Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il Venezuela bolivariano non arretra
    Maduro confermato presidente grazie ad una base chavista ancora solida

    Il Venezuela bolivariano non arretra

    Il boicottaggio elettorale di gran parte dell'opposizione non ha pagato
    23 maggio 2018 - David Lifodi
  • Chávez presente!
    Alcune riflessioni sulle elezioni del 20 maggio in Venezuela a partire dal libro del professor Luciano Vasapollo dedicato alla rivoluzione bolivariana

    Chávez presente!

    Edizioni Efesto, 2018
    16 maggio 2018 - David Lifodi
  • Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro
    In vista delle presidenziali del 20 maggio si moltiplicano i tentativi per costringere il presidente bolivariano alla salida

    Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro

    Si teme di nuovo un intervento militare contro Caracas mascherato da ragioni umanitarie
    7 maggio 2018 - David Lifodi
  • Una buona notizia
    Raccontala ai parlamentari che conoscete e chi sa che non si formi una maggioranza capace di far decidere il futuro governo a “disubbidire” agli ordini dell’imperatore americano

    Una buona notizia

    Un altro paese, il Venezuela, ha depositato alle Nazioni Unite lo strumento di ratifica del Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari che vieta la produzione, il possesso, la presenza al proprio interno e il transito nel territorio di armi nucleari.
    31 marzo 2018 - Giorgio Nebbia

Venezuela: Chavez aumenta le imposte alle compagnie petrolifere che estraggono il greggio dai giacimenti dell' Orinoco

"Bisogna finire di regalare il petrolio alle multinazionali", ha dichiarato il presidente: le imposte passeranno dall' 1% al 16,6%
10 ottobre 2004 - YP (trad. A. Bariviera)
Fonte: El-nacional.com

Il presidente della Repubblica, Hugo Chàvez Frìas, ha ordinato alle autorità
del settore energetico di prendere le misure necessarie per incrementare da
1,0 a 16,6% le tasse per lo sfruttamento che pagano al fisco le compagnie
petrolifere multinazionali che operano nel Bacino Petrolifero dell'Orinoco

"Non ci sarà più petrolio regalato (...) Non c'è nessuna ragione perché
continuino a beneficiare " di quella clausola per le eccezioni, applicabile
solo in casi straordinari e "per ragioni che non esistono più, e che forse
non sono mai esistite", segnalò il primo ministro durante il suo programma
Alò Presidente, celebrato nello stato di Anzoàtegui.

Chàvez ricordò che la Legge degli Idrocarburi del 1943, applicata nei
contratti con quelle multinazionali, sottoscritta negli anni'90, fissava il
tasso a 16,6% ma contemplava eccezioni che, nella pratica, "permise a questi
nostri soci di pagare l'1,0 per cento; quasi zero".

Il presidente ha considerato che il processo rivoluzionario che presiede
inizia in questo modo la seconda fase della "vera nazionalizzazione del
petrolio" che, a suo giudizio, è cominciata con la riattivazione del Pdvsa
dopo essere stato fermo durante lo sciopero del 2003.

Il capo dello Stato ha garantito che durante questa nuova tappa, il Pdvsa
sistemerà i "torti" ereditati dalle precedenti amministrazioni e che si
spoglierà degli interessi "apolidi e internazionali".

Il mandatario tornò a giustificare l'elevato prezzo del petrolio nel mercato
internazionale e disse che il petrolio "non si regala a causa della
necessità di alcuni paesi". Disse anche che, secondo le proiezioni del 1974,
il prezzo del barile di petrolio dovrebbe essere arrivato ai 100 dollari
circa.

Chàvez inaugurò domenica una nuova unità per la produzione di benzina senza
piombo e diesel nella raffineria di petrolio di Puerto La Cruz, il progetto
si è potuto concretizzare grazie al investimento del Pvsa e ad un prestito
di 385 milioni di dollari da parte di banche giapponesi.

Colpi contro la BCV
Il primo ministro lanciò nuove ammonizioni alla Banca Centrale del Venezuela
in relazione alla gestione degli utili. In questa occasione, minacciò l'ente
nazionale d'intraprendere azioni legali di fronte al Tribunale Supremo di
Giustizia.
Chàvez stabilì in "miliardi di bolivares" la quantità di denaro appartenenti
al fisco del quale si è impossessata la BCV, e diede l'incarico alla
Procura Generale e al Ministero delle Finanze di iniziare le pratiche
necessarie per procedere con le azioni legali.

Note:

Pdvsa : compagnia statale "Petroleos de Venezuela

traduzione di Alejandra Bariviera a cura di Peacelink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)