Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Dal mare e dal cielo

Come la Spagna blinda le Canarie
4 aprile 2007
Stefano Liberti
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Per impedire gli arrivi via mare alle isole Canarie, la Spagna ha dispiegato - con l'aiuto dell'Unione europea e la collaborazione dei paesi dell'Africa occidentale - un dispositivo di controllo senza precedenti, che si compone di diversi interventi. Il progetto «Atlantis» prevede operazioni congiunte di pattugliamento tra la guardia civile spagnola e la gendarmeria mauritana al largo della Mauritania. Il progetto «Sea Horse», finanziato per 2 milioni di euro dalla Commissione europea nell'ambito del programma Aeneas, si propone di creare un network di scambi di informazioni riguardanti l'immigrazione irregolare tra Spagna, Portogallo, Marocco, Mauritania, Senegal e Capo Verde. L'agenzia dell'Ue per il controllo delle frontiere, Frontex, ha dispiegato diverse operazioni alle Canarie. L'operazione Hera III, che doveva scattare a febbraio scorso (ma il cui inizio è stato ritardato) fa seguito alle analoghe operazioni Hera I ed Hera II, lanciate rispettivamente la scorsa estate e lo scorso autunno. Hera III si articola in due parti ben distinte: 1) pattuglie aeree e marittine al largo delle coste del West Africa 2) l'arrivo alle Canarie di vari esperti da diversi paesi dell'Unione europea per interrogare i migranti raccogliere informazioni slle rotte migratorie e sui network che organizzano i viaggi. Frontex ha un proprio quartier generale a Santa Cruz de Tenerife.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)