Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    l'appello

    Liberiamo i sette pescatori tunisini

    5 settembre 2007
    Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

    Mercoledì 8 agosto 2007 stava per consumarsi l'ennesima tragedia in mare, se 44 migranti provenienti da Sudan, Eritrea, Etiopia, Marocco, Togo, Costa D'Avorio - potenziali richiedenti asilo - non fossero stati salvati da due motopescherecci tunisini, il Mohamed El Hedi e il Morthada. I coraggiosi pescatori che dal naufragio hanno salvato la vita anche a due bambini, di cui uno disabile, e due donne in stato di gravidanza, sono stati arrestati, appena arrivati al porto di Lampedusa, con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. In questi giorni presso il Tribunale di Agrigento si svolge il processo per direttissima che li vede imputati per avere compiuto un'azione umanitaria!
    Nessuna convenzione internazionale è stata violata dagli equipaggi tunisini, mentre non è affatto chiara la ricostruzione degli eventi proposta dalle autorità italiane. La Convenzione internazionale di Montego Bay impone al comandante di una nave di prestare assistenza a chiunque si trovi in pericolo in mare. La Convenzione Solas obbliga il comandante che abbia ricevuto informazione circa la presenza di persone in pericolo in mare, a procedere con tutta rapidità alla loro assistenza, e la Convenzione Sar impone l'obbligo di prima assistenza e il dovere di sbarcare i naufraghi in un porto sicuro, senza distinzioni relative allo status delle persone o alle circostanze nelle quali avviene l'azione di salvataggio.
    Secondo le «Linee guida sul trattamento delle persone soccorse in mare» adottato nel maggio 2004 dal Comitato marittimo per la sicurezza, il governo responsabile per la zona Sar nella quale sono stati recuperati i sopravvissuti è tenuto a fornire un luogo sicuro, e il comandante dell'unità che ha operato il salvataggio può stabilire la destinazione sicura anche sulla base delle informazioni fornite dai naufraghi.
    Al di là della vicenda giudiziaria, l'eco mediatica di quanto avvenuto sta producendo centinaia di vittime a mare, poiché i motopescherecci che nelle acque del Mediterraneo si imbattono nei gommoni in avaria carichi di migranti si rifiutano di prestare soccorso a chi si trova davanti alla morte, per paura di subire la stessa sorte dei 7 pescatori tunisini.
    Quanto accaduto in queste settimane nel Canale di Sicilia è conseguenza diretta dell'impostazione repressiva con la quale la legge Bossi Fini ha modificato l'art. 12 del T.U. sull'immigrazione, con la successiva emanazione del Decreto interministeriale 14 luglio del 2003, che ha ulteriormente confuso le responsabilità di salvataggio nella zona cd. contigua ai limiti delle acque territoriali.
    Venerdì prossimo, ore 11, sit-in davanti alla Prefettura di Agrigento. Per chiedere: l'immediata scarcerazione dei sette pescatori tunisini che da oltre 20 giorni si trovano ingiustamente reclusi nel carcere di Agrigento; il rispetto delle Convenzioni internazionali che regolano il salvataggio in mare dei naufraghi; il potenziamento degli interventi di soccorso dei migranti in fuga verso l'Europa e il pieno riconoscimento del diritto d'asilo: l'abolizione della legge Bossi-Fini basata sulla violazione dei diritti umani e civili e causa della clandestinità e irregolarità dei migranti e del correlato Decreto interministeriale 14 luglio 2003; la cessazione immediata delle missioni Frontex strumento politico di repressione e morte per migliaia di migranti.

    *** Rete antirazzista siciliana, Asgi Ass. studi giuridici sull'immigrazione, Lab. Zeta Palermo, Fortress Europe, Ass. La soglia, Ask 191, Sparo, Miss. Comboniani Licata, Arci Sicilia, Collettivo 20luglio, Ass. Antimafia Rita Atria, Borderlinee Europe, Migreurop, Remdh Rete euromedit. dei diritti dell'uomo, Fed. dei tunisini per una cittadinanza delle due rive del Mediterraneo-Parigi, Laici Comboniani Palermo, aula Carlo Giuliani Palermo, Attac Catania, www.spaziolibero.it, Giuristi Democratici, Confed. Cobas, Parrocchia di Bosco Minniti Siracusa, Ass. per i Popoli minacciati Bolzano, Mrap Mouvement contre le racisme et pour l'amitié entre les peuples, Cepes, Liberazione, il manifesto, Alex Zanutelli, Fulvio Vassallo Paleologo, Stefano Galieni, Iassine Bel Kassem CMI- Confederazione dei marocchini in Italia, Augusto Cacopardo, Giulia Centineo, Nadia Ferro, Franco Ferro, Fabio Marcelli, Marghareth McAdam Martin Ralph International socialiste League-Asylum Voice, Liverpool, Adel Soltani, Joseph Healy Green Party of England and Galles, Etienne Becker, Raphael Levj - Green Party Liverpool, Akis Gavriilidis

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)