Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il Venezuela bolivariano non arretra
    Maduro confermato presidente grazie ad una base chavista ancora solida

    Il Venezuela bolivariano non arretra

    Il boicottaggio elettorale di gran parte dell'opposizione non ha pagato
    23 maggio 2018 - David Lifodi
  • Chávez presente!
    Alcune riflessioni sulle elezioni del 20 maggio in Venezuela a partire dal libro del professor Luciano Vasapollo dedicato alla rivoluzione bolivariana

    Chávez presente!

    Edizioni Efesto, 2018
    16 maggio 2018 - David Lifodi
  • Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro
    In vista delle presidenziali del 20 maggio si moltiplicano i tentativi per costringere il presidente bolivariano alla salida

    Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro

    Si teme di nuovo un intervento militare contro Caracas mascherato da ragioni umanitarie
    7 maggio 2018 - David Lifodi
  • Una buona notizia
    Raccontala ai parlamentari che conoscete e chi sa che non si formi una maggioranza capace di far decidere il futuro governo a “disubbidire” agli ordini dell’imperatore americano

    Una buona notizia

    Un altro paese, il Venezuela, ha depositato alle Nazioni Unite lo strumento di ratifica del Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari che vieta la produzione, il possesso, la presenza al proprio interno e il transito nel territorio di armi nucleari.
    31 marzo 2018 - Giorgio Nebbia

Venezuela: conto alla rovescia per il referendum

Comincia la convalida delle firme con cui l'opposizione vuol cacciare Chavez. Grossi rischi
24 maggio 2004 - Maurizio Matteuzzi
Fonte: Il Manifesto

Count-down in Venezuela

Per Hugo Chavez, il bollente ma legittimo presidente del Venezuela, e per la Coordinadora democratica, l'insieme della recalcitrante e in buona parte golpista opposizione, ieri è cominciato il conto alla rovescia. L'ennesimo ma probabilmente l'ultimo, almeno sul terreno delle regole e della legalità, di uno scontro a morte cominciato nel 2000 e che ha già portato a due tentativi di rovesciarlo con le brutte: il golpe esplicito e di breve durata dell'aprile 2002 e lo sciopero golpista (soprattutto nel vitale settore del petrolio di cui è il quinto esportatore mondiale e il secondo negli Usa) durato due mesi, fra il dicembre del 2002 e il gennaio del 2003. Entrambi falliti. Dopo di che l'autoproclamata «società civile» che fa capo alla Coordinadora ha puntato tutto sul referendum revocatorio. Un meccanismo introdotto dalla costituzione bolivariana del 2000 che prevede la revoca per via democratico-elettorale del capo dello stato e dei deputati dell'Assemblea nazionale nel caso lo chieda, con apposite firme, il 20% dell'elettorato: 2.4 milioni di elettori, in Venezuela. Dopo la raccolta delle firme, fine novembre, la Coordinadora gridò al trionfo depositando presso il Consiglio nazionale elettorale (Cne) 3.1 milioni di firme. Chavez grido alla «frode». Il Cne e i mediatori-osservatori internazionali - Organizzazione degli stati americani, Centro Carter, il Gruppo dei 5 paesi amici: Brasile, Usa, Messico, Cile, Spagna e Portogallo - convalidò 1.9 milioni di firme. Le altre erano o false o dubbie. Per queste ultime - 1.2 milioni - era necessario un secondo turno di «reparo», ossia di conferma.

Una parte dell'opposizione quella più esagitata e golpista disse che era un «golpe bianco» e che non stava più al gioco. Un'altra parte, anche per i consigli degli osservatori internazionali, accettò di andare al «refirmazo». Che Chavez ribattezzò per scherno in «refraudazo». Seguirno scontri politico-giuridici lunghi e penosi fra i vari organi dello Stato accusati di essere pro o contro Chavez o la Coordinadora.

Ieri infine è cominciato il conto alla rovescia che durera fino a domenica. In questi tre giorni dovranno essere -o meno - convalidate le firme per il referendum revocatorio richiesto contro 14 deputati dell'Assemblea nazionale (uno del Movimiento Quinta Republica, la maggioranza chavista, 13 dei diversi partiti dell'opposizione). E' l'aperitivo dell'altro e più atteso «reparo» del 28-30 prossimi quando dovranno essere riconfermate - o meno - le firme dubbie per il referendum revocatorio contro Chavez.

All'opposizione mancano 5 o 600 mila firme valide per raggiungere quei 2.4 milioni che costringerebbero Chavez a sottoporsi al referendum che potrebbe scalzarlo dal palazzo di Miraflores di Caracas ben prima della scadenza naturale del suo mandato, nel 2006. Entrambi i pugili, il detentore e lo sfidante, lanciano proclami di vittoria. «Presidente Chavez, può già cominciare a preparare le valigie», ha dichiarato Antonio Ledezma, uno dei leader della Coordinadora. «Non ce la faranno. Sono sicuro di consegnare il potere, quando dovrò farlo, a un altro governo rivoluzionario», ribatte Chavez proponendosi fin d'ora come «pre-candidato» anche alle prossime elezioni che potrebbero portarlo fino al 2013.

Una prospettiva che fa accapponare la pelle alla rabbiosa e frustrata opposizione venezuelana; agli americani che vedono Chavez come il fumo negli occhi - per loro peggio di lui, in America latina, c'è solo il suo amico Fidel - e sono attivissimi nel sostenere in tutti modi scoperti e coperti l'opposizione; ai colombiani del presidente Uribe che quanto a fedeltà a Washington è il Berlusconi latino-americano.

Il referendum revocatorio, se si farà, è fissato per l'8 agosto, ultima data utile prima del 19 di quel mese quando Chavez comincerà il quarto dei suoi 6 anni di mandato e la costituzione prevede, in caso sia costretto a lasciare, non nuove elezioni ma la sua sostituzione fino al 2006 con il vicepresidente. Che è José Vicente Rangel, un chavista doc.

Cominque finisca questo round, sia lo vinca Chavez sia l'opposizione, i rischi del dopo sono grossi e crescenti. Perché, a questo punto, né il presidente legittimo né la Coordinadora dalle forti tentazioni golpiste avranno più mezzi legali a disposizione. Con gli americani - Bush o Kerry, che ha già pensato bene di sparare a zero su Chavez - a soffiare sul fuoco.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)