Latina

Rodolfo Hernández ha guadagnato voti grazie alla sua retorica populista e qualunquista

Colombia: sulla strada di Gustavo Petro verso Palacio Nariño si intromette Hernández

Nel ballottaggio del 19 giugno l’oligarchia si aggrapperà a questo ingegnere civile di 77 anni per mantenere i propri privilegi
30 maggio 2022
David Lifodi

Colombia: sulla strada di Gustavo Petro verso Palacio Nariño si intromette Hernandez

Sarà il ballottaggio del 19 giugno a decidere quale sarà il nuovo presidente colombiano. A contendere Palacio Nariño a Gustavo Petro e Francia Márquez (Pacto Histórico) non sarà Federico Gutiérrez, come in molti pronosticavano, bensì la coppia Rodolfo Hernández-Marelen Castillo, della Liga Anticorrupción. Gustavo Petro ha conquistato 8,3 milioni di voti, corrispondenti a poco più del 40% dei consensi rispetto al 28% di Hernández. Staccato di cinque punti rispetto al secondo posto, Gutièrrez (Equipo por Colombia) ha già invitato il suo elettorato a sostenere Hernández.

Dal primo turno emerge quindi il fallimento della destra uribista, che aveva scommesso sull’ex sindaco di Medellín per sbarrare la destra a Petro, ma si aggiunge anche un pizzico di delusione. Alcuni sondaggi assegnavano la vittoria all’ex guerrigliero dell’M-19 già al primo turno, ma adesso Petro e Francia Márquez saranno costretti ad altre tre settimane di campagna elettorale in cui la destra radicale uribista e l’oligarchia faranno l’impossibile per spostare i voti del suo elettorato a Hernández. Non solo: per vincere al primo turno occorreva ottenere il 50% dei voti e adesso il maggio timore è che il Pacto Histórico abbia già raggiunto il massimo dei voti possibili e che le destre si coalizzino per sconfiggere Petro.

Forte dello slogan No robes, no mientas, no traiciones”, l’ex sindaco di Bucamaranga ha sfruttato al meglio il sentimento populista diffusosi nel paese, oltre a ribadire la sua tolleranza zero nei confronti dei movimenti sociali e, ancora di più, verso quelli guerriglieri. Da parte sua, Gutiérrez ha già fatto sapere che appoggiare il candidato della Liga Anticorrupción, ingegnere civile di 77 anni, è l’unica strada possibile per evitare di “mettere a rischio il futuro della Colombia”.

Sebbene Petro abbia ormai abbracciato gli ideali della socialdemocrazia, gli uribistas hanno già iniziato a ripetere il solito ritornello tipico di queste circostanze: “Se vince Petro vincerà il comunismo”. Come è facile immaginare, anche gli Stati uniti non vedono di buon occhio un successo di Petro perché il programma dell’ex sindaco di Bogotá, all’insegna della giustizia sociale, del dialogo con i movimenti guerriglieri e di un forte impegno per raggiungere una vera pace nel paese, di certo allontanerebbe la Colombia da quel ruolo di gendarme che finora ha sempre esercitato nei confronti degli altri paesi ribelli dell’America latina, a partire dal Venezuela.

Si tratta proprio di due visioni diverse del paese, da una parte quella di Petro, dall’altra quella di Hernández e della sua Liga Anticorrupción. L’ingegnere ha dalla sua il sostegno dell’estrema destra, con la quale condivide l’odio verso i guerriglieri delle Farc che, nel 1994, avevano rapito sua figlia e lo costrinsero a pagare un riscatto. Se Hernández vincerà, la Colombia continuerà ad essere un paese escludente rispetto a quello prefigurato da Gustavo Petro e Francia Márquez, quarantenne, nera e una vita trascorsa nei movimenti femministi e ambientalisti che ha chiuso la campagna elettorale con un discorso commovente: “Una mujer que le enseñaron a sentir vergüenza de su color de piel, pero debemos sentirnos orgullosas de nuestra negrura, soy una mujer a la que le tocó aprender de sus ancestros, que fueron hombres y mujeres libres que luego fueron esclavizados. Desde que me di cuenta que mis ancestros fueron libres, me sentí orgullosa de mi historia”.

Da qui al 19 giugno saranno numerosi gli ostacoli sulla strada di Gustavo e Francia. Solo pochi giorni prima del voto è emerso che molti imprenditori hanno fatto pressione sui loro dipendenti affinché non votassero per il Pacto Histórico: “Un empleado que vote por Petro no cabe en mi esquema empresarial y simplemente se tiene que ir”, hanno sostenuto gran parte degli esponenti dell’uribismo minacciando apertamente il licenziamento di tutti i loro lavoratori che avessero scelto di esprimere la loro preferenza per Petro.

L’eventualità che, per la prima volta nella sua storia, la Colombia possa avere un governo di sinistra, ha preoccupato non poco l’oligarchia, timorosa di perdere quello status quo di cui ha sempre goduto. In una campagna elettorale caratterizzata da un altissimo tasso di violenze, Rodolfo Hernández non solo ha prosciugato parte del serbatoio di voti uribista presentandosi come candidato “centrista” e sparando a zero contro tutta la classe politica, ma, rispetto a Gutiérrez, che secondo i sondaggi era comunque dato come perdente contro Petro al secondo turno, potrebbe realmente impensierire il candidato del Pacto Histórico, sfruttando al meglio anche il buon numero di voti conquistati da un’altra formazione di estrema destra, Salvación Nacional, che non perde occasione per riferirsi a Petro come a el aspirante a tirano”.

Tuttavia, il discorso qualunquista di Rodolfo Hernández finge di non ricordare che la corruzione è figlia della debolezza di uno Stato che ha sempre mantenuto una stretta relazione con le organizzazioni criminali, dai paramilitari ai cartelli del narcotraffico e, se la Colombia è sull’orlo del disastro dal punto vista economico, ma anche morale e istituzionale, le responsabilità non sono certo da imputare a Petro o a quella parte di paese da sempre esclusa, nel migliore dei casi, se non massacrata (sindacalisti, comunità indigene, militanti di Unión Patriótica ambientalisti, donne, studenti e migliaia e migliaia di desplazados) dalle stesse istituzioni, dalle multinazionali e da un apparato militare tra i più violenti dell’intera America latina.

Il 19 giugno in ballo non c’è solo Palacio Nariño, ma la Colombia Humana (dal nome della coalizione che ha accompagnato il tortuoso percorso elettorale di Gustavo Petro e Francia Marquéz tra intimidazioni e minacce di morte) che si contrappone ad una retorica pericolosamente populista a cui l’estrema destra uribista si aggrappa, dopo il voltafaccia di gran parte dell’elettorato nelle urne, per mantenere i suoi privilegi.

Articoli correlati

  • Le prime operatrici colombiane sulle linee elettriche imparano a mantenere accese le luci
    Sociale
    Potere alle donne

    Le prime operatrici colombiane sulle linee elettriche imparano a mantenere accese le luci

    Un lavoro difficile che richiede lunghi periodi lontane da casa, ma l’unica scuola per operatrici su linee ad alta tensione sta cambiando il modo di pensare in un ambiente dominato dagli uomini.
    16 gennaio 2023 - Soraya Kishtwari
  • 38 ore per Lula
    Latina
    Il Brasile dopo Bolsonaro

    38 ore per Lula

    Maria Monteiro Gomes ha fatto un lungo viaggio per assistere all’investitura di Lula da Silva. È al settimo cielo. Ma cosa significa il neo presidente per il Brasile?
    7 gennaio 2023 - Niklas Franzen
  • Brasile: finalmente Lula!
    Latina
    Adesso per il presidente si apre una partita non meno complessa di quelle affrontate finora

    Brasile: finalmente Lula!

    Con il 50,9% Lula ha sconfitto Jair Bolsonaro (49,1%) in un difficile ballottaggio. La costituzione di un composito fronte antifascista, composto anche da forze di destra non bolsonariste, ha permesso a Lula di tornare al Planalto e sconfiggere il Messia Nero.
    31 ottobre 2022 - David Lifodi
  • Il Brasile sospeso tra fascismo e democrazia
    Latina
    Nelle presidenziali del 2 ottobre il paese spera in Lula per uscire dall’incubo bolsonarista

    Il Brasile sospeso tra fascismo e democrazia

    Cresce la violenza politica da parte dei sostenitori di Bolsonaro
    21 settembre 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)