Latina

Honduras: Violenza strutturale contro le donne

Ogni 18 ore una donna muore in modo violento. Nuovo rapporto mostra assenza delle istituzioni
28 maggio 2019
Giorgio Trucchi

Manifestazione contro i femminicidi (Foto G. Trucchi | Rel-UITA)

“Tutte le morti violente e gli infiniti casi di violenza sessuale, violenza domestica e intrafamigliare che le donne honduregne sono costrette a subire hanno cause sociali e strutturali, in quanto lo Stato non fa quasi nulla per garantire loro il diritto a una vita senza violenza”, conclude il rapporto “Violenza contro le donne 2017-2018” del Centro dei diritti delle donne, Cdm.

Malgrado l’approvazione di meccanismi e di strumenti normativi a tutela dei diritti delle donne, tra cui la creazione di procure speciali, le donne non usufruiscono di un’istituzionalità funzionale ed efficace che le difenda e le protegga, spiega il Cdm.

L’inerzia delle autorità e la mancanza di misure di protezione a favore delle donne creano impunità. Per questa ragione la stragrande maggioranza degli uomini che stuprano, uccidono, sequestrano e commettono altri delitti contro le donne non vengono puniti.

La militarizzazione dei territori e della pubblica sicurezza contribuiscono ulteriormente ad acutizzare la repressione contro la popolazione, in particolare contro le donne.

Femminicidi in aumento

Il rapporto del Cdm segnala che l’Honduras continua a essere uno dei paesi latinoamericani con il più alto tasso di femminicidi. Ogni 18 ore una donna muore in modo violento. El Salvador, Honduras e il Guatemala sono i paesi con il più alto tasso di morti violente di donne in America Centrale.

Negli ultimi diciotto anni, 6.256 donne sono state assassinate in Honduras, il 76% (4.742) dopo il colpo di Stato del 2009. Una media quindi di 474 donne assassinate all’anno e più del 90% di casi che restano impuniti.

Secondo l’Osservatorio dei diritti delle donne del Cdm, in base a dati pubblicati dalla polizia, da medicina legale e dall’Istituto universitario democrazia pace e sicurezza (Iudpas) dell’Università nazionale autonoma dell’Honduras, negli anni 2017 e 2018 sono state assassinate rispettivamente 388 e 380 donne.

Quasi il 50% aveva un’età inferiore ai 30 anni e il 56% è stato assassinato con armi da fuoco. Un dato questo che indica non solo presenza, ma anche aumento dei casi di accanimento e misoginia.

Il Centro dei diritti delle donne segnala inoltre la tendenza da parte delle istituzioni a non riportare i femminicidi secondo quanto dispone il codice penale, preferendo invece catalogarli come omicidi. Secondo i dati ufficiali della Procura, nel 2017 ci sarebbero stati 10 femminicidi e solamente 2 nel 2018.

Le morti non diminuiscono

Nonostate si osservi una diminuzioni delle morti (526) a partire del 2014, il Cdm spiega che questa tendenza potrebbe dipendere da una progressiva limitazione dell’accesso alle informazioni pubbliche durante i due governi di Juan Orlando Hernández (dal 2014 a oggi).

“Hanno approvato la legge sul segreto d’ufficio [1], hanno modificato i protocolli per accedere alle informazioni pubbliche e hanno creato il sistema statistico della polizia in linea (Sepol). Inoltre, nel 2014 hanno proibito per oltre un anno la diffusioni di dati ufficiali sugli omicidi. Quando nel 2015 hanno finalmente pubblicato i nuovi dati, la tassa degli omicidi in Honduras era improvvisamente  (e magicamente ndr) diminuita”, rileva il rapporto.

L’organizzazione schierata in difesa dei diritti delle donne e contro ogni tipo di violenza di genere assicura che non esiste una diminuzione significativa dei dati sugli omicidi delle donne.

“Il sistema di sicurezza e giustizia continua a essere impreparato e non fa buon uso di tutti quei meccanismi che permetterebbero alle donne di essere soggetti di diritto e di avere accesso alla giustizia senza correre rischi. Mostra inoltre indifferenza di fronte alle violenze subite dalle donne che si rivolgono alle istituzioni in cerca di giustizia”.

Note

[1] Legge per la classificazione dei documenti pubblici relativi alla sicurezza e alla difesa nazionale

Fonte: Rel-UITA

Note: traduzione Gianpaolo Rocchi

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)