Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci
    Basilicata

    Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci

    Il tuo 5x1000 per Cova Contro
    27 aprile 2018 - Cova Contro
  • "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"
    Dal comunicato della Rete NoWar:

    "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"

    Con l'affare Skripal, la Gran Bretagna aizza la Guerra Fredda. Orchestra una grossolana montatura contro la Russia e poi, all'unisono, quasi tutti i paesi della NATO espellono “per solidarietà” oltre 100 diplomatici russi. Eppure la GB ha emesso un verdetto senza prove, senza inchiesta indipendente, senza far vedere i rilievi del laboratorio. Un linciaggio bell'e buono.
    31 marzo 2018 - Rete NoWar - Roma
  • Lo stato di salute della Puglia

    Analisi delle cause di decesso in Puglia

    Gli open data ed l'elaborazione statistica statistica hanno consentito questi risultati
    23 marzo 2018 - Antonello Russo
  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
Dalla Redazione di Vita - non profit on line.

Razzismo: troppa poca attenzione in Italia

L'Osservatorio europeo afferma che si sta facendo troppo poco per contrastare l'intolleranza
18 aprile 2005
Fonte: www.vita.it - 14 aprile 2005

Ha proprio ragione l'Osservatorio europeo sul razzismo e sulla xenofobia: è uno scandalo che l'Italia, insieme a Grecia e a Portogallo, non disponga di alcun dato pubblico ufficiale sui crimini razzisti". Lo afferma Luigi Manconi, responsabile diritti civili della direzione nazionale Ds. Ma questo non vuole affatto dire che il problema in Italia non ci sia: qualche tempo fa i professori Michele Sorice e Andrea Boraschi, per conto di 'A buon diritto. Associazione per la libertà', documentarono come in Italia si verifichi quasi ogni giorno un atto di violenza a danno di immigrati.
Il rapporto dell'Osservatore europeo afferma che 'lo stato non sta facendo abbastanza per contrastare le manifestazioni di intolleranza'.
Manconi sottolinea primariamente due punti: "il primo, che l'ispirazione e l'impianto della legge Bossi-Fini, riducendo lo straniero a mera forza lavoro, lo espongono a una condizione di precarietà, incertezza di diritti, mancata tutela; il secondo, che i Centri di permanenza temporanea (Cpt), dove sono trattenuti gli stranieri in via d'espulsione senza aver commesso alcun reato penale, sono luoghi dove abusi e prevaricazioni risultano estremamente frequenti".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)