Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il tessitore dei diritti umani
    Iqbal Masih, tredici anni, è stato ucciso a Lahore il 16 aprile 1995

    Il tessitore dei diritti umani

    Iqbal Masih era colpevole: colpevole per essersi ribellato alla mafia dei tappeti, allo sfruttamento minorile ed aver istigato altre persone a seguire il suo esempio
    3 marzo 2018 - Giacomo Alessandroni
  • Stephane Hessel
    Nel quinto anniversario della scomparsa

    Stephane Hessel

    Stephane Hessel ha partecipato eroicamente alla Resistenza francese (catturato dai nazisti e deportato nel campo di sterminio di Buchenwald riusci' a evadere e continuare la lotta) e dopo la guerra ha lavorato al Segretariato generale dell'Onu ed e' stato uno dei principali redattori della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
    27 febbraio 2018 - Peppe Sini
  • Honduras scosso da una crisi terribile dei diritti umani

    Honduras scosso da una crisi terribile dei diritti umani

    Elezioni fraudolente e usurpazione presidenziale annunciano forte instabilità
    5 febbraio 2018 - Giorgio Trucchi
  • Dal Paesaggio alla Civitas. Dall'Ecologia del Paesaggio alla pianificazione territoriale
    Libro a cura di Virginio Bettini

    Dal Paesaggio alla Civitas. Dall'Ecologia del Paesaggio alla pianificazione territoriale

    Il testo universitario affronta i temi dell'ecologia del paesaggio e dell'ecologia urbana in rapporto ai cambiamenti climatici e alla minaccia dell'energia nucleare.
    3 febbraio 2018 - Laura Tussi

Honduras: Corte Suprema di Giustizia da un barlume di speranza ad attivisti indigeni incarcerati

Amnesty Internazionale oggi ha dichiarato che considera prigioneri politici i dirigenti indigeni Leonardo e Marcelino Miranda, riconoscendo che le accuse nei loro confronti si basavano su motivazioni politiche e che non sono statti sottomessi a un giusto processo.
29 novembre 2004 - Filippo Pallotta
Fonte: Amnesty International

Amnesty Internazionale oggi ha dichiarato che considera prigioneri politici i dirigenti indigeni Leonardo e Marcelino Miranda, riconoscendo che le accuse nei loro confronti si basavano su motivazioni politiche e che non sono statti sottomessi a un giusto processo.

Leonardo e Marcelino Miranda, dirigenti della comunitá indigena Lenca di Montagna Verde, Municipio di Gracias, dipartimento di Lempira, sono stati incarcerati nel gennaio 2003, quando poliziotti armati li hanno arrestati e torturati davanti agli occhi dei loro famigliari e durante il tragitto al carcere.
"La sentenza contro Leonardo y Marcelino é stata caratterizzata da irregolaritá, dalla mancanza di prove alla parzialitá nel considerare i testimoni “sono stati considerati soltanto i testimoni dell’accusa, mentre sono stati ignorate le dichiarazioni dei testimoni della difesa,” menziona Amnesty Internazionale.
Nel dicembre 2003 i due fratelli sono stati condannati a 25 anni di prigione, per l’assasinio di Juan Reyes Gómez, avvenuto nel 2001.
L’appello presentato dalla difesa é stato respinto nel giugno del 2004. Successivamente un secondo appello é stato presentato alla Corte Suprema di Giustizia.

L’11 novembre, la Corte Suprema si é prenunciata a favore di Leonardo e Marcelino Miranda e contro la condanna a 25 anni di prigione per assassinio, riconoscendo che la condanna stessa presentava una serie di irregolaritá formali.

"Questa decisione ha dato un barlume di speranza alla lotta per ottenere giustizia. Ció nonostante, la Corte Suprema ha solamente annullato la condanna cosí che il caso deve essere considerato nuovamente dalla Corte d’Appello di Santa Rosa di Copán,” esprime Amnesty Internazionale.

"Le accuse contro Marcelino e Leonardo Miranda non deriverebbero da azioni criminali, bensí dal proposito di impedire le loro attivitá per proteggere l’ambiente e la proprietá della terra nelle loro comunitá ."

Gli abusi contro i popoli indigeni d'Honduras ed il fracasso delle autoritá nel investigare e nell' assicurare i responsabili davanti alla giustizia, stanno preoccupando Amnesty Internazionale da anni. Le accuse contro i fratelli Miranda hanno l'obbiettivo di ostacolare la lotta per il riconoscimento dei diritti di proprietá della terra delle loro comunitá, e sono protette da forti interessi economici e politici che si oppongono al lavoro a favore delle comunitá indigene.

"Il fallimento del sistema giudiziario nell’assicurare un giusto processo ai fratelli Miranda ha significato che, come risultato della sentenza, si sono ristrette le possibilitá di portare avanti il lavoro di tutela dei diritti umani delle loro comunitá. A meno che non si presentino delle prove chiare e inconfutabili a loro carico, é ora che Leonardo e Marcelino Miranda recuperino la libertá per continuare il loro prezioso lavoro,” ha concluso Amnesty International.

Note:

Per maggiori informazioni, mettersi in contatto con l’ufficio stampa di Amnesty International di Londra, UK, on +44 20 7413 5562 Amnesty International, 1
Easton St., London WC1X 0DW. web:http://www.amnesty.org

Per contattare il COPINH o Marcelino e Leonardo: copinhonduras@yahoo.es

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)