Latina

Colombia: la marcia indigena

Comincia domani la marcia indigena che il presidente Alvaro Uribe Velez ha tenato di bloccare in tutti i modi.
15 settembre 2004
Simone Bruni

la marcia indigena colombiana


50.000 Indigeni marceranno sulla “carretra Panamericana” per 100 km in tre giorni, sotto un sole cocente e acquazzoni improvvisi.
La marcia indigena colombiana
Queste persone hanno lasciato le loro riserve e le loro case per andare fino alla città Cali per protestare contro il governo e le sue politiche.
Gli Indigeni si oppongono al TLC (trattato di libero commercio) con gli Stati Uniti, al pacchetto di riforme costituzionali atto a limitari i diritti Sociali di un paese che secondo gli ultimi dati conta 29 milioni di poveri di cui 10 milioni indigenti su una popolazione totale di 40. Contro la situazione di violenza a cui sono sottoposti gli Indigeni di questo paese come tutti gli altri Colombiani.

In questi giorni sono stati tanti i colpi bassi inflitti dal governo ai leader indigeni in tutto il paese. Infatti inizia con questa marcia un lungo periodo di lotte e rivendicazioni per tutto il paese, portato avanti soprattutto dalle comunità indigene. Contemporanea alla “Minga per la vita, la giustizia, l’allegria, l’autonomia e la libertà” (questo il nome dell’iniziativa) si svolgeranno altre marce nelle regioni del Meta e della Guajira.

Leader Wayuu della Guajira hanno ricevuto da poco notifiche di atti processuali per fatti risalenti a 4-5 anni fa. E’ stata chiusa pretestuosamente “radio Nasa” che da anni rappresenta la voce delle comunità indigene Nasa e la loro maniera di informarsi e comunicare. Lo scorso 8 Settembre agenti del DAS(departamento administartivo de securidad) sono entrati negli uffici dell’organizzazione Indigena nella città di Neiva minacciando e intimorendo i leader locali che lavoravano per la minga. Inoltre si registra l’arrivo di un centinaio di paramilitari che si sono sistemati in tre fincas (case di campagna) nei pressi del tragitto che seguirà la marcia del gruppo proveniente dall’ Alto Naya nella regione del Cauca, “erano incappucciati e portavano armi a lungo e corto raggio” così si legge in un comunicato del Cabildo Indigeno dell’alto Naya(il cabildo è un governo autonomo indigeno). 2 di queste 3 case appartengono ad una multinazionale del cartone.

Il presidente Uribe ha anche dichiarato pubblicamente che “sono evidenti gli interessi distinti da quelli delle comunità indigene che si muovono alle spalle di questa mobilitazione” alludendo ad una infiltrazione guerrigliera, esponendo così i manifestanti ad attacchi da parte dei gruppi paramilitari.

In un ultimo tentativo di evitare una mobilitazione così imponente contro il suo governo, Uribe si è incontrato 2 giorni fa con i leader del movimento nella bellissima città coloniale di Popayan, e ha ricevuto una ulteriore risposte negativa allo smantellamento della mobilitazione.

Il presidente ha quindi preso atto della fermezza degli organizzatori e oggi ha cambiato la sua strategia. I grandi mezzi di comunicazione Colombiani, le Tv e l’unico periodico nazionale “El tiempo” hanno presentato, per tutto il giorno, la marcia come una manifestazione contro i gruppi armati che operano nel paese. Ignorando quindi il manifesto della mobilitazione e le decine di comunicati stampa delle varie organizzazioni indigene,nonché le loro lamentele.
Non essendo il presidente riuscito a evitare la mobilitazione vorrebbe ora farla passare come una protesta contro i gruppi armati e non contro le sue politiche. Cosa abbastanza facile in un paese classificato 147 su 166 nella classifica sulla libertà di stampa edita da “reporters sans frontier” nel 2003.
Questo atto irresponsabile espone ancora una volte le donne, e gli uomini che domani marceranno sotto il sole equatoriale ad attacchi sia dei paramilitari che della guerriglia.
La minga ha avuto comunque l’appoggio di moltissime organizzazioni e personalità da tutto il mondo, e vedrà la partecipazione anche di una delegazione Ecuadoriana guidata da Mayor Blanca Chancoso.

Articoli correlati

  • Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos
    Latina
    Il presidente Duque militarizza il paese e utilizza il pugno di ferro

    Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos

    Eppure il levantamiento non si ferma, frutto di una protesta contro le disuguaglianze sociali figlie del duqueuribismo, ma non solo
    4 giugno 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Colombia: terrorismo di stato
    Latina
    Continua la violenta repressione contro le proteste che proseguono dal 28 aprile scorso

    Colombia: terrorismo di stato

    Il nuovo levantamiento era iniziato contro la riforma tributaria imposta, e poi ritirata, dal presidente Duque
    18 maggio 2021 - David Lifodi
  • Il  Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio
    Latina
    Gran parte degli omicidi commessi avviene per mano della polizia

    Il Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio

    Sotto la presidenza di Iván Duque sono stati uccisi 167 leader indigeni
    22 gennaio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)