Latina

Comunicato inviato dalla Rete Perù sulle nuove vittime dei militari

PERU': fosse comuni ritrovate nell'accampamento di Los Cabitos

Il Rapporto della commissione della Verità, pubblicato nel 2003 ha calcolato che le vittime del conflitto interno degli anni ’80 e ’90 sono state piu’ di 69.000.

20 gennaio 2005
Redazione di Latinoamerica
Fonte: Rapporto della Commissione della Verita’

Sembra una interminabile saga dell’orrore quella che si va man mano dipanando in Peru’: nell’accampamento militare di Los Cabitos, nella provincia di Ayacucho, sono state scoperte varie fosse comuni e un forno che sarebbe stato utilizzato per eliminare i resti delle persone uccise dall’esercito nel corso delle operazioni di “anti-terrorismo”.
Uno dei corpi ritrovati porta un buco buco nel cranio provocato da proiettile, mentre vicino alle ossa degli altri corpi sono state rinvenute schegge di proiettili.
Yuber Alarcon, avvocato dell’associazione per i Diritti Umani Aprodeh (l’associazione referente in Peru’ di Amnesty International), ha affermato che questa base militare fu utilizzata “come centro di reclusione, tortura, arresti arbitrari ed esecuzioni extragiudiziali commesse durante la gestione del capo politico militare Clemente Noel tra il 1982 ed il 1983”.
Tomas Infante, giudice specializzato nei diritti umani ha confermato che almeno due delle persone sepolte nelle fosse comuni sono state uccise da colpi di pistola esplosi a distanza minima.
Il Rapporto della commissione della Verità, pubblicato nel 2003 ha calcolato che le vittime del conflitto interno degli anni ’80 e ’90 sono state piu’ di 69.000.
La maggior parte delle persone uccise (il 79%) era costituito da contadini poveri (il 40% dei quali abitanti nella regione di Ayacucho). Gente povera che viveva nei villaggi delle Ande o nella Selva, per lo piu’ di origine indigena (il 75% delle vittime non parlava lo spagnolo come prima lingua).
Secondo le ricerche della Commissione, la responsabilita’ del 54,5% delle vittime va suddivisa tra le forze di polizia, l’esercito e i comitati di autodifesa (cioe’ le milizie contadine autoformatesi per difendersi dagli attacchi di Sendero e ben presto inglobate nella strategia repressiva dello Stato), mentre la responsabilita’ del 54% delle vittime ricade su Sendero Luminoso.
Un ultimo 1,5% delle vittime viene attribuito all’organizzazione guevarista dei Tupacamaros che non sono pero’ accusati di violazioni estensive dei diritti umani.
La Commissione nel suo Rapporto denuncia che l’obiettivo delle FFAA fu quello di “terminare rapidamente il conflitto, senza tener conto del costo in vite umane. Vollero recuperare il dominio del territorio supponendo che la popolazione si divideva tra zone fedeli allo Stato e zone sovversive o rosse”.
Carlos Tapia, ex membro della Commissione della Verita’, ha raccomandato alle Forze Armate di riconoscere le violazioni dei diritti umani compiute affinche’ il popolo possa recuperare fiducia nelle istituzioni militari e si inizi la riconciliazione.
Ha poi aggiunto che anche i politici dovrebbero fare un mea culpa poiche’ furono responsanbili dell’operato delle forze armate.
Carlos Basombrio ha sottolineato che fino a che non si ammettera’ la verita’ questa riapparira’ di tanto in tanto come un fantasma cosi’ come accade in Argentina e in Cile.

Articoli correlati

  • Perù: l’estrema destra spinge per il golpe
    Latina
    Keiko Fujimori non si rassegna alla sconfitta

    Perù: l’estrema destra spinge per il golpe

    Prosegue la guerra sporca contro Pedro Castillo, il legittimo vincitore del ballottaggio
    28 giugno 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Perù: un voto a Pedro Castillo per cancellare il fujimorismo
    Latina
    Ballottaggio del 6 giugno: la sinistra ripone le proprie speranze sul maestro rurale

    Perù: un voto a Pedro Castillo per cancellare il fujimorismo

    Assemblea Costituente e nazionalizzazione dei settori strategici dell’economia tra i cavalli di battaglia del candidato di Perù Libre
    28 aprile 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)