Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il Venezuela bolivariano non arretra
    Maduro confermato presidente grazie ad una base chavista ancora solida

    Il Venezuela bolivariano non arretra

    Il boicottaggio elettorale di gran parte dell'opposizione non ha pagato
    23 maggio 2018 - David Lifodi
  • Chávez presente!
    Alcune riflessioni sulle elezioni del 20 maggio in Venezuela a partire dal libro del professor Luciano Vasapollo dedicato alla rivoluzione bolivariana

    Chávez presente!

    Edizioni Efesto, 2018
    16 maggio 2018 - David Lifodi
  • Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro
    In vista delle presidenziali del 20 maggio si moltiplicano i tentativi per costringere il presidente bolivariano alla salida

    Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro

    Si teme di nuovo un intervento militare contro Caracas mascherato da ragioni umanitarie
    7 maggio 2018 - David Lifodi
  • Una buona notizia
    Raccontala ai parlamentari che conoscete e chi sa che non si formi una maggioranza capace di far decidere il futuro governo a “disubbidire” agli ordini dell’imperatore americano

    Una buona notizia

    Un altro paese, il Venezuela, ha depositato alle Nazioni Unite lo strumento di ratifica del Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari che vieta la produzione, il possesso, la presenza al proprio interno e il transito nel territorio di armi nucleari.
    31 marzo 2018 - Giorgio Nebbia

Venezuela: emergenza innondazione, appello del CESVI

20 febbraio 2005 - CESVI

Fra il 6 e il 15 febbraio numerose zone del Venezuela sono state colpite da
piogge torrenziali: tra le aree più danneggiate, oltre alla capitale
Caracas, lo stato Miranda, lo stato Vargas e lo stato Merida.
Le intense precipitazioni hanno provocato perdite umane (circa un centinaio
fra morti e dispersi, e 22.000 senzatetto) e ingenti danni materiali, tanto
che il governo nazionale ha decretato lo stato di emergenza.
La violenza e l'intensità delle precipitazioni hanno causato lo
straripamento di molti corsi d'acqua che - a loro volta - hanno inondato
vaste porzioni di territorio e hanno in molti casi provocato la frana di
zone collinari. Nelle aree colpite sono stati interrotti i servizi di acqua
ed energia elettrica; una parte importante della struttura produttiva,
specialmente quella agricola, ha subìto danni considerevoli.

Il Cesvi - da tempo presente nella regione di Barlovento con un progetto in
appoggio alla produzione del cacao - si è prodigato fin dalle prime ore per
aiutare le popolazioni vittime del nubifragio.
La regione di Barlovento, situata nella parte settentrionale dello stato
Miranda, è stata letteralmente invasa dalle acque. In questa zona, a
carattere essenzialmente rurale, la coltivazione del cacao costituisce una
delle principali attività economiche, tanto che da qui proviene il 40%
della produzione nazionale.

Come conferma Luigi De Chiara, responsabile Cesvi in Venezuela, è stata
messa a disposizione di CORDAMI (Corporazion para el Desarollo Agricolo
dello stato Miranda) una squadra di specialisti che con due fuoristrada è
riuscita ad addentrarsi nelle zone più impervie e a fronteggiare al meglio
l'emergenza. Il Cesvi, inoltre, ha garantito il proprio appoggio nella
fornitura di acqua potabile (bene prezioso visto il rischio di epidemie) e
altri generi di prima necessità per i bambini. Purtroppo, come sottolinea
Luigi De Chiara, a distanza di giorni la situazione rimane critica, i danni
materiali registrati sono ingenti, gli sfollati ben 3.387.
Dei 6 municipi che formano la regione di Barlovento, Paez, Azevedo e Andres
Bello sono stati i più danneggiati: si stima che almeno 26.000 ettari di
terreno siano stati invasi dalle acque in modo massiccio, mentre circa
12.000 famiglie hanno subìto anche altri danni economici, vedendo le
proprie abitazioni compromesse in tutto o in parte.

A ciò va aggiunta un'altra brutta notizia: una parte importante del
raccolto è andata persa e così il nubifragio farà sentire le proprie
ripercussioni negative sull'economia della zona.
Per questo il Cesvi si è impegnato ad aiutare le autorità locali nella
valutazione dei danni arrecati alle culture e nello studio di piani di
recupero per l'attività produttiva.

Note:

Per spedire eventuali aiuti alle popolazioni del Venezuela colpite dalle
recenti inondazioni contattare l'Ambasciata all'indirizzo:

Via Nicolò Tartaglia, 11 - 00197 Roma
Telefono: (00.39.6) 8079797
Fax: (00.39.6) 8084410
Email: embaveit@iol.it

oppure rivolgersi al CESVI:
ufficiostampa@cesvi.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)