Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Pubblichiamo il comunicato stampa di Rete NO CPT in merito ai centri di indentificazione previsti per i richiedenti asilo.

Né qui, né altrove!

il tempo è veramente scaduto!E' confermata la riapertura per il 10 giugno 2005
del centro di identificazione di Bari Palese.
11 giugno 2005
Rete No Cpt
Fonte: Rete No Cpt
nocpt@libero.it - 11 giugno 2005

Da anni, proprio a partire dalle terre pugliesi, è stato lanciato un grido di sdegno e centinaia e centinaia di persone si sono attivate per ribadire che nessuna persona è illegale, che gli esseri umani non possono essere considerate come rifiuti da gettare in discariche umane, che non è possibile costringere chi non ha commesso alcun reato in recinti, gabbie o prigioni di alcun tipo.
Per queste ragioni, per anni, si è detto no ai CPT, i centri di permanenza temporanei per le persone che migrano, molte volte scappando da guerre e miseria.
Proprio in questi giorni anche amministratori locali e Presidenti di diverse regioni del sud (innanzitutto della Puglia e della Calabria) si sono apertamente espressi per la chiusura di questi centri, considerandoli dei veri e propri lager in cui non è possibile esercitare i diritti fondamentali della persona.
A quanto pare, però, queste urla non riescono a rompere il muro di indifferenza nei confronti della libertà entro cui si è rinchiuso il governo Berlusconi.
Il Ministro dell’interno, dopo avere riferito alla stampa di non volere aprire altri CPT – ma pur sempre legittimando l’esistenza di quelli ad oggi presenti nelle varie regioni – ha autorizzato l’apertura a Bari di quello che, dal punto di vista tecnico, si chiama un centro di identificazione per richiedenti asilo politico.
Materialmente queste strutture sono assolutamente identiche ai CPT, molto spesso (come a Borgo Mezzanone, in provincia di Foggia) esse sono esattamente nel medesimo luogo, i reclusi condividono roulotte e carcerieri, filo spinato ed invisibilità forzata, desideri di fuga e sogni di una vita in cui si possano condividere i beni comuni e le libertà.
I meccanismi di gestione degli uni e degli altri non hanno, quindi, alcuna differenza!
Si potrebbe dire solo che i centri di identificazione per richiedenti asilo politico sono ancora di più un aberrazione giuridica (se possibile) rispetto ai CPT veri e propri, in quanto vi sono rinchiusi coloro che hanno fatto richiesta di asilo politico perché perseguitati nel proprio paese o perché in quello stesso paese non possono esercitare le libertà riconosciute formalmente dalla Costituzione italiana.
La mortificazione che si vuole infliggere a chi decide dal basso, a livello locale, è troppo evidente.
Il nuovo centro che si vuole aprire è nella zona di Bari Palese, a due passi dall’aereoporto civile ma in una zona recintata in quanto militare.
Qualcuno lo ricorderà perché appena due anni fa, tra luglio ed agosto del 2003, fu chiuso proprio in seguito alle proteste di movimenti antirazzisti, di cittadini e di reclusi.
Le parole dei tanti che si sono espressi a livello locale e regionale contro questi lager devono subito trasformarsi in azione politica rivolta alla loro immediata chiusura ed alla solidarietà nei confronti di quella moltitudine di uomini e donne che giungono su queste terre.
Ci consideriamo, ancora una volta, in mobilitazione permanente
Invitiamo cittadini ed istituzione locali a mobilitarsi contro le leggi sull’immigrazione.

NESSUNA PERSONA È ILLEGALE!
No ai CPT, No alla reclusione dei diritti!

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)