Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Il "finto" manifesto "leghista" di Mauro Biani era ben evidenziato come "falso"

"Torturali, è legittima difesa". Sul razzismo e gli immigrati.

Su PeaceLink vi era scritto: "ATTENZIONE!!! I manifesti elettorali pubblicati su queste pagine sono FALSI, e hanno unicamente finalita' satiriche".
28 agosto 2009
Alessandro Marescotti (presidente di PeaceLink)

PUNTUALIZZAZIONE DI PEACELINK
Il manifesto "taroccato"


In queste ore tiene banco la polemica sul caso del "manifesto razzista", si veda

http://www.corriere.it/cronache/09_agosto_27/lega_facebook_immigrati_tortura_3e851dea-930c-11de-9adc-00144f02aabc.shtml
http://www.repubblica.it/2009/08/sezioni/cronaca/immigrati-10/lega-nord-mirano/lega-nord-mirano.html?ref=rephpnews

Il manifesto in questione ha un testo volutamente satirico e provocatorio: "Immigrati clandestini: torturali! E' legittima difesa".
Lo slogan "taroccato" è stato pubblicato nel 2004 sul sito di PeaceLink dal vignettista Mauro Biani sulla pagina web
http://www.peacelink.it/votantonio/gallery/g32_i2484.html

Tuttavia è stato diffuso come "vero" manifesto manifesto su Facebook e ha fatto proseliti anche fra personaggi "eccellenti"!

Su PeaceLink vi erano anche altri manifesti satirici "taroccati" riguardanti TUTTI i partiti politici; la galleria di immagini su cui è stato inserito il "falso" manifesto è infatti
http://www.peacelink.it/votantonio/i/1281.html
e vi era scritto: "ATTENZIONE!!! I manifesti elettorali pubblicati su queste pagine sono FALSI, e hanno unicamente finalita' satiriche, legate all'esercizio del libero diritto di critica e di espressione del pensiero, garantiti dall'articolo 21 della Costituzione".

Il fatto che, nonostante ciò, la finzione sia scambiata per realtà e che la satira venga confusa per vera politica è indice di una preoccupante degenerazione in atto. Occorre fermare il virus del razzismo prima che sia troppo tardi. Affermò alla fine del Settecento Francisco Goya: "Il sonno della ragione genera mostri". Ricordiamocelo tutti anche oggi.

Alessandro Marescotti

Presidente di PeaceLink

Articoli correlati

  • La bambina e la gang
    Pace
    Razzismo negli Usa

    La bambina e la gang

    Aveva sei anni e solo con la scorta riusciva a entrare in classe. Nel 1960 Ruby Bridges fu la prima afroamericana della sua scuola a New Orleans. All'esterno, una combriccola aggressiva le faceva la posta, un gruppo di donne ostili le rese la vita un inferno
    22 novembre 2020 - Jasmin Lörchner
  • L'invenzione del razzismo
    Pace
    Ideologia

    L'invenzione del razzismo

    Da sempre le persone reputano superiore il loro gruppo. Ma solo l'idea di razze diverse consentì di motivare e imporre quest'impressione
    11 ottobre 2020 - Vanessa Vu
  • La ricerca dell'altro
    Pace
    Favorire e comprendere la diversità

    La ricerca dell'altro

    I nazionalismi, i regionalismi, i fondamentalismi, i sovranismi, le imprese di purificazione etnica sono processi che generano intolleranza e sfociano in razzismo e in altre ideologie criminali
    29 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Martin Luther King: "I bambini e la nostra lotta nonviolenta"
    Storia della Pace
    Come trasformare la debolezza e la fragilità in forza

    Martin Luther King: "I bambini e la nostra lotta nonviolenta"

    La forza di trasformazione del metodo nonviolento sta nel coinvolgimento dei più deboli, degli inermi, delle donne, dei bambini, di coloro i quali sarebbero sconfitti se puntassero sull'uso della forza.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)