Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

IMMIGRAZIONE: MISERICORDIE, CPT DIVENTINO CENTRI ACCOGLIENZA

19 gennaio 2006 - Ansa
Fonte: Ansa

- FIRENZE, 16 GEN -

I Centri di permanenza temporanea devono essere riconvertiti in luoghi di accoglienza e la loro intera gestione deve essere affidata alle organizzazioni umanitarie, affiancate dai volontari e dagli organi dello Stato che accertino lo
status degli ospiti e limitino la presenza delle forze dell'ordine. Cosi' il
numero dei Centri potrebbe essere aumentato, eliminando il sovraffollamento
in strutture come quella di Lampedusa. Lo chiede, in una nota, la Confederazione delle Misericordie d'Italia che sottolinea anche come la normativa in tema di immigrazione prodotta dall'Unione Europea e dagli stati nazionali ''appare del tutto insufficiente ad assorbire la quantita'di cittadini extracomunitari che premono ai loro confini''. Le Misericordie italiane hanno 722 strutture diffuse su tutto il territorio nazionale con oltre 600 mila confratelli e gestiscono i Cpt di Lampedusa, Crotone, Bari, Modena e Bologna.
Le risposte da dare al fenomeno migratorio, secondo le Misericordie, ''non possono prescindere dal concetto dell'accoglienza, a cominciare dai Centri di permanenza temporanea che devono essere trasformati da luoghi di trattenimento, nei quali vengono ospitati i migranti a causa della loro condizione e non a causa di reati, in luoghi di identificazione e smistamento nei quali possano essere assistiti adeguatamente non ai fini dell'espulsione ma ai fini del corretto inserimento nella societa'civile''.
Questo cambio di rotta, prosegue la nota, contribuirebbe ''a rimuovere l'ostilita' di larghissimi strati di popolazione e di pubbliche amministrazioni verso l'apertura di nuovi Centri che, nella logica dell'accoglienza, devono essere moltiplicati rispetto al numero attuale eliminando le tragiche condizioni di sovraffollamento che periodicamente si sono dovute sperimentare a Lampedusa o in altri centri''.
(

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)