Latina

Messico: Chiapas, torna lo spettro di Acteal

13 agosto 2004
Mimmo Chirico
Anche se "c'è una certa debolezza delle comunità, possono verificarsi circostanze esplosive che portano a situazioni realmente deplorevoli, e noi, come facemmo nel caso di Acteal, lo diciamo anticipatamente perché percepiamo che sta accadendo proprio questo". Questo è quanto ha dichiarato il vescovo emerito Samuel Ruiz García il 22 luglio scorso, a margine di un incontro con la Commissione per gli Affari Indigeni della Camera dei Deputati messicana.

Nell’incontro, il cui contenuto è stato diffuso dalla testata locale La Jornada, il vescovo ha denunciato la presenza in Chiapas di condizioni favorevoli al verificarsi di situazioni come quella che sfociò nel massacro di Acteal nel dicembre del 1997.

Il vescovo continua:
"Vorremmo esprimere la nostra percezione della verità, senza altra pretesa che quella di dire che questa è la situazione, sappiamo che è così, e così ve lo diciamo"

Il vescovo ha anche riferito ai deputati la crescente presenza di forze militari (92 postazioni) tra i 13 mila profughi che influenza e cambia le normali abitudini e gli atteggiamenti della Comunità.

L'Esercito si trova vicino alle comunità, ma occupa scuole e beni naturali; stando sempre a quanto si apprende da La Jornada ci sono stati anche momenti in cui si è sparato in aria per intimorire la popolazione.

Gli orrori del passato

Era il pomeriggio del 22 Dicembre del 1997, secondo quanto scrisse La Jornada il del giorno seguente alla strage, quando i gruppi paramilitari priisti hanno iniziato una violenta offensiva nei confronti degli sfollati di Las Abejas e dei simpatizzanti zapatisti rifugiati in Acteal, nel municipio di Chenalhó. Alcuni abitanti si rifugiarono nella cappella della località, anch’essa mitragliata.

L’attacco si concluse con almeno 16 morti, mentre ben più numerosi furono i feriti.

Questa aggressione venne considerata dal consiglio autonomo di Polhó come la "più violenta" che un gruppo paramilitare abbia realizzato nel nord e in Los Altos del Chiapas dalla apparizione dell'EZLN. Javier Jiménez Luna, membro della società civile di Acteal, ed i dirigenti del consiglio autonomo di Polhó hanno dichiarato che i “desplazados”, gli sfollati che vivevano nelle montagne di Acteal, sono stati attaccati da differenti fronti per evitare che riuscissero a scappare; vi avrebbero partecipato priisti delle comunità di Los Chorros, Puebla, La Speranza e Quextic mentre gli sfollati erano originari di Tzajalucum, Chimix e Quextic.

Articoli correlati

  • Crisi diplomatica tra Bolivia e Messico
    Latina
    La polizia del governo golpista assedia l’ambasciata messicana a La Paz

    Crisi diplomatica tra Bolivia e Messico

    Sono rifugiati nell’ambasciata numerosi ministri del governo di Evo Morales
    8 gennaio 2020 - David Lifodi
  • Por la vida y la libertad
    Latina
    Il Messico di Amlo tra resistenze e capitalismo

    Por la vida y la libertad

    Recensione al libro di Andrea Cegna (Agenzia X, 2019)
    3 settembre 2019 - David Lifodi
  • Messico: accordo capestro con gli Stati uniti
    Latina
    I negoziati commerciali usati da Trump come merce di scambio per risolvere la questione migratoria

    Messico: accordo capestro con gli Stati uniti

    Amlo ha accettato le condizioni di Trump trasformando il suo paese nel cortile di casa degli Usa
    13 giugno 2019 - David Lifodi
  • Messico: intervista con Mario Robles e Roberto Escorcia
    Latina
    I docenti messicani dell’Universidad Autónoma Metropolitana (Uam) parlano della presidenza di Amlo

    Messico: intervista con Mario Robles e Roberto Escorcia

    Andrés Manuel López Obrador rappresenta una reale speranza di cambiamento, ma al tempo stesso alcuni suoi modi di fare politica sono tipici del vecchio priismo.
    25 maggio 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.31 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)