Legami di ferro

Dalla foresta amazzonica al quartiere Tamburi di Taranto

La polvere rossa che unisce Piquiá de Baixo a Taranto
19 febbraio 2015

Il denominatore comune che unisce le città di Taranto e Açailândia e i rispettivi quartieri Tamburi e Piquiá de Baixo si chiama minerale di ferro. La polvere di ferro che nel quartiere Tamburi si trova ovunque, parchi giochi, balconi, piedi dei bambini, è la stessa estratta nelle miniere della Vale.
Il quartiere Tamburi e Piquiá di Baixo sono uniti, purtroppo, oltre che dal fumo velenoso che si alza ogni giorno dagli altiforni, anche dai molti casi di malattie respiratorie e patologie tumorali che, in queste due zone della terra, così lontane tra di loro, sono una costante. Fumi delle industrie siderurgiche sopra il quartiere brasiliano di Piquiá de Baixo
Ma sono anche unite da una forte solidarietà, dalla determinazione di chi lotta, quotidianamente, contro l'inquinamento e dalla voglia di respirare aria pulita e di costruire un futuro sano per i propri figli.

Taranto ha creato, da tempo, un gemellaggio con i fratelli brasiliani di Piquià de Baixo, impegnati nella lotta contro la Vale, grazie anche all’appoggio e alla collaborazione dei missionari comboniani, per cercare soluzioni e chiedere alle grandi industrie di rispettare comuni standard etici, ambientali e umani in tutto il mondo.
I Missionari Comboniani, tra i quali l'italiano padre Dario Bossi, alla fine di 2007 lanciarono la campagna “Justiça nos Trilhos” (Sui binari della Giustizia), partita dallo Stato del Maranhão ma che si è diffusa in tutto il mondo (Canada, Indonesia, Cile, Mozambico), in molti dei paesi dove la Vale opera. L'intento era quello di creare una rete internazionale di pressione sulla multinazionale Vale, per cercare di pretendere dalla compagnia una sorta di compensazione per i danni causati all’ambiente e alla popolazione che vive nella regione attraversata dalla sua ferrovia.

La rete Justiça nos Trilhos ha realizzato, negli ultimi anni, attività di denuncia e solidarietà in paesi che lottano contro situazioni analoghe a quella brasiliana. Da questi presupposti è nato l'incontro del 26 settembre 2012 a Taranto, con Federico Veronesi (missionario laico comboniano) e l'avvocato di Justiça nos Trilhos Danilo Chammas, nella scuola De Carolis, nel quartiere Tamburi. Nel corso dell'incontro è stata presentata la mostra fotografica “Il prezzo del ferro” di Marcelo Cruz, giovane fotoreporter di Açailândia, ed è stato piantato il primo seme di quella che speriamo possa diventare una forte alleanza.

Ecco cosa ci dice Padre Dario Bossi “in occasione della mia visita a Taranto, ho percepito una grande affinità tra la storia di Taranto-Tamburi e quella di Piquiá de Baixo. Mi colpisce il fatto che il minerale di ferro di Carajás, che sta distruggendo la vita di molte famiglie qui a Piquiá, é lo stesso che minaccia le famiglie di Taranto, per via delle operazioni della multinazionale brasiliana Vale. Esprimo tutta la mia solidarietà alle vittime dell'inquinamento di Taranto, so cosa significhi vivere colpiti da un tumore o nella paura degli effetti nascosti che a distanza di tempo l'inquinamento fa crescere dentro i nostri corpi”.

Padre Dario sta lavorando duramente per creare una solida rete di solidarietà internazionale, che unisca le vittime della minerazione e siderurgia nel mondo, una rete di resistenza a quelle che vogliamo definire vere e proprie “ingiustizie ambientali”. Una rete di resistenza come quella di cui si parla nel documentario “Polmoni d'acciaio, resistenze locali ad ingiustizie globali” (nella versione portoghese “Pulmões de aço”), di Paolo Annechini e Andrea Sperotti, con la supervisione dello stesso Dario Bossi e di Marco Ratti, che ha voluto comparare tre impianti siderurgici, lontani migliaia di chilometri tra loro, e gli impatti sulle comunità e sul territorio: Piquiá de Baixo, Maranhão (Vale), Santa Cruz, Rio de Janeiro (TKCSA, joint-venture Thyssen Krupp e Vale) e in Italia quello di Taranto (ILVA). Il documentario è stato diffuso in contemporanea in Brasile e in Italia il 28 aprile 2014.

Articoli correlati

  • Cittadinanza globale a partire da Taranto
    Cittadinanza
    Taranto un esempio educativo virtuoso e virtuale

    Cittadinanza globale a partire da Taranto

    A Cortona nel 2008 l’esperienza fondante di un summit sulla cittadinanza attiva e globale
    22 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto
    Taranto Sociale
    I cittadini protesteranno perché il sindaco Rinaldo Melucci non risponde

    ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto

    Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto: "Si chiede ancora una volta che il sindaco dichiari l'incompatibilità dell’area a caldo dell’Ilva con la salute pubblica. Ricordiamo che l'area a caldo dell'Ilva venne già dichiarata fuorilegge fin dal 2012 dalla Magistratura".
    15 ottobre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Sandro ci mancherai
    Taranto Sociale
    Perdiamo una delle sue persone più buone che ci ha accompagnato in questi anni

    Sandro ci mancherai

    Sorridente e scoppiettante come pochi, sapeva rendere colorate e leggere le manifestazioni che facevamo assieme per combattere l'inquinamento a Taranto
    8 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Ilva Football club è la speranza
    Sociale
    A Taranto vogliamo vedere tornare i bambini a giocare all'aperto

    Ilva Football club è la speranza

    Le mie impressioni su "Ilva football club" che è diventato un caso letterario, ricevendo recensioni autorevoli su giornali nazionali. Narra della squadra di calcio dell’ILVA. I suoi calciatori sono tutti morti. Giocavano su un campo contaminato.
    Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)