Legami di ferro

Ambiente, polemica dopo la conferenza stampa in occasione della Giornata dei diritti dell'infanzia

Unicef contro Pd. "A Taranto tesi negazioniste fanno paura"

Secondo il segretario tarantino del PD il portavoce nazionale dell'Unicef avrebbe "ben specificato che i bambini oggi a Taranto sono sani". Replica del portavoce Unicef nazionale Andrea Iacomini: "Non ho mai detto queste cose ma l'esatto contrario".
27 novembre 2018
AGI (agenzia stampa)

Andrea Iacomini, portavoce Unicef Italia, a Taranto nella sede del'Ordine dei Medici, in conferenza stampa

(AGI) - Taranto, 27 nov. - È scontro tra il portavoce nazionale Unicef, Andrea Iacomini, e il Pd di Taranto dopo la giornata dell’infanzia il cui evento conclusivo nazionale si è tenuto proprio a Taranto nei giorni scorsi, presente anche il governatore pugliese Michele Emiliano. Rispondendo al Pd, intervenuto col segretario di Taranto, Giampiero Mancarelli, il portavoce italiano dell’Unicef dice: “Certe tesi negazioniste mi fanno paura. E tenetemi fuori dalle vostre beghe con Emiliano. Vi state dimettendo da essere umani”.

La polemica è sorta dopo quanto detto a Taranto da Iacomini nella giornata dell’Unicef a proposito dell’impatto negativo dell’inquinamento industriale e dell’Ilva in particolare, oggi Arcelor Mittal, sulla salute dei bambini e sull’incidenza di una serie di malattie a partire dai tumori.

Per il Pd di Taranto, “i dati sull'inquinamento dell’aria sono nella norma dal 2014. E da allora la Regione Puglia non ha prodotto più nessun dato sul registro tumori. Lo stesso rappresentante Unicef - rileva il Pd di Taranto - ha ben specificato che i bambini oggi a Taranto sono sani e che i dati sui quartieri e relative malattie sono risalenti al 2014. Mentre un’altra consulente di nomina regionale li spacciava per attuali”. Per il Pd, “si continuano a diffondere, come oggi,  dati allarmanti che però, fortunatamente, sono relativi a un periodo che, mediante l'opera dei governi del Pd  hanno livellato ogni picco. Ogni ulteriore falsa notizia - dice il Pd - è volta a produrre terrorismo ambientale distraendo la cittadinanza dalle cose che per non ritornare ai livelli di inquinamento dei tempi passati occorre oggi fare”.

Iacomini replica invece asserendo: “Vorrei dire al Pd di Taranto con non poca amarezza che non ho mai detto queste cose ma l’esatto contrario. Forse la persona in questione è un pò che non si fa una passeggiata a Tamburi e Paolo VI”, i due quartieri di Taranto più vicini agli impianti siderurgici. (AGI) 

Note: A Taranto durante la conferenza stampa di Andrea Iacomini nella sede dell'Ordine dei Medici era stata abbassata la bandiera italiana a mezz'asta per ricordare i bambini vittime dell'inquinamento.

Articoli correlati

  • Video su Taranto, l'ambiente e la salute
    Taranto Sociale
    A cura di Max Perrini

    Video su Taranto, l'ambiente e la salute

    Il Comitato cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto ha creato un canale su Youtube. Vi riportiamo il link per accedervi
    Redazione PeaceLink
  • Le sette criticità di Acciaierie d'Italia
    Editoriale
    L'accordo fra Invitalia e ArcelorMittal tutela quest'ultima rispetto alle perdite economiche

    Le sette criticità di Acciaierie d'Italia

    La cosa più grottesca è che il peggioramento del cronoprogramma del piano ambientale venga presentato come "green" solo perché verranno fatti alcuni cenni all'idrogeno e a "emissioni zero" nel 2050, ossia quando tantissimi tarantini saranno già morti.
    16 aprile 2021 - Alessandro Marescotti
  • Aiutateci ad andare a Roma!
    Taranto Sociale
    Presidio "Basta così! Si va a Roma"

    Aiutateci ad andare a Roma!

    Il 13 maggio il Consiglio di Stato si esprimerà sul ricorso presentato da ArcelorMittal contro l'ordinanza sindacale di fermo degli impianti a caldo dell'acciaieria. Fin dal 12, se le misure anticovid lo permetteranno, attenderemo pacificamente il verdetto in presidio a Roma.
    12 aprile 2021 - Comitato cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • "Abbiamo fornito spiegazioni"
    Taranto Sociale
    Lavoratore licenziato, per il ministero del Lavoro le informazioni non sono sufficienti

    "Abbiamo fornito spiegazioni"

    “ArcelorMittal conferma di aver fornito al ministro Orlando le spiegazioni richieste riguardo al licenziamento dell’operaio di Taranto”. Così ArcelorMittal in una nota. Il Consiglio comunale di Taranto ha approvato un ordine del giorno nel quale chiede la revoca del licenziamento.
    9 aprile 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)