Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

La pioggia nel Pigneto…

Io prendo te come compagno di vita, lungi da me solo il
tollerarti
26 maggio 2008

Taci/ Su le soglie del bosco non odo parole che dici umane/ ma odo parole più nuove che parlano gocciole e foglie lontane/ Ove per tacere si deve intendere l'imperativo per tutti coloro, alemanni e no, che fanno piovere solo parole italiane, quelle disumane legate all'Italia del “lei non sa chi sono io” esplicitate con più o meno prepotente arroganza, accompagnate a più o meno violenze fisiche e per parole nuove delle foglie lontane si debbano intendere quelle di coloro che Italia non sono stati mai nonostante a lei portino ricchezza e che continuano a non essere, se non passatempi per sfogare su di loro miseri istinti italici, confondendo l'umiltà con radicati e deleteri complessi di inferiorità. Gli italiani, complessati più che mai, non sanno che umiltà è ascolto dell'altro, diverso dall'io, e non sanno neppure che questa è l'unica chiave che consente all'altro di parlare e di farsi comprendere.

ma quale tolleranza?

Gli italiani parlano di tolleranza, ma che cavolo di termine è? La convivenza e la condivisione non sono subordinate a tolleranza, ci vuole ben di più. Si tollera lo schiavo, non il compagno di vita. Due sole sono le opzioni, ma se si decide per lo schiavo allora siamo razzisti e dunque taciamo con la pioggia dei bla bla!

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)