Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?
    La provocazione del Servizio penitenziario federale a pochi giorni dal quarantaduesimo anniversario del colpo di stato

    Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?

    A beneficiarne, tra gli altri, ci potrebbero essere Alfredo Astiz, Horacio Martínez Ruiz, Victor Gallo, Jorge “el Tgre” Acosta, Julio Simón e l’ex cappellano militare Cristian Von Wernich
    24 marzo 2018 - David Lifodi
  • Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari
    È scandaloso quanto sta succedendo, abbiamo molti trattati internazionali contro le armi nucleari, ma questi non vengono rispettati

    Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari

    Esistono i trattati che vietano l’uso di armi nucleari, ma siamo pieni di basi statunitensi che pretendono di difendere la democrazia difendono solo i loro interessi. Occorre ribellarsi di fronte all’ingiustizia
    13 novembre 2017 - Oscar Litwin
  • Argentina: la polizia spara pallottole di gomma contro i giornalisti
    In occasione delle proteste contro l’approvazione della riforma pensionistica

    Argentina: la polizia spara pallottole di gomma contro i giornalisti

    Molti gli operatori dell’informazione feriti
    20 dicembre 2017 - David Lifodi
  • Argentina: il macrismo attacca la libera informazione
    Licenziato il giornalista di C5N Victor Hugo Morales, che aveva denunciato le pratiche mafiose del Clarín

    Argentina: il macrismo attacca la libera informazione

    Da quando Macri è giunto al potere gran parte dei giornalisti ritenuti non graditi è stata licenziata
    13 dicembre 2017 - David Lifodi

Argentina: continua la politica neoliberista, cresce la concentrazione della ricchiezza in poche mani

La dinamica della crescita economica in Argentina continua a favorire la
concentrazione della ricchezza in poche mani, dato che il 10% piu' ricco
riceve 26,3 volte di piu' della stessa percentuale di popolazione povera.
5 gennaio 2005
Fonte: argenpress

A tali conclusioni e' arrivato uno studio realizzato dal consultivo Equis,
che ha evidenziato che della distribuzione delle entrate ha continuato a
beneficiare, nell'ultimo anno, un'infima parte della popolazione argentina.

Dal maggio del 2003, quando si e' formato l'attuale governo del presidente
Nestor Kirchner, il 40% dei settori con scarse risorse ha ricominciato a
ricevere una porzione minore della torta, mentre i ceti medi hanno recuperato
qualcosa, sostiene lo studio.

Negli ultimi 30 anni, l'estesa classe media e le frange piu' basse hanno
perso tra il 15 e il 40% nel settore della ricchezza prodotta, ha ricordato
Artemio Lopez, del citato consultivo.

La crisi e' cosi' intensa che l'attuale disuguaglianza sociale e' una delle
piu' forti da quando l'Istituto Nazionale di Statistica e Censimenti elabora
i suoi campionamenti sul tema, iniziati negli anni '70, ha avvertito Lopez.

Se soltanto si considera l'informazione piu' recente (dal dicembre del 2003
al giugno del 2004), si osserva che il processo di concentrazione delle
entrate si e' accentuato sempre piu', cadendo la partecipazione di tutti
gli strati, inclusi quelli medi che erano stati favoriti.

I settori piu' poveri o beneficiari di piani sociali non solo non partecipano
alla crescita del Prodotto Lordo Interno (PIL), ma continuano con le loro
entrate nominali di monopolio. Anche se la torta si ingrandisce, ne ricevono
una fetta piu' piccola.

La realta' mostra che nell'Argentina di oggi, al 20% piu' ricco tocca il
53,1% della ricchezza, al 40% medio il 34,7% e il 40% piu' basso - con entrate
inferiori ai 100 dollari - riceve appena il 12,2%.

Con la maggior attivita' economica, ad un ritmo dell'otto per cento annuale
per due anni consecutivi, questa nazione ha dei livelli di produzione pre-crisi,
ma gli indicatori sociali e distributivi continuano ad essere simili, ha
indicato Equis.

Sotto alcuni aspetti - come poverta', indigenza e lavoro nero - le statistiche
sono peggiori di quelle del 2001, quando il paese e' stato scosso dalla
peggior crisi della sua storia, ha concluso il consultivo.

Note:

redaccion@argenpress.info
info@argenpress.info
COPYRIGHT ARGENPRESS.INFO © 2002 - 2004
webmaster@argenpress.info

Tradotto da Silvia Corbatto per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le
fonti, l'autore e il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)