lontani da quelle origini operaie che lo avevano trasformato nel più grande partito dei lavoratori dell'America latina. Già nel 2014, di fronte alla minaccia della destra conservatrice tucana, allora incarnata da Aécio Neves, in molti avevano votato per Dilma solo per scongiurare una sconfitta petista.

Il 28 ottobre Haddad dovrà battere non solo Bolsonaro nelle urne, ma anche l'industria delle armi, l'agronegozio, la parte più reazionaria del potere giudiziario, il latifondo mediatico e l'onnipotenza di ampia parte del mondo evangelico, ormai apertamente legato all'estrema destra, tanto da abbandonare Marina Silva, anch'essa ridotta a percentuali da zero virgola dall'uomo nero, e il suo "neoliberismo progressista". Se Bolsonaro fosse davvero il nuovo presidente del Brasile, per tutto il continente si tratterebbe di un ulteriore passo indietro.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)