Laboratorio di scrittura

La scuola al tempo del coronavirus

Diario di un insegnante

E' il momento di impegnare gli studenti a esercitare il loro senso di responsabilità. Dobbiamo svegliare in loro la curiosità, impegnandoli in cose nuove. Proponiamo la lettura. Per i miei studenti ho creato un archivio di 1700 libri online

Diario di un insegnante In questo momento non dobbiamo interrogare i ragazzi, non li dobbiamo caricare di compiti ed esercizi. Li dobbiamo chiamare al senso della responsabilità e dobbiamo svegliare in loro la curiosità, impegnandoli in cose nuove.

Proponiamo la lettura di un libro.

Per i miei studenti ho creato un archivio di 1700 libri su files.

E' un grande esperimento di collaborazione e di apprendimento cooperativo quello che stiamo vivendo.

Alcuni fanno parte del problema, altri della soluzione. I bambini e i ragazzi devono far parte di quest'ultima.

E' un compito di realtà quello che abbiamo davanti e la scuola deve aiutare a risolverlo.

Le interrogazioni e i voti non servono.

Serve la coscienza, la responsabilità e il desiderio di conoscere, di rendersi utili agli altri.

Articoli correlati

  • La tempesta ha smascherato la nostra vulnerabilità
    Editoriale
    Di fronte alla gravità della minaccia coronavirus

    La tempesta ha smascherato la nostra vulnerabilità

    La tempesta ha smascherato le cose superflue su cui avevamo costruito le nostre agende e ora abbiamo scoperto il vero valore della solidarietà e della fratellanza
    27 marzo 2020 - Papa Francesco
  • Covid-19: destino o capitalismo?
    Latina
    America Latina

    Covid-19: destino o capitalismo?

    Honduras, il caso più emblematico
    27 marzo 2020 - Giorgio Trucchi
  • LEONARDO  versus COVID-19
    Disarmo
    Il profitto prima di tutto

    LEONARDO versus COVID-19

    Leonardo è una azienda strategica per il Paese; ma non è molto chiaro per quale Paese sia ritenuta strategica
    27 marzo 2020 - Rossana De Simone
  • Le fabbriche di armi continuano a lavorare senza sosta
    Editoriale
    PeaceLink aderisce alla richiesta di riconversione civile avanzata da molte associazioni

    Le fabbriche di armi continuano a lavorare senza sosta

    Nel "Decreto Nuove misure per l’emergenza coronavirus" sono "consentite le attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa, nonché le altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale". Il governo potrebbe riconvertire e far produrre respiratori invece di armi.
    24 marzo 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)