Latina

Il Messico di Amlo tra resistenze e capitalismo

Por la vida y la libertad

Recensione al libro di Andrea Cegna (Agenzia X, 2019)
3 settembre 2019
David Lifodi

Por la vida y la libertad

Por la vida y la libertad, il libro di Andrea Cegna edito da Agenzia X (2019), fotografa bene l’attuale scenario politico messicano, tra le attese, forse eccessive, riposte in Andrés Manuel López Obrador, dopo oltre 70 anni di priismo (e panismo), e la diffidenza, per non dire il distacco e il disincanto, con cui gli zapatisti guardano ad Amlo, come è conosciuto popolarmente il nuovo presidente del paese.

Il sottotitolo scelto da Andrea Cegna, collaboratore di Radio Popolare e del quotidiano il manifesto, è senza dubbio attinente: il Messico di Amlo tra resistenze e capitalismo. Intellettuali, giornalisti, artisti, militanti per i diritti umani, femministe e docenti universitari rispondono a sette domande, uguali per tutti, sulle prospettive del paese a seguito dell’entrata del paese nel Nafta (il 1° gennaio 1994, quando avvenne anche l’insurrezione zapatista), sull’influenza dell’Ezln sui movimenti sociali messicani e sulla società civile, sulla questione di genere, sulla candidatura di Marichuy alle presidenziali, dalle quali è stata poi esclusa in maniera quantomeno dubbia, fino all’ultimo, cruciale, quesito: “Cosa succederà con la nuova amministrazione di Amlo?”.

Sullo sfondo, nelle parole di tutti gli intervistati, compare, imprescindibile, la lotta zapatista, coscienza critica del paese, ma negli ultimi tempi percepita, almeno da una parte della sinistra messicana, come settaria per le critiche ad Amlo ritenute da alcuni troppo aspre.

A seguito di una accurata introduzione di Cegna dedicata alla politica messicana, con particolare attenzione alla gestazione dell’Ezln, i cui semi furono gettati, almeno 10 anni prima del levantamiento del 1° gennaio 1994, dalle Fuerzas de Liberación Nacional (Fnl), e della prefazione di Pino Cacucci, uno dei maggiori esperti del Messico che sottolinea come Por la vida y la libertad rappresenti “un interessante caleidoscopio di pareri sugli sviluppi della società messicana”, prendono la parola gli intervistati.

Il giudizio di Juan Villoro su Obrador è netto: “Nel migliore dei casi apporterà alcune correzioni al modello sociale che subiamo, ma la vera trasformazione dipende dalla creazione di alternative come quelle del Consiglio indigeno di governo o dello zapatismo”. Anche l’antropologo Gilberto López y Rivas, editorialista del quotidiano La Jornada ed uno dei rappresentanti dell’Ezln nei dialoghi di San Andrés, è scettico verso Amlo e lo considera soltanto “una riconfigurazione dell’egemonia borghese sotto altre vie”.  Raúl Zibechi, giornalista uruguayano e profondo conoscitore dei movimenti sociali, a proposito dello spostamento verso Obrador di una parte dei movimenti popolari messicani, mette in guardia sui rischi di una logica statalista che finisce per tarpare le ali alle organizzazioni popolari, le quali finiscono per essere ingabbiate.

Tuttavia il libro non è dedicato solo alla dialettica tra zapatisti e Amlo e alle contraddizioni di quest’ultimo. Paco Ignacio Taibo ricorda che il Messico è un paese cambiato in peggio dalla guerra alla droga scatenata dall’ex presidente panista Calderón, conclusasi in maniera fallimentare e con migliaia di morti, lo stesso fa il ricercatore Fabrizio Lorusso, giornalista freelance e ricercatore all’Iberoamericana di León che analizza il legame tra narcotraffico, polizia e parapolitica, sottolineando la militarizzazione dei territori e il tentativo di stabilire uno stato d’assedio.

Non tutti, però, concordano, sulla separazione tra potere e movimenti sociali. La femminista Amaranta Cornejo ritiene che ci siano numerosi punti di contatto, pur evidenziando che il levantamiento del 1° gennaio 1994 abbia influenzato in profondità la cultura politica messicana, che da allora ha tratto ispirazione dall’autonomia zapatista, a partire dal movimento di Cherán e dai gruppi di autodifesa nello stato di Guerrero, come ricorda il docente universitario e giornalista Federico Mastrogiovanni. Anche Pablo Romo, per anni collaboratore di don Samuel Ruiz, è convinto che gli zapatisti rappresentino ancora oggi una fonte di ispirazione per i movimenti che rifiutano il neoliberismo, pur non mancando di ricordare che sono numerose anche le organizzazioni popolari con un piede nel gioco istituzionale e nella democrazia elettorale ed uno nelle piazze.

In generale, Por la vida y la libertad è un libro che si legge con piacere perché ognuno degli intervistati (ci sono anche Gustavo Esteva, Claudio Albertani, Carlos Fazio, Araceli Olivos e molte/i altre/i) esprime il proprio punto di vista sulla presidenza obradorista, che sarà fondamentale, nel bene e nel male, per delineare il futuro di un paese, il Messico, attraversato da molteplici differenze e contraddizioni.

Por la vida y la libertad. Il Messico di Amlo tra resistenze e capitalismo

di Andrea Cegna,

Agenzia X, 2019

€ 15

  

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Messico: accordo capestro con gli Stati uniti
    Latina
    I negoziati commerciali usati da Trump come merce di scambio per risolvere la questione migratoria

    Messico: accordo capestro con gli Stati uniti

    Amlo ha accettato le condizioni di Trump trasformando il suo paese nel cortile di casa degli Usa
    13 giugno 2019 - David Lifodi
  • Messico: intervista con Mario Robles e Roberto Escorcia
    Latina
    I docenti messicani dell’Universidad Autónoma Metropolitana (Uam) parlano della presidenza di Amlo

    Messico: intervista con Mario Robles e Roberto Escorcia

    Andrés Manuel López Obrador rappresenta una reale speranza di cambiamento, ma al tempo stesso alcuni suoi modi di fare politica sono tipici del vecchio priismo.
    25 maggio 2019 - David Lifodi
  • Messico: le grandi opere della discordia
    Latina
    Il presidente Andrès Manuel López Obrador non ascolta la società civile

    Messico: le grandi opere della discordia

    Nuovi aeroporti, centrali termoelettriche e Tren Maya provocano la militarizzazione del paese e rendono più vulnerabili i lottatori sociali
    8 maggio 2019 - David Lifodi
  • Messico: terrorismo di Stato contro gli attivisti sociali
    Latina
    Cecilia López Pérez vittima di intimidazioni mafiose

    Messico: terrorismo di Stato contro gli attivisti sociali

    La militante del Frente Nacional de Lucha por el Socialismo denunciava le sparizioni forzate
    10 aprile 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)